Come nel 1935

Il gp dei mezzi d’epoca sulle mura raccontato da settanta fotografie

Il gp dei mezzi d’epoca sulle mura raccontato da settanta fotografie
Eventi 29 Maggio 2018 ore 06:30

Grande successo per la 13esima edizione della rievocazione del Bergamo Historic Gran Prix. La kermesse motoristica si è svolta domenica 27 maggio sulle mura di città alta che per un giorno all’anno si trasformano in un circuito cittadino d’eccellenza grazie all’organizzatore Simone Tacconi e al Comune di Bergamo. Quest’anno è stato raggiunto il massimo numero di partecipanti di sempre, nel paddock c’erano rare Vetture Anteguerra Gp e Sport e Monoposto, Gts pre 1975, Moto da Gran Premio e derivate corsa pre 1975.

68 foto Sfoglia la gallery

Tra le vetture da corsa Anteguerra una rara Diatto del 1922, le numerose Amilcar 6c e CGSS, una Maserati 26m del 1928 e una MG del 1933… Poi tra le monoposto due Moroni F Junior del 1958/59, le uniche esistenti al mondo, costruite a Lodi, una F 3000 con livrea nera/oro John Player Special, una Lotus BRB F3 del 1964… Tra le Gts importanti Porsche per il 70esimo anniversario: 911 Carrera RS, 356 Speedster Carrera, 914 e una mostruosa GT2RS da 700 cv… E le Alfa Romeo per ricordare la vittoria di Nuvolari nel 1935, e molte Jaguar, Ferrari, Lotus… Infine tra le moto da gp una numerosa schiera di Gilera da corsa del Club di Arcore, le Rumi che corsero sulle mura negli anni ’50, le Laverda ufficiali da endurance anni ’70 ed alcune Mv Agusta con l’inossidabile campione Carlo Ubbiali, 9 volte campione del mondo.

Ospiti speciali. Tra gli special guest Tomaso Trussardi con una gialla Ferrari e il pilota Porsche Carrera Cup Italia 2018 Chicco Reggiani con la Porsche GT2RS. La mattina nella stupenda Piazza della Cittadella gremita di pubblico sono state esposte per marchio le vetture d’epoca mentre le manche si sono svolte tutte nel pomeriggio dalle ore 14 alle ore 18. Sono intervenuti equipaggi da tutta Europa (Liechenstein, Germania, Belgio, Francia, Svizzera…) per rievocare le gesta di Tazio Nuvolari che detiene ancora oggi il record sul giro: 2 minuti esatti su 2.980 metri del tracciato cittadino medioevale. L’organizzazione, come da tradizione, ha anche una finalità benefica, destinata allo Spazio Autismo Bergamo.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli