Notizie su Bergamo e provincia

Notizie su Bergamo e provincia (28 maggio-2 giugno 2018)

Notizie su Bergamo e provincia (28 maggio-2 giugno 2018)
Eventi 01 Giugno 2018 ore 09:00

2 GIUGNO

 

1 – Agnelli nominato Cavaliere del Lavoro. È il re delle pentole degli chef

C’è anche un bergamasco, Baldassare Agnelli, dell’omonima azienda che produce pentole famose in tutto il mondo, tra i 25 cavalieri del lavoro nominati ieri dal presidente Sergio Mattarella, che ha potuto dedicarsi a un compito più rilassante dopo la formazione del nuovo governo. È amministratore delegato del Gruppo Alluminio Agnelli, realtà imprenditoriale avviata a Bergamo dal nonno nel 1907 ma che poi ha visto il salto industriale proprio quando, nel 1961, Baldassare e il fratello Paolo fondano la Agnelli Metalli Spa per il commercio di metalli ferrosi e non ferrosi. Attualmente il gruppo produce un milione di pentole l’anno, il 75% destinato al mercato italiano e copre l’80% del mercato professionale nazionale. Produce anche profilati, serramenti, intelaiature per automobili e diversi componenti industriali. Ricicla il 100% dell’alluminio. Ha partecipato attivamente alla realizzazione della prima ala museale dedicata all’alluminio del Museo della Tecnica e della Scienza di Milano. Nel complesso il Gruppo conta 500 dipendenti.

2 – Investite ieri sera a Dalmine, gravi due donne di 73 e 83 anni

Ieri sera a Dalmine, viale Marconi all’incrocio con via Gorizia, due donne di 73 e 83 anni sono state investite da un’auto – una Volkwagen Polo – mentre attraversavano la strada. L’impatto è stato molto violento e le due donne hanno riportato traumi gravi. Ora sono ricoverate in condizioni gravi al Papa Giovanni di Bergamo.

3 – Colombia-Egitto finisce 0-0 a Bergamo: spettacolo sugli spalti

Pareggio senza reti fra la Colombia di Perkerman e l’Egitto di Cuper, privo della stella Salah, nell’amichevole pre-mondiale disputata ieri nello stadio Atleti Azzurri d’Italia. Nel primo tempo palo su punizione di James (36′), pallonetto alto di Cuadrado e parata di Ospina (42′) su colpo di testa ravvicinato di Shoby. Nel secondo tempo, i Cafeteros spingono senza concretizzare e Radamel Falcao viene sostituito dal milanista Bacca (in prestito al Villarreal), vicino al gol in mischia al 39′. Spettacolo di colori sugli spalti.

4 – Tornata in Bergamasca la ciclista 17enne vittima di un incidente stradale a Parre

Agnese Romelli è tornata a Bergamo. La ciclista 17 anni di Clusone, vittima di un grave incidente sulle strade di Parre a inizio maggio, da qualche giorno è nella sua terra, al centro di riabilitazione neuromotoria di Mozzo. Sta iniziando con entusiasmo la fisioterapia e si prepara al ritorno in pista.

5 – Ladri di ruote in azione a Calvenzano

Un furto di ruote, ai danni di due Lancia Y, nel parcheggio pubblico di via Vesture a Calvenzano. L’episodio, accaduto la scorsa settimana, ha sollevato la questione dei controlli e della sicurezza nella “zona nuova” del paese. I ladri sono entrati in azione nella notte tra mercoledì e giovedì scorso. Giunti nel parcheggio, che si trova poche decine di metri prima del parco Bonacina, hanno preso di mira due utilitarie posteggiate. Per sollevare le due macchine i malviventi hanno utilizzato dei chiusini in ghisa rimossi dai pozzetti di una strada limitrofa. Così la mattina seguente hanno trovato le proprie auto i proprietari: poggiate sui chiusini e senza cerchi né gomme.

 

1 GIUGNO

 

1 – Operaio schiacciato da una lastra. Grave infortunio sul lavoro a Lallio

Grave infortunio oggi in un’azienda metalmeccanica di Lallio, l’Officina Nastri Trasportatori. Un operaio sarebbe stato investito da una lastra di acciaio che si è sganciata dal supporto mentre la stava movimentando. Il lavoratore, 51enne, ha subito fratture ed è stato ricoverato presso l’ospedale Papa Giovanni XXIII con prognosi di 60 giorni.

2 – Bilancio consuntivo 2017, record di investimenti per il Comune di Bergamo

Il Comune di Bergamo chiude il 2017 con un bilancio positivo, garantendo gli equilibri finali e realizzando risultati importanti, soprattutto per quel che riguarda le opere realizzate in città. Il vicesindaco Sergio Gandi ha presentato oggi a Palazzo Frizzoni i risultati del consuntivo 2017: molti gli elementi positivi per la situazione dell’ente municipale, con diverse novità rispetto al documento di previsione per l’esercizio dell’anno scorso. Innanzitutto crescono le entrate, in parte per l’aumento di trasferimenti (+2 milioni di euro da Stato, Regione Lombardia e Provincia di Bergamo) e di entrate extratributarie (tra sanzioni del codice della strada, canone Atb, dividendi e la gestione della rete del gas), ma soprattutto per quello che riguarda le entrate tributarie (ben +4,4 milioni di euro), dovute agli accertamenti Ici, Tia, all’incremento registrato sull’Imu e al Fondo di Solidarietà Comunale. Sotto controllo la spesa, che registra un decremento leggero per quel che riguarda le dotazioni di servizio e il funzionamento della macchina comunale, ma soprattutto che consta di un incremento delle uscite per servizi ai cittadini, con +2,4milioni di euro destinati a servizi sociali, educativi e culturali. La situazione così descritta ha così consentito di evitare il disavanzo ipotizzato in sede di bilancio previsionale 2017 (inizialmente a -1,4milioni di euro) e chiudere invece con un avanzo consistente, di oltre 5 milioni di euro. In questo contesto il Comune apposta 9 milioni di euro, ovvero il 100% del Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità: per il terzo anno consecutivo l’Amministrazione Comunale si conferma virtuosa, corrispondendo in toto – quindi ben oltre le previsioni e le prescrizioni di legge – il fondo FCDE. Per quello che riguarda gli investimenti e, quindi, la parte di Conto Capitale del bilancio comunale, il 2017 si dimostra un anno record dell’ultimo decennio: l’Amministrazione Gori chiude infatti con 49,4milioni di euro in opere pubbliche e investimenti. Di questi investimenti 23,7 milioni provengono da annualità precedenti il 2017 attraverso il Fondo Pluriennale Vincolato. Ben 25,6 milioni invece corrispondono agli investimenti 2017 (di cui 20milioni di opere previste dal Piano delle Opere Pubbliche 2017): il finanziamento proviene da alienazioni (9milioni, molti provenienti dalla vendita dello stadio), da oneri di urbanizzazione (3milioni di euro), 3,6 da contributi pubblici e privati e ben 10 milioni da avanzo di amministrazione. Vengono così agevolmente garantiti gli equilibri finali, con il Comune in grado di ridurre ulteriormente il proprio debito (ben 7 milioni, ora a quota 28milioni) e continua a viaggiare verso una piena estinzione dei mutui e prestiti.

3 – Autotorino, Job day a Curno per chi cerca lavoro nel settore dell’auto

Job Day Autotorino per chi culla il sogno di lavorare nel settore dell’Automotive: sale l’attesa per gli appuntamenti di giugno nelle province di Varese e Bergamo. Venerdì 15 giugno a Olgiate Olona (Va) e venerdì 22 giugno a Curno saranno giorni dedicati a chi vuole cosstruire il proprio percorso professionale nell’azienda leader tra le concessionarie italiane.

4 – Evasore totale per un milione. Aveva 122 dipendenti: denunciato

Una cooperativa bergamasca amministrata da un imprenditore cinquantenne residente in Brianza, del tutto sconosciuta al Fisco, è stata scoperta dai militari della Guardia di Finanza di Bergamo. La società, apparentemente attiva nel settore del movimento merci, in realtà forniva manodopera ad altre imprese e ha omesso di dichiarare al Fisco ricavi per oltre due milioni di euro, compensando con falsi crediti d’imposta quanto avrebbe dovuto versare come contributi Inps ed Inail. L’ammontare delle imposte evase è stato quantificato in circa un milione di euro mentre la società aveva assunto solo formalmente 122 dipendenti. Al termine delle indagini l’imprenditore è stato denunciato per omessa presentazione della dichiarazione dei redditi e Iva e di indebita compensazione e il gip di Bergamo Vito Di Vita, su richiesta del pm Nicola Preteroti, ha emesso un decreto di sequestro preventivo ai fine della confisca diretta e per equivalente fino al pagamento della somma evasa di denaro, conti correnti e diversi immobili dell’evasore totale.

5 – Scontro auto-moto a Castelli Calepio, grave motociclista

Grave incidente stamattina a Castelli Calepio. Ancora da chiarire l’esatta dinamica. Una moto si è scontrata con un’auto lungo la strada provinciale 91, in località Tagliuno. Grave il motociclista: sul posto sono intervenute un’ambulanza, un’automedica e un mezzo dell’elisoccorso.

6 – Serpente esce dal cruscotto dello scooter: rischia di finire fuoristrada

La testa del serpente che sbuca dal cruscotto dello scooter. I pompieri hanno dovuto smontare tutta la moto per riuscire a togliere il rettile che si era intrufolato all’interno degli ingranaggi e non ne voleva sapere di uscire. I vigili del fuoco di Gazzaniga (Bergamo) sono intervenuti ieri lungo la provinciale 129 della Valle Seriana nei pressi di Albino, dove che un motociclista spaventato si era accorto dell’inusuale presenza all’interno del suo mezzo di trasporto. La testa dell’animale è sbucata all’improvviso dalla maniglia dell’acceleratore e lui, 44 anni, è sobbalzato rischiando anche di cadere. Fortunatamente si trattava solo una biscia, anche se lunga un metro. La squadra dei vigili del fuoco è dovuta intervenire per risolvere la situazione: le operazioni di smontaggio, recupero e liberazione dell’animale sono durate oltre un’ora e mezza.

7 – Esami terza media: 11mila studenti pronti al “via” in Bergamasca

Esami di terza media, pronti via. Sono 11.404 gli studenti di terza delle scuole secondarie di primo grado bergamasche in 523 classi: 10.298 nelle statali in 477 classi e 1.106 nelle paritarie in 46 classi. Tre scritti e un colloquio. Le prove scritte sono: italiano, matematica, lingue straniere (articolata in due sezioni in un’unica giornata). Il colloquio deve tenere conto anche dei livelli di padronanza delle competenze connesse alle attività svolte nell’ambito di Cittadinanza e Costituzione. Ogni scritto non può durare più di quattro ore. Spetta alla commissione, nell’ambito della riunione preliminare, predisporre le tracce delle prove sulla base delle proposte dei docenti delle discipline coinvolte e in coerenza con i traguardi di sviluppo delle competenze previste dalle Indicazioni nazionali, nonché definire criteri comuni per la correzione e la valutazione.

8 – Infortunio sul lavoro, operaio schiacciato da una bobina

Infortunio sul lavoro questa notte a Zingonia, alla Blu Plast di Corso Italia. Un operaio 29enne stava imballando un prodotto quando è rimasto schiacciato da una bobina di film plastico. Immediatamente si sono attivate le procedure di emergenza dell’azienda. Sul posto sono arrivati i soccorritori della Croce Rossa di Treviglio in ambulanza e un’automedica. Allertata anche l’Ats di Bergamo. L’uomo è stato trasportato al Policlinico San Marco dove è arrivato verso mezzanotte e mezza. Dopo i primi accertamenti è stato dimesso verso le due di notte. La prognosi è di un mese. Ha riportato una frattura e qualche contusione.

 

31 MAGGIO

 

1 – Rame al posto di cereali e granaglie. Metalli preziosi nascosti in fattoria

In una fattoria, al posto di cereali e granaglie, c’erano 72 quintali di rame, 14,4 di alluminio, e poi ottone, acciaio inox e ferro. Uno strano sequestro quello portato a termine oggi dalla Polizia di Bergamo, in quella che in teoria avrebbe dovuto essere un’azienda agricola di Palosco. Di fatto l’attività agricola relativa alla coltivazione di cereali in realtà era un rottamaio abusivo: il conduttore recuperava vari materiali metallici. Accanto a cavi di rame da spellare, c’erano polvere di rame, bilance e macchinari. Probabilmente, il gestore rivendeva i metalli come materie prime. Il valore atteso sul mercato era di 50mila euro. Un bergamasco, classe 1965,  incensurato, è stato denunciato a piede libero per i reati di ricettazione e danno ambientale.

2 – Mille euro di superalcolici rubati all’Esselunga: fermati

La donna faceva da palo mentre gli altri due complici entravano nel supermercato con borse schermate che riempivano di superalcolici, trucchi e altro. Poi scappavano con il bottino. Primi due colpi il 24 e il 27 maggio all’Esselunga di via Corridoni, per un bottino totale di quasi mille euro. Ieri, invece, all’Esselunga di via San Bernardino, le guardie giurate li hanno fermati. Sono tutti italiani 31enni senza fissa dimora. Arrestati per furto aggravato dai carabinieri, saranno processati per direttissima.

3 – Inaugurato all’aeroporto di Orio il primo Infopoint Gate regionale

L’aeroporto Internazionale di Bergamo, terzo in Italia per numero di passeggeri (oltre 12milioni nell’ultimo anno), ha avuto l’onore questa mattina di inaugurare il primo degli Infopoint Gate previsti dalle delibere regionali per valorizzare, innovare e adeguare le strutture che intercettano i principali flussi turistici della regione, ovvero, quelle localizzate negli snodi principali della rete di mobilità come aeroporti e stazioni ferroviarie. Il progetto è stato promosso da Regione Lombardia ed Explora, in collaborazione con  VisitBergamo. I costi totali dei lavori (circa 100mila euro) sono stati ripartiti tra Regione Lombardia, Camera di Commercio di Bergamo e la stessa VisitBergamo.

4 – Tutti in coda per il lavoro ad Amazon. Recruiting day, che folla a Casirate

Oltre 350 persone hanno letteralmente assalito stamattina la palestra di Casirate per il recruiting day di Amazon Casirate. Già più di cento persone erano in fila dalle prime ore di questa mattina per partecipare alle selezioni per un lavoro nel nuovo deposito Amazon di Casirate. Uomini e donne di tutte le età alla ricerca di un lavoro. Età diverse, titoli di studio diversi, tutti davanti alla palestra. Giovani e meno giovani, laureati, diplomati e con la terza media. Tutti speranzosi di poter diventare dipendenti del colosso dell’e-commerce. I colloqui sono iniziati alle 10 e proseguiranno fino alle 4 di oggi pomeriggio. Il colosso dell’e-commerce, come noto, sta impiantandosi in un nuovo stabilimento logistico a poche decine di metri dal casello di Brebemi, e prevede di assumere nei prossimi tre anni tra le 350 e le 400 persone. Il reclutamento è cominciato oggi. I formatori di Adecco e i responsabili di Amazon Italia stanno spiegando ai candidati, radunati in palestra e ascoltati a gruppi, quali saranno le mansioni richieste. Si tratta soprattutto di addetti al magazzino. La valutazione dei cv che saranno consegnati oggi verrà però fatta in seguito. I candidati vengono da tutta la Bassa e dall’Alto cremasco, soprattutto, non ci sono molti candidati da “fuori”. Sono indistintamente uomini e donne, italiani e stranieri, dai diciotto ai cinquant’anni e oltre. «L’età non è una vera discriminante – spiega Fabio Giordano Paglioni, del team Pr di Amazon , sul posto insieme a Valeria Canarini del team Risorse umane di Amazon – Se è preferibile un candidato giovane, anche un cinquantenne con esperienza nel settore è tenuto in buona considerazione».

5 – Andrea Locatelli, casco nerazzurro. Al Mugello con l’Atalanta in testa

Fare dei caschi celebrativi è una bella usanza dei piloti di casa. Ma un casco dedicato all’Atalanta non s’era mai visto. Lo indosserà sabato e domenica al Mugello Andrea Locatelli, team Italtrans, durante le qualifiche e la gara della Moto2. Sperando che gli porti fortuna. Sulla parte posteriore del casco ci sono 11 omini Lego con la maglia nerazzurra numero 5 (il suo numero).

6 – Seggiovie di Brembo Ski, Moretti ha deciso di farsi da parte

Fulmine a ciel sereno (anzi variabile) nella scalata alle seggiovie di Brembo Ski. Massimo Moretti fa un passo indietro: impegnato nel tentativo di rilancio della stazione di sci, ha deciso ora di farsi parte. Con il fallimento di Brembo Super Ski in atto, non chiederà più la gestione delle seggiovie di Foppolo-Carona. La volontà della Curatela, dice, è di gestire l’intero comprensorio, quindi vuole evitare intoppi.

7 – Diventa aguzzino a 77 anni: minacce e botte alla moglie

Odissea vissuta nel 2017 da una donna di 65 anni, residente in un Comune dell’Isola Bergamasca, per colpa del marito, 77enne, condannato a 2 anni e 2 mesi di reclusione per stalking nei confronti della moglie (ormai ex). Minacce se si azzardava ad accendersi una sigaretta, insulti e botte con il mattarello se la cena non era pronta all’ora stabilita. Ma anche oltre, tipo fotografie di lei postate su Facebook con frasi del tipo «La signora vi aspetta per incontri bollenti».

8 – 26mo arresto del 2018 per la Polizia Locale del Comune di Bergamo

Attenzione sempre altissima contro lo spaccio di sostanze stupefacenti e la microcriminalità da parte della Polizia Locale nell’area tra via Quarenghi, via Bonomelli e via Paglia: nel pomeriggio di ieri, intorno alle ore 16, gli agenti del Nucleo di Sicurezza Urbana hanno messo a segno l’arresto numero 26 del 2018. A essere fermato, questa volta all’altezza del civico 58 di via Quarenghi, è stato K.L., 20enne residente in provincia, mentre stava vendendo hashish a una diciottenne della provincia di Bergamo. Al giovane, con precedenti specifici, sono stati sequestrati 51 grammi di hashish, il telefono cellulare e il denaro appena ricevuto dalla ragazza. Questa mattina sarà processato per direttissima, mentre per la ragazza è scattata la segnalazione alla Prefettura.

 

30 MAGGIO

 

1 – Nel censimento dei gioielli del Fai spopola l’ex carcere di Sant’Agata

Sono oltre 100 tra comitati e comuni che hanno già preso contatto con il Fai per il nono censimento dei Luoghi del cuore. Un’iniziativa che dal 2003 ha coinvolto 5 milioni di cittadini, desiderosi di segnalare, salvare, un posto magico, alle volte per una sola persona, più spesso per intere comunità. Le votazioni si sono aperte oggi e si chiuderanno il 30 novembre. «Ormai questo è un modo di dire entrato nel lessico comune – ha detto oggi Marco Magnifico vicepresidente del Fai annunciando l’avvio del censimento -. In questi anni ha fatto emergere l’Italia degli italiani e ha fatto capire quanto gli italiani siano innamorati del loro paese, convinti di essere nati nel posto più bello del mondo». Tra le prime segnalazioni arrivate i tabernacoli votivi di Capannoli (Pisa), l’ex carcere di Santa Agata a Bergamo, l’isolotto di Vivara a Procida (Napoli).

2 – Trattore ribaltato sulla Francesca, lunghe code ma autista illeso

Nel tratto di Verdello delle Francesca, poco distante dal centro commerciale, un mezzo agricolo si è ribaltato mettendo in seria difficoltà la circolazione. Non risultano al momento feriti, sul posto la Polizia locale per regolare il traffico.

3 – Va armato di fucile per le strade. Allarme a Ciserano (era un giocattolo)

Ieri sera verso le 18.30 le segnalazioni hanno sommerso la Polizia locale di Ciserano. «Un pazzo armato di fucile sta girando per le strade». È arrivato dalla strada da Arcene e si è diretto verso il centro del paese. Panico tra i ciseranesi. Gli agenti della locale lo hanno rapidamente fermato sequestrando l’arma. Grande sorpresa però quando il ragazzo, un minorenne di origini africane, ha consegnato il fucile agli agenti. Si trattava molto banalmente di un’arma giocattolo. Il fucile era anche munito di regolare tappino rosso per segnalare che era finto. Il sindaco ha comunque ringraziato i cittadini che hanno segnalato consentendo le verifiche da parte degli agenti.

4 – «Di Gori più nessuna traccia, nome cancellato dal gruppo consiliare»

Dalla Regione il consigliere segretario Giovanni Malanchini bacchetta il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori. «Da oggi anche Palazzo Pirelli ha il suo fantasma: trattasi del candidato alle regionali Giorgio Gori. Dopo un mese di tira e molla, indeciso se restare in carica come consigliere regionale di opposizione tra le fila del Consiglio regionale lombardo o tornare a orecchie basse a fare il sindaco di Bergamo, oggi del signor Gori non vi è più traccia – ha dichiarato senza troppi mezzi termini Malanchini – Con la delibera pervenuta in Ufficio di Presidenza, il suo nome sparisce anche dalla denominazione della sua lista civica. I compagni del primo cittadino orobico, infatti, non hanno perso tempo e a poco più di un mese di distanza dalla sua uscita di scena in Consiglio regionale il gruppo “Gori Presidente” diventa “Civici Lombardia Europeisti”. Insomma, della meteora Gori, che se ne andò dichiarandosi comunque disponibile a supportare la sua lista, se ne sono voluti liberare anche i suoi, dopo che lo hanno fatto gli elettori».

5 – La Polizia stradale di Seriate lo ferma all’Autogrill: nel bagagliaio 5 kg di eroina

La Polizia stradale di Seriate ha fermato un 42enne per un normale controllo all’Autogrill Brembo, Dalmine, direzione Milano, poi lo ha arrestato. Nella sua Renault Megane aveva quasi cinque chilogrammi di eroina e 60 grammi di cocaina. Si tratta di un 42enne albanese domiciliato a Abano Terme in provincia di Padova.

6 – Lottomatica in città per sensibilizzare l’opinione pubblica sul divieto del gioco minorile

La campagna Facciamo girare la voce arriva a Bergamo. Il tour informativo per la prevenzione del gioco minorile – iniziativa promossa da Lottomatica attraverso la partnership consolidata con Moige (Movimento Italiano Genitori) e Fit (Federazione Italiana Tabaccai) – fa tappa domani in 4 tabaccherie del territorio per condividere informazioni utili nel processo di sensibilizzazione pubblica sull’argomento. Di seguito i punti e gli orari in cui gli operatori del Moige incontreranno i bergamaschi: ore 09.00 – Via Giovanni Carnovali, 41; ore 11.00 – Via Papa Giovanni XXIII, 58; ore 14.00 – Via Portici Sentierone, 39; ore 16.00 – Piazzale Guglielmo Marconi, Stazione Autolinee.

7 – Materasso abbandonato nella notte sul rondò di Monterosso

Lo hanno lasciato appoggiato al guardrail, su un rondò dove passano molte auto: quello sulla superstrada, a Monterosso. Nella notte tra martedì 29 e mercoledì 30 maggio, i soliti ignoti hanno abbandonato proprio lì un materasso. Troppa fatica portarlo sino alla piazzola ecologica di A2A alla Grumellina, in via Goltare. Un gesto incivile di quelli che che da noi, fortunatamente, capitano poco spesso.

 

29 MAGGIO

 

1 – Centinaia a sostegno di Mattarella. Tricolori e inno di Mameli in via Tasso

L’appello l’aveva lanciato il presidente della Provincia Matteo Rossi, scrivendo: «Gli attacchi e le minacce al presidente della Repubblica sono gravissimi». E in centinaia hanno raccolto l’invito al presidio di stasera davanti al palazzo di via Tasso. Si son viste bandiere legata attorno al collo e libri della Costituzione. È stato cantato l’inno di Mameli. «La situazione è grave – ha detto Rossi -. Quello che stiamo vivendo in queste ore è uno dei momenti più drammatici della Repubblica. Io sto con il nostro presidente Mattarella, che si è mosso in modo ineccepibile e ha usato parole chiarissime nel suo messaggio».

2 – Arrestato l’ex direttore Inps di Bergamo, ora a Sondrio

Sono rivelazione di segreti d’ufficio e corruzione le accuse con cui sono finiti agli arresti domiciliari il nuovo direttore dell’Inps di Sondrio, Angelo D’Ambrosio, già a capo della sede di Bergamo, e un imprenditore della provincia di Bergamo. Nell’ambito di una complessa indagine in relazione a reati finanziari e fiscali (con un ricorso sistematico alle indebite compensazioni d’imposta su numerose realtà economiche in diverse regioni), avviata dalla Procura di Bergamo, questa mattina la guardia di finanza e la squadra mobile di Lecco hanno dato esecuzione alle due ordinanze di custodia cautelare. Agli arresti domiciliari anche il presunto corruttore, imprenditore che operava nel settore cooperativo della somministrazione di manodopera.

3 – Locali sanzionati più volte, scatta la chiusura anticipata

Ci sono cinque nuovi locali soggetti a ordinanza di restrizione riguardo all’apertura (mezzanotte e mezza anziché l’una e mezza) perché negli ultimi mesi sono stati sanzionati più volte dalla polizia locale di Bergamo. C’è sempre la possibilità di chiedere una deroga. I locali sono: La Cantina Compagnoni, via Ghislanzoni, 3; Luna Nueva, via Baschenis, 17; Il Giardinetto, via Foro Boario, 7. Cubo Cafè, via Oprandi, 20; Al diciotto, via Sant’Orsola, 18/c.

4 – Volo cancellato, bus fino a Catania. Odissea per decine di passeggeri

Da Bergamo a Catania in pullman, una vera e propria odissea per decine di passeggeri che si sarebbero dovuti imbarcare all’aeroporto di Orio al Serio su un volo della compagnia low cost Ryanair. Come riporta il Giornale di Sicilia, il decollo era previsto per le 19.25 di domenica ma alle 22 la compagnia irlandese ha comunicato la cancellazione del volo offrendo ai passeggeri la possibilità di recarsi nel capoluogo etneo con un pullman messo a disposizione dalla stessa Ryanair: un viaggio lunghissimo iniziato alle 2 del mattino.

5 – Fonteno, voragine nella strada: il paese resta isolato

La pioggia battente sta mettendo a dura prova le nostre valli. E non solo. Dopo il nubifragio di domenica, resta chiusa la litoranea tra Riva di Solto e Tavernola e resta isolato l’abitato di Fonteno: l’asfalto si è spaccato e l’ampia fenditura rende impraticabile il ponte che porta nel centro del paese.

6 – Incidente di domenica sull’A26, resta gravissimo il 20enne bergamasco

Ancora critiche le condizioni del ventenne bergamasco, M.B. le sue iniziali, coinvolto nel drammatico incidente alle prime luci dell’alba di domenica lungo la A26. Feriti gravemente altri due occupanti del mezzo che, per cause ancora da accertare, ha improvvisamente sbandato, urtando il guardrail sul lato sinistro della carreggiata e finendo la sua corsa  in un campo adiacente l’autostrada nella parte destra. Nell’impatto la 20enne Giusi Signore, seduta a lato del guidatore, ha perso la vita.

7 – Sanga: se si va al voto, il candidato premier del Pd è Gentiloni

Oggi Giovanni Sanga, ex parlamentare bergamasco del Pd, parteciperà alla manifestazione pro Mattarella. Bergamonews l’ha intervistato. «Se voto sarà, il Pd candiderà a premier Paolo Gentiloni», ha detto l’ex onorevole. E ha aggiunto: «Formeremo una coalizione che sarà in grado di raccogliere forze politiche e formazioni sociali che vogliono stare con convinzione dentro l’Europa, dentro le alleanze atlantiche e non vogliono correre avventure che potrebbero essere fatali e disastrose per tutti noi».

8 – Fedez e Chiara Ferragni, cena (social) con i paccheri da Vittorio

Cena da Vittorio ? #ItalianDays

Un post condiviso da Chiara Ferragni (@chiaraferragni) in data:

Fedez e Chiara Ferragni hanno mangiato da Vittorio, il noto ristorante tristellato alla Cantalupa di Brusaporto. La foto di lui che imbocca lei – con i famosi paccheri, piatto forte del posto, sulla forchetta – spopola su Instagram: oltre 280mila mipiace in poche ore.

 

28 MAGGIO

 

1 – Incidente di Brignano, l’addio ad Alex il giorno del compleanno della moglie

Una chiesa letteralmente gremita, oggi a Pagazzano, ha accolto il feretro di Alessandro Defendi, il motociclista morto venerdì pomeriggio in un tragico incidente frontale tra due moto a Brignano. Centinaia sono arrivati in paese per i funerali del 47enne. Il mesto corteo era già stato preceduto ieri dal saluto di alcuni amici motociclisti, che si sono dati appuntamento sotto casa di Defendi, in via Roma, per salutarlo con il rombo delle loro motociclette. Una passione bruciante, quella di Alessandro per le due ruote, che lo aveva portato ad aderire a un’associazione di bikers luranese. Oggi invece è il giorno del silenzio e del dolore. Per i famigliari (Alessandro lascia il padre Carlo e cinque fratelli), come per la moglie Deborah Perletti, che peraltro oggi compie gli anni. «Deborah oggi è il tuo compleanno so che è difficile parlare di regalo oggi ma Alessandro ti ha fatto e ci ha fatto un ultimo regalo, cioè il messaggio che bisogna custodire in noi la gioia della vita», sono state le parole del parroco di Pagazzano don Giuseppe Bolis dal pulpito. «La sera prima di morire mi raccontavi che ti ha fatto un grande sorriso. Questo perché il peso della morte non ci deve far morire prima del tempo». Una tragedia assurda, quella accaduta attorno alle 13 di venerdì lungo la Sp121 tra Lurano e Pagazzano. Stando a quanto emerso, lo scooter condotto dal romanese Omar Pesce – tutt’ora gravissimo in ospedale – ha superato la mezzaria e si è scontrata con la Harley Davidson di Defendi, che viaggiava  in direzione Lurano-Brignano.   Secondo un testimone, un 49enne di Bergamo che viaggiava in direzione Lurano e che ha assistito  all’incidente mentre si trovava ad alcune decine di metri di distanza, lo schianto è stato violentissimo. Il primo a fermarsi per prestare aiuto è stato un automobilista straniero,  subito assistito dal bergamasco che ha allertato il 112. Le condizioni dei due però erano già evidentemente gravissime. Defendi è spirato dopo pochi secondi dallo schianto.  Pesce è stato trasportato prima al Papa Giovanni XXIII e poi al Poliambulanza di Brescia.

2 – Nubifragi: fango invade un’azienda, albero distrugge serre

Agricoltura colpita dal maltempo. Lo rende noto Coldiretti Bergamo dopo avere effettuato un monitoraggio sul territorio provinciale. A Casazza i nubifragi delle ultime ore hanno provocato uno smottamento che ha coinvolto l’azienda agricola Agrigottini, mentre a Trescore Balneario per il forte vento un albero di 30 metri si è abbattuto su parte delle serre dell’azienda Molino dei Frati, distruggendo e schiacciando i vasi di ortensie e camelie. «Le piogge intense – racconta Roberto Gottini – hanno fatto tracimare un corso d’acqua nelle vicinanze della mia azienda, il terreno ha ceduto e fango e detriti hanno invaso il deposito dove ho stoccato terricci e concimi». «È successo tutto in un attimo – spiega Carlo Donini, uno dei titolari dell’azienda Molino dei Frati – La raffica di vento è stata fortissima: ha strappato da terra un albero molto alto, con un tronco del diametro di circa un metro, che cadendo ha demolito parte delle nostre serre e i vasi di fiori che ora sono inutilizzabili». In Val Serina le violente precipitazioni e la grandine hanno colpito a macchia di leopardo provocando danni su circa il 50% del foraggio nella zona tra Algua, Costa Serina e Oltre il colle. Coldiretti Bergamo spiega che nell’attuale fase stagionale la grandine è l’evento più temuto dagli imprenditori, per le possibili perdite nei raccolti che può provocare. L’andamento anomalo di quest’anno in Italia conferma i cambiamenti climatici in atto che si manifestano proprio con la più elevata frequenza di eventi estremi con sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, dal caldo al freddo.

3 – Auto contro staccionata e muro di cemento ieri a Palosco

Auto contro una staccionata in legno e poi contro un muro di cemento. Brutto incidente domenica mattina a Palosco. Alla guida della sua auto c’era un ragazzo di 20 anni di Palosco che stava percorrendo la via per Mornico, quando, per cause ancora da accertare, ha perso il controllo del mezzo. Sul posto è giunta un’ambulanza della Padana Emergenza da Bergamo e i carabinieri della Compagnia di Treviglio. Il ragazzo è stato trasportato in condizioni serie all’ospedale di Chiari. Fortunatamente in quel frangente nessun pedone stava transitando lungo la pista pedonale e ciclabile. La staccionata è distrutta per qualche metro mentre il muro è stato sostituito con una recinzione metallica, al di là della quale si possono vedere il mucchio di macerie.

4 – Fa una coccola al cane al bar. Il pitbull gli stacca un labbro

Un gesto fatto mille volte, dagli amanti dei cani: un saluto e una coccola all’animale (al guinzaglio) che entra in un bar accompagnato dal padrone. La reazione, però, è stata inattesa: il pitbull lo ha aggredito e gli ha strappato un pezzo di labbro con un morso. È accaduto sabato sera bar in piazza Matteotti, a Treviglio, durante una pausa della finale di Champions. Sangue dappertutto, gente che sviene e A.M., 44enne di Treviglio, figlio di un vigile in pensione, che viene portato d’urgenza all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo, dove il labbro gli è stato ricucito.

5 – Serio in piena e maltempo, Rossi: Roma sorda sul dissesto idrogeologico

Serio in piena e maltempo, in valle i danni sono ancora seri. Sono parecchi i danni in Val Serina per il nubifragio di ieri. Ci sono state diverse frane, che hanno anche compromesso la viabilità. Ad Algua, in Val Brembana, è esondato un torrente e sono ingenti i danni. Ieri sera, mentre a Roma il premier incaricato Giuseppe Conte rimetteva l’incarico, il presidente della provincia di Bergamo Matteo Rossi (Pd) ha pubblicato la foto di un frana e ha fatto la sua personalissima analisi della crisi. «Questa foto è il mio commento alla crisi istituzionale: ennesima frana ed esondazione in Valserina, ennesimo evento che richiama la necessità di interventi radicali e urgenti sul dissesto idrogeologico. La politica nazionale è sorda, lontana, inconsapevole, e in queste ore chi ha vinto le elezioni preferisce far saltare tutto piuttosto che assumersi responsabilità chiare all’interno delle regole democratiche. C’è chi pensa più ai sondaggi che al Paese. Nessuna paura di tornare al voto e rappresentare fino in fondo le istanze del territorio».

6 – Dalmine, arrestato 17enne sinti autore del raid in una villa

Ieri i xarabinieri della Compagnia di Treviglio si sono presentati a casa sua e l’hanno così arrestato su ordinanza di custodia cautelare emessa a suo carico dal gip presso il Tribunale per i minorenni di Brescia. A 20 giorni dal raid in una villa di Dalmine è così arrivata la svolta nell’indagine che aveva visto come protagonista un 17enne sinti, con alle spalle già altri precedenti penali. Nonostante la giovane età, durante l’episodio criminale in questione, il giovane autore aveva aggredito violentemente i carabinieri dopo essere stato scoperto, aizzando altresì contro gli stessi il pitbull portato nella circostanza al seguito ed utilizzato di fatto come arma impropria. Quella notte un militare dell’Arma rimase pure lievemente ferito dopo l’aggressione subita.

7 – Gomme tagliate e graffi sull’auto a Bariano: caso non isolato

Pneumatici tagliati e incisioni multiple sul cofano e sulla fiancata dell’automobile. Una spiacevole sorpresa quella capitata a Giovanni Radici, 23enne di Bariano. Che nella notte tra sabato e domenica scorsi è stato vittima di un atto di vandalismo. «Sabato scorso mi sono recato alla festa che si tiene al campo sportivo in via Marconi con la mia Seat Ibiza – ha spiegato – c’erano pochi parcheggi e così sono andato in via Adua dove ho trovato posto davanti al civico 8». «Tornato a casa ho subito notato che la gomma anteriore sinistra risultava completamente sgonfia – continua Radici – Ho controllato le altre che sembravano a posto, anche se quelle sul lato destro risultavano più sgonfie. È in quel momento che passando davanti all’auto ho notato delle incisioni sul cofano».

8 – Nel giorno della festa della Repubblica Dalmine dedica un parco a Sandro Pertini

Un parco dedicato a Sandro Pertini nel giorno della Festa della Repubblica. È questo l’omaggio che Dalmine farà a uno dei presidenti più amati e rimpianti proprio nella giornata, quella del 2 giugno, in cui viene celebrata la Repubblica Italiana che vide la luce nel 1946 dopo un Referendum popolare che sancì l’uscita di scena della Monarchia. Il parco in questione è l’ultimo nato sul territorio dalminese, quello posto nell’area verde che divide viale Locatelli e via Puccini. L’intitolazione è prevista per le 15.15 con il saluto del sindaco Lorella Alessio. Ma il 2 giugno non sarà solo dedicato a Sandro Pertini e al nuovo parco. Alle 16, infatti, il primo cittadino consegnerà un attestato ai ragazzi dalminesi nati nel 2000 che sono entrati – o che stanno per entrare – nella maggiore età. A seguire il Corpo Musicale di Sforzatica offrirà alla cittadinanza un concerto previsto in via Mazzini (o al Teatro della Comunità San Giuseppe in caso di maltempo).

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli