Notizie su Bergamo e provincia

Notizie su Bergamo e Provincia (27 novembre-2 dicembre 2017)

Notizie su Bergamo e Provincia (27 novembre-2 dicembre 2017)
02 Dicembre 2017 ore 09:00

2 DICEMBRE

 

1 – Arrestato il pirata della strada. Investite due persone al Setai

Pirata della strada già in manette. L’uomo che questa mattina ha investito due giovani davanti al Setai di Orio al Serio è stato fermato dai carabinieri di Zanica. È un 22enne di Seriate. È accaduto alle 5. Vittime Nicolò Rovaris, classe 1996, e Stefano Cruz, classe 1997. I due sono stati trasportati in ospedale, rispettivamente al Papa Giovanni XXIII di Bergamo e alla Clinica Gavazzeni. La prognosi è tutt’ora in corso di valutazione. Dopo la fuga i militari della stazione di Zanica si sono messi subito alla ricerca del pirata, e lo hanno individuato: Valerio Carenzio, classe 1995. Risulta incensurato. Il gesto, spiegano gli inquirenti, è l’esito drammatico di un litigio scoppiato all’interno del locale «per futili motivi».

2 – Osteria della Birra chiusa: Elav apre in via Solata

Ormai la vicenda è nota: ne abbiamo parlato ieri su questo sito e sulla nostra edizione cartacea in maniera diffusa. L’Osteria della Birra chiude dopo 13 anni perché al locale in piazza Mascheroni non è stato rinnovato il contratto d’affitto. Il birrificio indipendente Elav, che gestiva il locale, si sposterà però in via Solata. Nome della nuova «soluzione»: Elav Kitchen & beer. Apertura probabile il 17 dicembre, o comunque nei giorni successivi.

3 – Edicolante spaccia cocaina davanti alle scuole a Treviglio, arrestato

Importante operazione stamattina a Treviglio nella zona delle scuole superiori Oberdan e Cantoni.  I militari dell’Arma, con il Nucleo Cinofili  di Orio al Serio, hanno eseguito una perquisizione locale in un’edicola nella zona delle scuole superiori a sud della città, rinvenendo della droga. È stato il cane antidroga di Orio al Serio, un giovane labrador, a scovare lo stupefacente. In particolare sono state recuperate diverse dosi di cocaina già pronte per lo spaccio. Recuperato anche del denaro contante e altro materiale  secondo gli investigatori dell’Arma  riconducibile all’attività di spaccio. Il titolare dell’edicola, già noto alle forze dell’ordine è un ultraquarantenne trevigliese. Custodiva anche altro stupefacente, dell’hashish ed alcune pasticche di quella che sembra essere ecstasy  nel garage di casa, dove successivamente i carabinieri hanno proseguito le operazioni di perquisizione. L’edicola, proprio perché vicina a scuole, è stata posta sotto sequestro con l’apposizione di sigilli. L’arrestato è stato quindi portato in caserma in attesa dell’udienza di convalida prevista per la mattinata di lunedì mattina. La contestazione penale è detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti aggravata. L’aggravante del reato di specie è scattata appunto in virtù della vicinanza all’Istituto tecnico commerciale e all’Istituto agrario di Treviglio.

4 – Insulti e schiaffi a due disabili | In arresto una badante di 55 anni

Schiaffi, e insulti, tipo «Sei schifosa» e «sei uno scemo». Violenze psicologiche, anche, su una donna e un uomo affetti da sindrome di down, che avrebbe dovuto accudire con amore. Invece, tante vessazioni. Una badante di 55 anni è stata arrestata grazie ai microfoni e alle telecamere in miniatura piazzati dai carabinieri in una casa famiglia di Piazza Brembana. Il padre della disabile di 48 anni aveva ceduto l’alloggio alla «Cooperativa della famiglia», estranea ai fatti, perché anche senza di lui la figlia potesse avere un futuro senza preoccupazioni. Le cose sono andate diversamente, purtroppo. Se i due non pulivano bene i piatti della cucina, la 55enne li costringeva a rimanere seduti per ore al buio, oppure al silenzio. In preda alla paura.

5 – Operato stritolato dallo spargisale.  Incidente sul lavoro ieri a Villongo

Gravissimo un operaio vittima di un incidente sul lavoro ieri alle 18.30 a Villongo. Il 45enne stava caricando lo spargisale sul camion, in previsione della neve, e un suo braccio è rimasto stritolato nel rullo del macchinario. È in prognosi riservata all’ospedale «Papa Giovanni». L’incidente è avvenuto in via Roncaglie verso Gandosso, all’interno di un deposito di proprietà dell’azienda «Gandosso Scavi» con sede a Foresto Sparso.

6 – Arriva un milione di euro da Roma per il Donizetti Opera

Gaetano Donizetti porta bene. Porta denaro, anche, in virtù di progetto che evidentemente li meritano. Prima il via libera alla statizzazione del Conservatorio intitolato al compositore bergamasco; quindi, e questa è la notizie fresca, un milione di euro che verrà destinato nei prossimi due anni al Donizetti Opera Festival. Il fondo è stato stanziato dall’ultima Legge di Bilancio grazie all’impegno dei politici bergamaschi a Roma.

7 – Basta fast food e nuove gelaterie in Città Alta

Da gennaio nuove regole per i negozi di Città Alta (ma anche di Borgo Pignolo, Santa Caterina, Borgo Palazzo e centro). Il Piano per la tutela delle aree con valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico ha avuto l’ok dalla Regione. In parole povere significa che nuove gelaterie, sexy shop, chincaglierie, friggitorie e fast food saranno vietati. Per la pizza, stop all’asporto via libera ai posti a sedere. Anche vetrine e illuminazione dovranno essere consone.

8 – Carlo Beltrami di Casnigo è il Vincitore Bake Off Italia 2017

Carlo Beltrami è il vincitore di Bake Off Italia 2017. Il 36enne proveniente da Casnigo è la dimostrazione di come una passione possa trasformarsi in qualcosa di più concreto. Legato alla propria famiglia che mette al primo posto, Carlo si è appassionato alla pasticceria per hobby.

 

1 DICEMBRE

 

1 – Elicottero precipita sul monte Alben. Coinvolto il pilota Giovanni Masserini

Tanta paura, ma il peggio sembra essere passato, Giovanni Masserini, pilota di Vertova noto per i suoi record di volo, coinvolto questo venerdì mattina in un grave incidente in quota sul Monte Alben, dov’è precipitato mentre era a bordo del suo elicottero ultraleggero Kompress CH7, e il passeggero che era a bordo con lui, un 44enne pure di Vertova, sono fuori pericolo. Lo assicura l’ospedale di Bergamo dove sono ricoverati con diversi traumi. L’incidente alle 11, in territorio di Oneta, nei pressi del rifugio Nembrini. Masserini, sarebbe stato tradito da nebbia o neve. Quest’estate con lo stesso mezzo Masserini aveva raggiunto i 4800 metri del Monte Bianco.

2 – Rapina in banca a Casale Cremasco, preso a Mozzanica

Rapina in banca a Casale Cremasco, preso a Mozzanica. È successo questa mattina, intorno a mezzogiorno. I carabinieri hanno individuato e arrestato il bandito, entrato nell’istituto di credito armato di taglierino: dietro minacce si è fatto consegnare il denaro. Arraffati circa 500 euro. Poi è scappato a bordo di una Toyota Yaris. Immediato l’allarme al 112. Sul posto i carabinieri della Compagnia di Crema che hanno subito avviato le indagini e le ricerche per individuare il rapinatore. La segnalazione è stata girata anche ai colleghi dell’Arma della Compagnia di Treviglio. Intorno alle 13.30 a Mozzanica, nell’area del ponte sul fiume Serio, i carabinieri della stazione di Romano lo hanno individuato e arrestato.

3 – L’ex Generale Jovan Diviak, l’uomo che ha difeso Sarajevo, a Palazzo Frizzoni

Sarà ospite stasera del Teatro di Nembro, ma nel pomeriggio di oggi ha trovato il tempo per una visita a Palazzo Frizzoni, dove ha incontrato Marzia Marchesi, presidente del Consiglio Comunale di Bergamo, e l’Assessore del Comune di Nembro alla Cultura Piccinelli. Nel suo paese è un eroe, ricordato come l’uomo che difese Sarajevo durante il periodo del durissimo assedio alla città in piena Guerra di Jugoslavia. «Jovan Diviak è un simbolo per tutti coloro che continuano a pensare che la convivenza sia non solo possibile, ma sia l’unica prospettiva di futuro», ha spiegato Marzia Marchesi. Una chiacchierata di circa un’ora durante la quale Diviak ha parlato dell’attuale situazione del suo Paese, la Bosnia, una nazione nella quale è dilagante, soprattutto le campagne, un forte sentimento nazionalista. Diviak ha parlato anche dell’impegno della Fondazione da lui avviata per diffondere l’educazione alla convivenza tra i popoli e ha auspicato che la Bosnia, anche con l’appoggio del Governo italiano, possa presto entrare nell’Unione Europea.

4 – Arrivata la nuova giostra in centro. Fascino vintage al punto giusto

Tanti cavallini ma anche tigri, giraffe, canguri, pronti a girare in piazza Vittorio Veneto e a portare i bambini sulle ali della fantasia. Vintage al punto giusto la nuova giostra, in via di allestimento: prende il posto della vecchia, andata in fiamme la scorsa settimana per un problema tecnico (guasto all’impianto idraulico o cortocircuito). Aldo Formaggia l’aveva promesso ed è stato di parola: la sostituzione è stata rapida e Bergamo può ancora sognare di essere nella belle époque.

5 – Scuole comunali, piano di sistemazione da 850mila euro per l’estate 2018

Sette interventi di sistemazione delle scuole del Comune di Bergamo: continua il piano di risanamento degli edifici scolastici da parte di Palazzo Frizzoni, che, dopo l’edificazione della nuova Codussi, la riqualificazione della Munari, i lavori alla nuova palestra Codussi e i molti interventi 2017 (in allegato la palestra della Camozzi, oggetto di lavori nel 2017), rilancia la sfida di sistemazione delle scuole in vista dell’estate 2018. Gli interventi comprendono asili nido, scuole primarie e scuole secondarie sparse più o meno in tutta la città con interventi che vanno da una completa tinteggiatura degli spazi a ristrutturazioni più importanti e sostanziali. I lavori saranno tutti svolti tra giugno e agosto, in modo da non interferire con il programma scolastico e consentire così lo svolgimento regolare delle attività di ogni istituto: ci vorranno tre mesi al completamento dei lavori e il Comune investirà una cifra molto importante, 850mila euro complessivi.

6 – Un altro spacciatore arrestato tra via Bonomelli e via Paglia

Alle 16 di ieri ennesimo arresto da parte della Polizia Locale nell’area tra via Bonomelli e via Paglia: gli agenti in borghese del comando di Bergamo sono intervenuti per fermare un 26enne residente in provincia mentre cedeva una dose di hashish a un 29enne residente anch’egli in provincia. N.L., queste le iniziali del fermato, è stato denunciato a piede libero per spaccio di sostanze stupefacenti e per fornito agli agenti false generalità. Il 29enne «cliente» è stato segnalato invece alla Prefettura. Continuano quotidiani i controlli da parte della Polizia Locale nelle aree più delicate da un punto di vista dello spaccio di sostanze stupefacenti: con quello di ieri si avvicinano a 20 gli arresti svolti dagli agenti del Comune di Bergamo nell’area, con circa 600 grammi di sostanze sequestrate durante le numerose ore di presidio.

7 – L’Ambito di Seriate dice no al gioco d’azzardo: regolamento contro la ludopatia

L’ambito di Seriate dice no al gioco d’azzardo. Approvato il Regolamento per il contrasto al fenomeno della ludopatia derivante dalle forme di gioco lecito dell’Ambito territoriale di Seriate. Primo esempio a livello provinciale di regolamentazione omogenea e di ambito, è stato approvato dall’Assemblea dei Sindaci lunedì 27 novembre. «Il regolamento è nato dalla condivisione di 11 Comuni, in collaborazione con Ats di Bergamo e il coinvolgimento delle associazioni di categoria, Ascom e Confesercenti, e delle Polizie locali – ha dichiarato Gabriele Cortesi, presidente dell’Assemblea dei Sindaci -. Il regolamento nasce da lontano, dall’ottobre 2015 con l’avvio del progetto di ambito Jakpot. L’importante è (non) partecipare, che aveva l’obiettivo di contrastare la ludopatia tramite azioni di formazione, prevenzione e sensibilizzazione, impostando una chiara mappatura degli esercizi di tutti i territori dell’ambito. Si è partiti lavorando dal basso, formando quindi tutti gli attori coinvolti in questa operazione di prevenzione e di contrasto al gioco d’azzardo problematico. Ora il regolamento: un ulteriore passo avanti che introduce delle novità come vietare ai minori di entrare nelle sale slot, nelle aree delimitate per il gioco d’azzardo, negli esercizi pubblici e nelle agenzie di scommesse ippiche e sportive. Inoltre, per contrastare il gioco d’azzardo compulsivo si vieta il funzionamento degli apparecchi da gioco dalle 23 alle 9».

8 – Nuova camera di controllo (per la sicurezza) all’aeroporto di Orio

Sistema di sicurezza sempre più avanzato all’aeroporto di Orio, dove entra in funzione la nuova Control Room, realizzata all’interno del terminal, gestita da Sacbo e affidata al presidio del personale dell’Ati Italpol – Sicuritalia, che già svolge i controlli di sicurezza di passeggeri e bagagli. La Control Room, attiva H24, risponde ai requisiti e ai compiti che le più recenti normative aeroportuali nazionali e internazionali assegnano alla società di gestione e serve a tenere sotto controllo gli accessi, le porte di emergenza presenti in area sterile e i flussi dei passeggeri ai controlli di sicurezza. Dotata di n. 15 monitor e telecamere ad alta definizione, permette all’operatore di controllare il terminal interno ed esterno nonché il perimetro aeroportuale. La tecnologia installata consente di utilizzare, tra l’altro, la modalità zoom per visualizzare particolari scenari e ingrandire i particolari. L’attività di controllo illustrata si affianca a quella svolta dalla Polizia di Frontiera nella propria stazione di controllo, che provvede a coordinare eventuali interventi del proprio personale.

 

30 NOVEMBRE

 

1 – Rapinata sulla carrozza anti-rapina. Racconto di una 37enne di Treviglio

Le avevano battezzate Safe and quiet on board. L’anno scorso, in piena emergenza sicurezza, erano nate proprio come  carrozze sicure e videosorvegliate, riservate alle donne viaggiatrici delle linee del Passante ferroviario che vogliono sentirsi più tranquille durante gli spostamenti sui treni. Peccato che a una 37enne di Treviglio sia andata decisamente in un altro modo. È successo ieri sera, mercoledì. Emanuela – è il suo secondo nome: preferisce non fornire ulteriori dettagli – aveva preso da poco il treno delle 20.25 in direzione Milano, ed era seduta sul suo sedile parlando al telefono. Viaggiando di sera, aveva scelto la carrozza «safe and quiet” proprio per evitare quello che invece è successo nel giro di pochi secondi.  E invece… All’improvviso, nonostante il treno non fosse deserto, si è vista strappare il telefono dalle mani da un uomo che percorreva il corridoio correndo, provenendo dalle sue spalle. «L’ho inseguito per tre carrozze, cercando aiuto e gridando», ha raccontato. Ma né il personale di bordo, né gli altri passeggeri, le hanno dato una mano. «Nell’indifferenza più totale, ho inseguito il ladro che correva tra le carrozze, anche salendo al primo piano», ha continuato. «Nel giro di pochi minuti siamo arrivati a Melzo. Ero riuscita a bloccarlo: per qualche secondo l’ho anche tenuto fermo. Ma dopo una piccola colluttazione, ha avuto la meglio. E dato che nel frattempo il personale aveva aperto le porte, è riuscito a fuggire con il mio telefono».

2 – La Polizia Locale scopre un laboratorio tessile abusivo a Boccaleone

Un laboratorio tessile abusivo cinese in un magazzino di via Mangili: è quel che ha scoperto ieri pomeriggio intorno alle ore 14 la Polizia Locale del Comune di Bergamo durante un controllo di un ex magazzino al numero 10 della via del quartiere di Boccaleone. Un famiglia cinese, regolare in Italia, ma senza residenza, lavorava all’interno del magazzino su sei macchine da cucire: la Polizia Locale ha prima sequestrato 20 scatoloni di lavorato tessile e sanzionato la famiglia per esercizio dell’attività artigiana senza l’annotazione della qualifica nel registro delle imprese; in seguito ha coinvolto il personale del Dipartimento Luoghi di Lavoro dell’ATS di Bergamo, che avviato un procedimento penale ai sensi del Testo Unico sulla Salute e la Sicurezza sul lavoro. Toccheranno ora all’Ispettorato del lavoro le opportune verifiche per quel che riguarda il lavoro in nero.

3 – 45mila euro per la manutenzione del Parco delle Orobie

Le Comunità Montane della Valle Brembana e di Scalve hanno ricevuto un contributo da 45mila euro per gli interventi di manutenzione ordinaria dei sentieri del Parco delle Orobie Bergamasche. Il contributo prevede: 15mila euro alla Comunità Montana Valle Brembana per il progetto dedicato agli interventi di manutenzione ordinaria che saranno effettuati nei comuni di Piazzatorre (Prati di Pegherolo – Begna), Carona (Carona – Sardegnana) e Mezzoldo (via Priula – Ponte Acqua – Ala Ancogno). I restanti 30 mila euro sono destinati alla Comunità Montana di Scalve per i progetti dedicati agli interventi di manutenzione ordinaria del sentiero «Delle Pale» sito nel comune di Azzone e agli interventi di manutenzione ordinaria del sentiero «Vivione – Gardena» nel comune di Schilpario. Si tratta di progetti che consentiranno di tutelare l’ambiente del Parco, proteggendo la natura e al tempo stesso rendendola fruibile per un uso culturale, ricreativo e sociale della comunità dei residenti e dei visitatori, sempre più attirati dalle bellezze e dalla biodiversità del Parco.

4 – Imbianchino condannato a tre anni per bancarotta fraudolenta: arrestato

Ieri sera i carabinieri della Stazione di Martinengo, dipendenti dalla Compagnia di Treviglio, si sono presentati a casa di un imbianchino di 42 anni di Ghisalba. Hanno dato esecuzione nei suoi confronti un cumulo pene di circa 3 anni e mezzo di reclusione. Si tratta di due distinte condanne per episodi risalenti ad alcuni anni fa (2006-2008), ora divenute esecutive. I militari dell’Arma hanno così arrestato l’uomo. È stato subito portato in carcere a Bergamo. Quali pene accessorie, sono state inoltre applicate al 42enne l’interdizione dei pubblici uffici di 5 anni.  Ma anche l’inabilitazione all’esercizio di un’impresa commerciale per 10 anni. Gli è stata poi comminata l’incapacità dagli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese per 10 anni.

2 – Il treno fermerà all’ospedale Papa Giovanni dal 10 dicembre

Mancano pochi giorni all’apertura della fermata del treno al Papa Giovanni XXIII. «Il 10 dicembre – dice l’assessore regionale alle Infrastrutture Alessandro Sorte –, con l’entrata in vigore dell’orario invernale, il primo treno si fermerà davanti all’ospedale». L’8 dicembre c’è il taglio del nastro ufficiale con il governatore della Regione Roberto Maroni, il presidente della Provincia Matteo Rossi, il sindaco Giorgio Gori e il direttore generale dell’ospedale Carlo Nicora. Per il parcheggio destinato al personale dell’azienda ospedaliera serviràqualche ora in più: aprirà il 12 dicembre.

3 – In forte discesa il prezzo dei pernottamenti a Bergamo a novembre

Nel mese di novembre, l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic), a Bergamo, si attesta a -0,4%. Il tasso tendenziale (la variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), scende a +0,9% rispetto a +1,3% del mese scorso. La variazione più significativa si ha per la divisione «Servizi ricettivi e di ristorazione» (-2,6%) dovuta alla diminuzione dei «Servizi di alloggio» (pernottamento in alberghi e strutture affini).

4 – Leolandia cerca personale, un centinaio i posti disponibili

Più di cento posti di lavoro stagionale da marzo 2018, per l’intera stagione «calda» del parco dei divertimento. Leolandia, a Capriate, ha aperto le selezioni del personale: i settori interessati sono customer care, accoglienza, biglietterie, parcheggio, operations, commesse shop, visual merchandising, animazione e cast artistico, ristorazione e manutenzione. C’è anche la possibilità di fare uno stage in ambito marketing. Colloqui da gennaio.

5 – Accademia dello Sport, donato un macchinario per la Patologia neonatale

Ancora una volta insieme. Per dare un aiuto prezioso ai più deboli, i bambini. Lo stretto rapporto tra l’Accademia dello Sport per la Solidarietà di Bergamo e la Patologia neonatale dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo s’è rinsaldato nuovamente nei giorni scorsi, quando una delegazione dell’associazione – una ventina di persone, tra consiglio direttivo e volontari – ha fatto visita all’ospedale cittadino, accompagnata dal direttore generale Carlo Nicora e dalla dottoressa Giovanna Mangili, direttrice del reparto. Grazie alle attività sportive e solidali promosse quest’anno dall’Accademia, ecco la donazione – dal valore di circa 20mila euro – di un macchinario all’avanguardia, uno strumento che permette un efficace controllo emodinamico dei neonati critici ricoverati nella terapia intensiva neonatale, riducendo l’invasività. «Siamo voluti essere qui in tanti perché è proprio grazie al lavoro di tante persone che riusciamo a costruire i nostri progetti – ha premesso Giovanni Licini, “anima” dell’Accademia -. Il lavoro di gruppo e il gioco di squadra premiano sempre». Dall’ospedale, il ringraziamento e la testimonianza di un’amicizia che prosegue: «Grazie all’Accademia che anche quest’anno ha scelto di sostenere la nostra struttura e il nostro lavoro – ha commentato Carlo Nicora, direttore generale dell’Asst Papa Giovanni XXIII -. La vostra amicizia e il vostro aiuto si sono fatti in questi anni sempre più grandi, perché avete anche scelto di sostenere tante associazioni di volontariato vicine a questo ospedale e ai nostri malati. È una catena di solidarietà quella che riuscite ogni volta ad innescare, che è un bene prezioso e un tratto caratterizzante della terra bergamasca. Grazie per quello fate e per il vostro instancabile entusiasmo, che per noi è un sentimento contagioso che ci sprona a fare sempre di più e meglio».

 

29 NOVEMBRE

 

1 – Morte del cane sepolto vivo. Ats parte civile nel processo

Ats Bergamo, quale ente rappresentativo di interessi lesi dal reato, interverrà nel procedimento giudiziario avviato contro due pensionati di Zanica, un 77enne e un 83enne, denunciati per maltrattamento di animali. Ad Ats Bergamo, infatti, fa capo la funzione di tutela degli animali d’affezione e partecipando attivamente al procedimento intende svolgere in maniera ancora più efficace la propria attività di vigilanza, stimolando azioni di denuncia contro simili reati. I due pensionati sono stati denunciati per aver preso a bastonate Siria, una setter di 11 anni malata di tumore, e per averla sepolta viva in un campo per sbarazzarsene. Ma i guaiti della cagnetta hanno fatto sì che una passante la trovasse e chiamasse i soccorsi. I responsabili del brutale atto sono stati subito identificati e la loro posizione, già pesante, si è aggravata in seguito al decesso della cagnolina. A costituirsi parte civile è anche l’Enpa, Ente nazionale protezione animali, che con Ats Bergamo porta avanti da tempo attività di formazione e informazione che facciano sì che non si possano più verificare atti di simile crudeltà. «È nostro dovere impegnarci per sensibilizzare la cittadinanza rispetto al ruolo attivo che gli animali hanno nella nostra società. Ats Bergamo è in campo da sempre per tutelare i loro diritti favorendo una corretta convivenza tra uomini e animali domestici, tutelando gli animali di affezione e prevenendo il randagismo, vigilando sull’impiego degli animali utilizzati negli interventi assistiti di pet therapy, coordinando le attività collegate all’Anagrafe Canina, dirigendo il Canile Sanitario e avviando iniziative di formazione e informazione da svolgere anche in ambito scolastico. Per questo, di fronte a un gesto di tale violenza, non potevamo non fare la nostra parte. Per questo motivo interverremo nel procedimento nella speranza che simili azioni non accadano mai più», dichiara Mara Azzi, direttore generale Ats Bergamo.

2 – Arrestato rapinatore in fuga, aveva colpito Conad e farmacia

Arrestato rapinatore in fuga dopo i due colpi armato di coltello di oggi, mercoledì, a Treviglio e Canonica. I carabinieri, che hanno agito di concerto con la polizia, confermano:  è lui ad aver colpito, in pochi minuti, alla Conad di Canonica e alla Farmacia comunale 2 di Treviglio. Si tratta di un italiano di 45 anni con problemi di tossicodipendenza. Le forze dell’ordine l’hanno rintracciato a casa sua, mentre stava cercando di camuffare le proprie sembianze tagliandosi capelli e barba. Recuperata anche buona parte della refurtiva (denaro contante e la scatola di un farmaco soggetto a prescrizione).

3 – Auto prende fuoco in pieno centro a Calcio

Poco dopo le 17 un’automobile ha preso fuoco a Calcio, in via Marco Secco d’Aragona. Ancora da chiarire le cause dell’incendio. Le fiamme hanno in brevissimo tempo avvolto l’intero veicolo, andato completamente distrutto. Sul posto si sono precipitati i Vigili del Fuoco volontari di Romano, che hanno lavorato a lungo per spegnere le fiamme, alte diversi metri. Secondo alcune testimonianza da verificare, l’auto era parcheggiata in quella zona da diversi mesi, completamente ferma e inutilizzata.

4 – Un mese indagini, poi scatta l’arresto. Preso scippatore seriale a Caravaggio

Ci sono volute alcune settimane di indagini, ma alla fine i carabinieri di Caravaggio ce l’hanno fatta a individuare e arrestare lo scippatore seriale che, tra ottobre e novembre, ha colpito almeno tre volte a Caravaggio. Si tratta di un 26enne originario della Puglia, già noto alle forze dell’ordine per diversi precedenti di polizia e penali anche specifici. Le vittime le sceglieva sempre tra ultrasettantenni, in prevalenza anziane, per lo più la fascia pomeridiana. La tecnica era quella classica: strappare la borsa e via.

5 – Spaccate sul Sentierone, Tiziana Fausti si protegge con i panettoni di cemento

Nell’attesa che vengano poste delle sbarre alle basi delle vetrine per tutto il Sentierone, come annunciato dall’Immobiliare della Fiera, Tiziana Fausto si dà alla protezione fai da te per evitare che altre auto ariete prendano di mira la sua boutique. Sono stati posti dei panettoni di cemento all’ingresso delle arcate, per impedire alle auto di accedere. Potenziata inoltre la sorveglianza privata.

6 – Riciclaggio di denaro sporco (forse per il terrorismo islamico): arrestato

L’hanno arrestato ieri a Bottanuco con un’accusa pesante: gestire il phone center a Capriate solo per coprire un’attività illecita di riciclaggio di denaro sporco attraverso una base in Ungheria. H.A., 51 anni, marocchino, è uno dei tredici arrestati dalla Guardia di finanza di Milano per un’indagine su larga scala relativa a un’associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio internazionale. Il sospetto è che dietro quel denaro ci siano dei finanziamento al terrorismo islamico.

7 – Aggressione a Verdello davanti al supermercato questa mattina alle 6

Un uomo di 51 anni è stato aggredito stamattina alle 6 a Verdello. Ancora da chiarire quanto realmente accaduto in via Papa Giovanni XXIII, sulla rotonda davanti al supermercato Carrefour. Sul posto sono subito intervenuti i soccorritori della Croce Rossa di Treviglio. Per fortuna però l’uomo se l’è cavata con un bello spavento. Le sue condizioni non hanno reso necessario nemmeno il trasporto in ospedale.

8 – Si accende il Natale a Seriate: da venerdì primo dicembre luce e colore per le strade

Il primo dicembre si accenderanno le luminarie natalizie a Seriate. E sarà un tripudio di luci e colori tra alberi innevati, pacchi regalo e Babbi Natale disegnati dai bambini. Per il secondo anno consecutivo gli studenti della quarta e quinta primaria e della prima secondaria degli istituti comprensivi Aldo Moro e Cesare Battisti hanno realizzato le luminarie natalizie della città, grazie al progetto «Il Natale dei bambini. Concorso le sfere magiche». Iniziativa ideata da OnLight di Franco Pozzi, promossa dall’Assessorato al Commercio e dall’Associazione Botteghe di Seriate, coinvolge i bambini e li fa essere i protagonisti di uno dei momenti più attesi e lucenti dell’anno. «Anche quest’anno l’Amministrazione comunale scende per strada per illuminarla di colore e fantasia grazie al progetto delle luminarie natalizie, promosso in collaborazione con i commercianti della città – dichiara Paola Raimondi, Assessore al Commercio -. In linea con lo scorso anno, prosegue l’iniziativa Il Natale dei bambini, che coinvolge le scuole primarie e secondarie di Seriate, chiedendo agli studenti di ideare la loro ball luminosa. Quest’anno sono state realizzate 4 nuove luci, ripescando alcuni disegni realizzati lo scorso anno. Oltre ai bambini, che mettono impegno e creatività, ringrazio i commercianti che hanno sponsorizzato l’illuminazione natalizia, sostenendo l’impegno economico dell’Amministrazione comunale. Questa collaborazione è l’evidente segno che il binomio commercio e cittadinanza è sempre più stretto e coinvolgente. Grazie agli sponsor si rende fruttuoso il lavoro che l’Amministrazione mette in campo per rendere Seriate più bella, luminosa e attrattiva». Venerdì, all’imbrunire, si accenderanno le luminarie, tra cui le 4 nuove ideate dai bambini e riprodotte con luci a intermittenza. Una sarà esposta sulla facciata del Comune, in piazza Alebardi, le altre saranno appese sulle rotatorie di corso Roma, via Nazionale e su quella tra via Marconi e corso Europa. Le nuove luminarie si sommano a quelle del dicembre passato. Le ball realizzate dai bimbi per lo scorso Natale saranno infatti installate nel parco di via Dante, nelle aiuole condominiali di Galleria Italia e nella rotatoria ovale di via Nazionale.

 

28 NOVEMBRE

 

1 – Piano neve ai cancelletti del via. Pronte 1.800 tonnellate di sale

Le previsioni parlano chiaro: nevicherà anche a bassa quota, con buona probabilità. Il Comune di Bergamo non si fa cogliere impreparato. È operativo e pronto a scattare il Piano Neve di Palazzo Frizzoni, che negli ultimi anni ha preso agito con la tempistica migliore per evitare disagi. Grazie al potenziamento dei mezzi di Aprica, che si occupa di gestire operativamente la programmazione. Sono 120 in totale i mezzi in reperibilità, con 1.800 tonnellate di sale stoccate nella sede della società.

2 – Piano da 700mila euro per i cimiteri cittadini

Settecentomila euro di investimento sui cimiteri cittadini: da anni non si registrava un intervento così oneroso, in termini di manutenzioni e lavori, nei cimiteri di Bergamo, tra il Monumentale e quello di Colognola. Nella seduta di giovedì, la Giunta del Comune di Bergamo ha approvato due progetti distinti, ma di notevole importanza per quello che è considerato uno dei luoghi in città che più di tutti richiede costanti attenzioni. Al Cimitero Monumentale si sostituirà completamente il manto di copertura del settore denominato Portici di Ponente, costituito da lastre in fibrocemento che presenta notevoli ammaloramenti, con infiltrazioni di acqua piovana che creano non pochi disagi. Piccoli interventi di manutenzione, quali la pulizia dei canali di gronda, la rimozione di rampicanti infestanti, l’eventuale verifica dei coppi e la sostituzione delle lattonerie ammalorate, verranno eseguiti sul manto di copertura del settore denominato Avancorpo a Sera. Una nuova pavimentazione in lastre di Luserna verrà realizzata in prossimità dell’intersezione tra il viale San Fermo e il viale Santa Esteria che conduce al nuovo impianto di cremazione: in particolare la nuova pavimentazione sarà dello spessore adeguato a sopportare il transito quotidiano di auto funebri. Si prevede anche un intervento di tinteggiatura interna alla Chiesa di Ognissanti e la ricostruzione di alcuni percorsi pedonali, un progetto già avviato negli anni scorsi e che quindi prosegue all’interno del Cimitero Monumentale. Altri interventi riguardano il cimitero di Colognola, dove il Comune dovrà posare nuove scossaline (si chiamano così le lastre di lamiera, spesso zincata, che sporgono dalla parete di un edificio per impedire le infiltrazioni di acqua piovana), a sostituzione di quelle trafugate recentemente. Il costo complessivo per questi interventi di manutenzione straordinaria è di 300mila euro. A questi si affianca un progetto da 400mila euro per la realizzazione di nuovi cinerari presso i cimiteri cittadini. Vista la richiesta in aumento di operazioni cimiteriali relative a esumazione ed estumulazioni di resti mortali eseguite, che molto spesso vengono avviati alla cremazione, si è reso necessario reperire all’interno delle strutture cimiteriali cittadine un congruo numero di manufatti da adibire a tale scopo. Per quanto concerne il Cimitero Civico è stata individuata un’area a verde posta in prossimità del vecchio tempio crematorio, su cui verranno realizzate tre torrette cinerarie a completamento di quelle già erette nello stessa area. Stesso discorso per il Cimitero di Colognola dove sarà realizzata una torretta cineraria.

3 – L’assessore Sorte inaugura il primo treno Italia-Cina, da Mortara a Chengdu

La Cina è ancora più vicina: l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, il bergamasco Alessandro Sorte, inaugura il primo treno Italia Cina, che collegherà direttamente Mortara a Chengdu (14 milioni di abitanti). Trasporterà merci sulla nuova via della Seta. Il convoglio impiegherà circa 18 giorni a coprire i circa 10mila e 800 chilometri. È partito questa mattina, dall’interporto della cittadina Pavese.

4 – Rubano su un’auto parcheggiata. Folle fuga, presi dai carabinieri

Ieri sera i Carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato in flagranza di reato per concorso di persone in furto pluriaggravato due fratelli sinti residenti nella provincia di Milano. I due, una 27enne e il fratello minorenne di anni 17, sono stati protagonisti di un rocambolesco inseguimento con le «gazzelle» dell’Arma, dopo aver in particolare perpetrato un furto su auto ai danni di un veicolo parcheggiato nei pressi del campo sportivo di Pontirolo Nuovo. Intercettata l’auto da parte delle pattuglie della Stazione di Fara Gera d’Adda e del Nucleo Radiomobile di Treviglio, ne è appunto poi derivato un inseguimento a folle velocità sino al Comune di Canonica d’Adda, dove tra l’altro l’autovettura dei fuggitivi ha tamponato un altro mezzo, mandando tra l’altro in ospedale l’occupante per le conseguenze avute in termini di lesioni, sino ad essere definitivamente bloccati a Vaprio d’Adda. Durante la corsa, i due fratelli, già noti alle forze dell’ordine per i loro precedenti sempre per reati contro il patrimonio, terminavano la loro fuga urtando contro un marciapiede; nel frattempo, cercavano di distarsi di uno zaino con all’interno la refurtiva, frutto della precedente «spaccata», con all’interno un portatile, del denaro contante ed altro ancora, per un valore commerciale complessivo di oltre 1000 euro. La refurtiva è già stata restituita al legittimo proprietario. Accompagnati in Caserma a Treviglio, i due sono stati quindi arrestati. Alla donna, la 27enne, i militari contestavano anche il reato di resistenza in ragione dell’inseguimento ad alto rischio intenzionalmente ingaggiato per garantirsi la fuga e quindi l’impunità. Il minore è in attesa della relativa udienza di convalida davanti al Tribunale per i Minorenni di Brescia.

5 – Balzo del tasso di natalità: Bergamo nona in Italia

Clamoroso innalzamento del tasso di natalità nella Bergamasca. Lo dice l’annuale classifica stilata da Il Sole 24 Ore sulla qualità della vita nelle province italiane. Da terzultimi in Italia ora siamo noni, passando da 5,9 nuovi nati ogni mille abitanti a 8,5. A livello generale, Bergamo scala una sola posizione, dal 29esimo al 28 posto, ed è terza in Lombardia dietro Sondrio e Milano, nelle prime dieci.

6 – In fiamme il tetto di una casa a più piani a Castione

Terzo incendio in pochi giorni in Val Seriana. Stamattina è toccato al tetto di uno stabile di diversi piani al numero 6 di via San Rocco, Castione della Presolana. Il rogo è scoppiato intorno alle 5.30 e i vigili del fuoco hanno lavorato diverse ore per mettere in sicurezza la palazzina. La copertura è andata per buona parte distrutta.  ngenti i danni, l’edificio risulta però agibile. A bruciare sarebbe stata la canna fumaria.

7 – Coldiretti Bergamo: «No all’autostrada Treviglio- Bergamo»

Nonostante si siano da poco spenti  i riflettori sui lavori del G7 dell’agricoltura, un appuntamento che ha messo in evidenza la centralità dell’attività agricola, si torna ancora a parlare di autostrada Bergamo- Treviglio  e quindi di altro consumo di suolo. «Ribadiamo la nostra contrarietà a quest’opera perché sarebbe l’ennesimo scempio di un’area già fortemente cementificata – afferma il presidente di Coldiretti Bergamo Alberto Brivio -; entrambi i tracciati ipotizzati  sacrificherebbero una vasta porzione di campagna tra le più fertili in assoluto, distruggendo  un “polmone verde”, importante non solo dal punto di vista della produzione di cibo ma anche  per contrastare i livelli di inquinamento che molto spesso superano i limiti. Verrebbe compromessa anche la rete di canali esistente, rendendo più difficile la corretta regimazione delle acque. Senza contare che il terreno impermeabilizzato dal cemento non riesce più ad assorbire le precipitazioni sempre più frequenti e intense come vere e proprie bombe d’acqua. A parole ci si preoccupa tanto di cambiamenti climatici e dissesti idrogeologici, con i fatti invece si va in tutt’altra direzione». Per Coldiretti Bergamo la realizzazione di questo infrastruttura sarebbe l’ennesima dimostrazione di «bulimia della cementificazione», un fenomeno che sta causando la perdita irreversibile di ettari ed ettari di terreno.

8 – Infortunio sul lavoro, operaio schiacciato in azienda

Incidente sul lavoro dalla dinamica non ancora chiara occorso stamattina alle 8 a un operaio di 36 anni di una ditta sulla provinciale tra Ghisalba e Cavernago. Le sue condizioni però, a quanto pare, destano qualche preoccupazione. Sul posto sono subito intervenuti i soccorritori della croce rossa di Urgnano. Allertata anche un’automedica.

 

27 NOVEMBRE

 

1 – Tragedia al Papa Giovanni, bimbo di appena due mesi muore per soffocamento in braccio alla mamma. Aperta un’inchiesta

La mattina di lunedì 27 novembre, un bambino di appena due mesi, con genitori senegalesi, è morto all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo dove si trovava ricoverato da sabato in condizioni disperate. Stando alle prime informazioni, sembra che il piccolo sia morto a causa delle complicazioni dovute al soffocamento avvenuto venerdì, mentre si trovava in spalla alla madre, che lo teneva in un “marsupio” artigianale fatto con un velo o foulard. Il piccolo avrebbe avuto un rigurgito, di cui la madre non si è accorta, e che lo ha appunto soffocato. Il caso è stato segnalato alla Procura, che ha aperto un’inchiesta, sebbene per ora senza alcuna notizia di reato.

2 – È stato presentato a Bergamo il bike sharing libero

Dopo Milano, Firenze e Cremona, dove ha riscosso un gran successo, MoBike sbarca anche a Bergamo. Sostanzialmente si tratta di un servizio di bike sharing libero, ovvero grazie al quale sarà possibile lasciare i mezzi in qualsiasi zona della città senza alcuna limitazione. Entro giovedì 30 novembre arriveranno a Bergamo ben cinquecento biciclette e la tariffa promozionale di utilizzo sarà di trenta centesimi ogni mezz’ora. Il servizio è semplice e intuitivo e funziona attraverso una applicazione gratuita scaricabile su qualunque smartphone. Sulla app si possono reperire su una mappa tutte le biciclette disponibili, si possono prenotare e una volta raggiunte basta inquadrare il codice QR che si trova sulla bicicletta per iniziare l’utilizzo. Per registrarsi è necessaria la carta di credito, che servirà a pagare il servizio, sia che si scelgano pass mensili o annuali sia che si utilizzi la tariffa promozionale di questi giorni. La tariffa salirà poi a cinquanta centesimi ogni mezz’ora quando il servizio sarà a regime. Nei primi giorni, le bici si troveranno nei pressi della stazione ferroviaria; in piazza Dante; in piazza Matteotti, di fronte al monumento ai Fratelli Calvi; davanti alla sede universitaria di Sant’Agostino; in via Tasso nei pressi del liceo artistico; in via Zambonate; nei pressi della funicolare di Bergamo; nei pressi di via Locatelli. Poi, però, le persone potranno lasciare i mezzi dove vorranno. Alla presentazione del servizio in Palazzo Frizzoni era presente, oltre all’assessore alla Mobilità Stefano Zenoni, anche il sindaco Giorgio Gori, che ha detto: «La nostra città è la quarta in Italia nella quale si sperimenta questo tipo di servizio e siamo convinti che possa essere una piccola rivoluzione culturale per i bergamaschi. Siamo felici che la nostra città sia tra le prime in Italia per questo servizio: è il riconoscimento del fatto che siamo città attenta all’innovazione anche nell’ambito della mobilità. Nel mondo sono ora sette milioni le biciclette di MoBike e Bergamo è la seconda città, delle duecento in cui Mobike è presente, sotto i cinquecentomila abitanti ad usufruire del servizio».

3 – A piedi lungo la A4, travolto e ucciso Johnny Lacasella, 21enne di Sesto San Giovanni

Una fine tragica e, per certi versi, incomprensibile quella di Johnny Lacasella, 21enne di Sesto San Giovanni che la notte tra sabato 25 e domenica 26 novembre è stato travolto da due auto e ucciso mentre si trovava a piedi lungo la A4. Il ragazzo si trovava alla discoteca Bolgia di Osio Sopra quando, verso l’una di notte, è stato “espulso” dalla sicurezza del locale per il suo comportamento. Stando a quanto riportato da Bergamonews, infatti, il giovane era noto per il suo carattere duro e da attaccabrighe. Dopo essere stato accompagnato fuori dalla discoteca, diverse persone hanno visto Johnny mezzo nudo sul piazzale gridare frasi sconnesse e poi iniziare a correre, scavalcare la rete di cinta che divide il parcheggio con l’autostrada e tentare la folle impresa di attraversare la A4. Il 21enne viene subito investito da un Suv guidato da un 51enne; il corpo del giovane viene trascinato per una cinquantina di metri e poi sbalzato su un’altra auto che sopraggiunge. Entrambi gli automobilisti sono poi stati sottoposti all’alcoltest, ma sono risultati tutti e due sobri. «Sono molto turbato per quello che è accaduto. Non riesco a darmi una spiegazione. Davvero un dramma» ha commentato a L’Eco di Bergamo Tonino Vecchi, il proprietario del Bolgia. Che s’è accorto dell’incidente dopo aver sentito due suoni molto chiari: «È stato un botto molto forte e mi ha fatto subito pensare male. Per noi quell’ora è praticamente l’inizio della serata, visto che apriamo a mezzanotte. C’era un certo viavai. Di gente che aveva scavalcato la recinzione non ne abbiamo vista, ma abbiamo ovviamente fornito alla polizia stradale le immagini delle nostre telecamere esterne».

4 – La maggioranza comunale di Palazzo Frizzoni perde pezzi: Magni e Ongaro daranno solo «appoggio esterno»

Una doccia fredda per la maggioranza in Consiglio comunale a Bergamo. Emilia Magni (ex Pd) e Luciano Ongaro (ex Sel), ovvero gli esponenti di Sinistra Unita, hanno annunciato domenica 26 novembre, durante l’assemblea di lancio di “Articolo Uno – Mdp, Sinistra Italiana e Possibile”, di uscire dalla maggioranza. Non passeranno all’opposizione, ma continueranno a dare «appoggio esterno» al sindaco Giorgio Gori e alla sua Giunta. Il che vuol dire che, di volta in volta, valuteranno se votare a favore o contro gli atti proposti. Una decisione che ha spiazzato i colleghi del centrosinistra. Il capogruppo del Pd Massimiliano Serra, quello della Lista Gori Roberto Amaddeo e quello di Patto Civico Federica Bruni, ad esempio, hanno commentato: «Siamo sorpresi e rammaricati dalla volontà annunciata dai colleghi Luciano Ongaro e Emilia Magni di non riconoscersi più nel progetto e nell’azione di questa Amministrazione. Sorpresi perché l’amministrazione Gori ha sempre lavorato – con risultati concreti indiscussi – nel rispetto di un programma elettorale preciso e dettagliato sulla base del quale noi tutti (inclusi Ongaro e Magni) siamo stati eletti dai cittadini della nostra Città. Rammaricati perché Bergamo richiede un’azione coesa e responsabile da parte dei consiglieri comunali a sostegno della nostra Amministrazione di centrosinistra; le diatribe nazionali legate a posizionamenti elettorali dovrebbero essere estranee all’azione amministrativa al cui centro devono essere invece i bisogni dei cittadini più deboli e le necessità di una Città che deve cambiare in meglio».

5 – Fermati bracconieri a caccia di caprioli nell’oasi Wwf di Valpredina

Due uomini di Pradalunga, padre e figlio con regolare licenza di caccia, sono stati fermati venerdì 24 novembre sera dagli agenti della Polizia Provinciale di Bergamo e dalle Guardie venatorie/zoofile del Wwf Italia, con l’accusa di bracconaggio. I due, armati di fucili calibro 12 caricati a pallettoni e con visore luminoso, sono stati intercettati e bloccati dagli agenti appostati nel buio alle pendici del Monte Misma mentre erano intenti a cacciare caprioli e cinghiali nella Riserva naturale regionale e Oasi Wwf di Valpredina, tutelata anche come Oasi di Protezione della fauna istituita dalla Provincia di Bergamo, tra i comuni di Pradalunga e Cenate Sopra. Colti in flagranza di reato, i due uomini non hanno potuto opporre resistenza. Nelle abitazioni dei due, rende noto il Wwf, sono stati trovati «la pelle di una femmina di capriolo da poco scuoiata, crani e carne congelata di capriolo e cinghiale, oltre a 150 uccelli abbattuti tra i quali specie protette e particolarmente protette tra cui frosoni, fringuelli, pettirossi».

6 – Province con la miglior qualità della vita, Bergamo 28esima

Come ogni anno in questo periodo, Il Sole 24 Ore ha pubblicato la classifica delle province italiane con la miglior qualità della vita. La Bergamasca si piazza al ventottesimo posto, guadagnando una posizione rispetto a dodici mesi fa e restando dietro, guardando alle altre province lombarde, soltanto a Sondrio (terza) e Milano, ottava. In vetta c’è la provincia di Belluno, poi quella di Aosta, Sondrio, Bolzano e Trento. Andando più a fondo rispetto alla classifica generale e analizzando le singole voci, si scopre che la nostra provincia che bada più al risparmio rispetto che al consumo (45esimo posto per quanto riguarda, appunto, la voce “consumi”), che punta molto su lavoro e innovazione (16esima) e su ambiente e servizi (14esimo posto). Vanno male le cose, invece, per quanto riguarda giustizia e sicurezza, con la Bergamasca che si piazza al addirittura al 66esimo posto su 110.

7 – La Coldiretti dice no alla Bergamo-Treviglio

La Coldiretti bergamasca, attraverso il presidente Alberto Brivio, ha reso nota la propria «contrarietà» alla realizzazione dell’autostrada Bergamo-Treviglio, «perché sarebbe l’ennesimo scempio di un’area già fortemente cementificata; entrambi i tracciati ipotizzati sacrificherebbero una vasta porzione di campagna tra le più fertili in assoluto, distruggendo un “polmone verde”, importante non solo dal punto di vista della produzione di cibo ma anche per contrastare i livelli di inquinamento che molto spesso superano i limiti. Verrebbe compromessa anche la rete di canali esistente, rendendo più difficile la corretta regimazione delle acque. Senza contare che il terreno impermeabilizzato dal cemento non riesce più ad assorbire le precipitazioni sempre più frequenti e intense come vere e proprie bombe d’acqua. A parole ci si preoccupa tanto di cambiamenti climatici e dissesti idrogeologici, con i fatti invece si va in tutt’altra direzione». Brivio ha poi aggiunto: «Non siamo insensibili alla necessità di intervenire per migliorare le condizioni del traffico che sappiamo essere critiche, ma nel pieno rispetto delle esigenze di tutti riteniamo di dover richiamare l’attenzione sul danno enorme che si sta arrecando al nostro territorio, penalizzando non solo agli agricoltori ma tutti i cittadini, che hanno il diritto di vivere in un ambiente salubre».

8 – Due sedicenni finiscono in ospedale per abuso di alcol

Un sabato sera di eccessi, finito con il ricovero in ospedale di due sedicenni della Bassa per intossicazione etilica. Nella notte tra sabato 25 e domenica 26, infatti, un’ambulanza ha trasportato d’urgenza due ragazzi all’ospedale Papa Giovanni dopo che avevano perso i sensi nel parcheggio antistante il locale Koko’s Disco Club di Seriate. Fortunatamente le loro condizioni non sono poi risultate eccessivamente gravi e domenica sono stati dimessi.

5 – Brutto incidente a Calvenzano, grave un 46enne

Nella prima mattina di lunedì 27 novembre, un uomo di 46 anni è stato trasportato in gravi condizioni all’ospedale di Bergamo dopo essere rimasto vittima di un brutto incidente avvenuto a Calvenzano e che ha visto coinvolte quattro vetture. Ancora da accertare la dinamica dei fatti, ma, secondo quanto riportato da L’Eco di Bergamo, a causare lo scontro sarebbe stato un sorpasso azzardato, con l’auto del 46enne finita fuori strada. Oltre al 46enne, ci sono altri tre feriti: un 40enne e un 59enne che non hanno avuto bisogno del trasferimento in ospedale e una donna di 34 anni che è stata invece trasferita all’ospedale di Treviglio in condizioni comunque non gravi. I soccorritori giunti sul posto hanno dovuto invece effettuare sul 46enne delle operazioni di rianimazione e lo hanno poi intubato prima di trasferirlo al nosocomio cittadino con l’elisoccorso.

9 – Presidio dei sindacati a Oriocenter

ALle 9 di lunedì 27 novembre, fuori da Oriocenter le sigle sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uitucs Uil hanno chiamato a raccolta tutti i lavoratori per un presidio attivo almeno fino alle 18 e contemporaneo all’assemblea di tutti gli esercenti del centro commerciale bergamasco con la proprietà del centro. I sindacati chiedono che le proteste e le proposte dei lavoratori siano ascoltate da tutti gli attori della vicenda e che l’incontro sia portatore di risultati che possano accontentare più istanze possibili. Nei prossimi giorni, infatti, sarà inviata la richiesta ufficiale di poter accedere all’assemblea degli esercenti per esporre la posizione di lavoratori, lavoratrici e sindacati. L’obiettivo è evitare l’apertura del centro commerciale il 26 dicembre prossimo. Per ora non è in programma alcuno sciopero, ma i sindacati non escludono di indirne uno nel caso in cui si accorgessero di non avere alcun margine di trattative con esercenti e proprietà.

10 – Incendio a un treno alla stazione di Treviglio causato da un cortocircuito

Stando ai primi accertamenti, pare che sia stato un cortocircuito a causare le fiamme in un treno alla stazione di Treviglio la mattina di domenica 26 novembre. A chiamare i soccorsi sono stati capotreno e macchinista, che si sono accorti delle fiamme non appena arrivati in stazione da Milano. L’alimentazione elettrica della linea è stata tolta per consentire agli operai di smontare il vano e ai volontari del distaccamento di Treviglio di salire sulla sommità del vagone e spegnere le fiamme. Il binario uno è rimasto inutilizzato per un paio d’ore, senza però causare disagi alla circolazione dei treni e agli spostamenti dei viaggiatori.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia