il 24 luglio è stata sgomberata

L’incredibile baraccopoli in un grattacielo di Caracas

L’incredibile baraccopoli in un grattacielo di Caracas
26 Luglio 2014 ore 14:35

Si trova a Caracas, non in Israele, anche se si chiama Torre di David. È l’edificio reso famoso in tutto il mondo da Iwan Baan. Oggi sono iniziate le operazioni di sgombero della sua variopinta popolazione.

Olandese del 1975, Baan è il fotografo più amato dai grandi architetti contemporanei. Ha vinto tutto quel che c’è da vincere nel suo campo. È stato paragonato a artisti da leggenda come Diane Arbus (che però fotografava persone) per il fatto che i suoi scatti sono allo stesso tempo pittura, grafica e messa in evidenza della struttura profonda – emotiva e razionale – della “cosa” che catturano senza con questo volerla imprigionare. Perché lo sguardo di Baan è sempre lieto, complice, misericordioso.

Uno dei momenti più noti della sua attività è stato l’incontro con la Torre Confinanzas, un grattacielo di Caracas che avrebbe dovuto ospitare banche ed è stato invece abbandonato – incompiuto – per la sopravvenuta crisi finanziaria. Col nome mutato in Torre di David è diventato la più grande baraccopoli verticale del mondo, e l’oggetto del lavoro che Baan ha portato alla Biennale di Venezia del 2012.

Dal 24 luglio la Torre di David è stata sgomberata. La gente che vi abita è stata portata in una zona nuova della città più sicura e confortevole. Nessuna violenza. Bruno Zevi, uno dei nostri maggiori architetti – l’anticlassico, come è stato definito – soleva ripetere che il Colosseo è certamente molto più bello adesso di quando era tutto intero. Ne siamo convinti anche noi. Anche la Torre – esempio di “architettura senza architetti”, per usare un’espressione del suo fotografo – rimarrà certamente più bella nelle immagini della sua disfatta che nella perfezione del suo completamento. Se mai si farà.

24 foto Sfoglia la gallery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia