Notizie su Bergamo e provincia

Notizie su Bergamo e provincia (15-20 gennaio 2018)

Notizie su Bergamo e provincia (15-20 gennaio 2018)
20 Gennaio 2018 ore 09:00

20 GENNAIO

 

1 – Nigeriana di 37 anni uccisa in un hotel a Dalmine, confessa un 61enne di Bottanuco (che ha tentato il suicidio)

La mattina di sabato 20 gennaio, all’Hotel Daina a Dalmine, una donna di 37 anni, nigeriana ma residente a Osio Sotto, è stata uccisa con un colpo di pistola. L’assassino è Fabrizio Vitali, 61enne di Bottanuco, che dopo aver sparato ha chiamato i Carabinieri e ha confessato l’omicidio. Stando alle prime informazioni, sembra che l’uomo abbia tentato il suicidio e soltanto l’intervento delle forze dell’ordine abbiano evitato il tragico gesto. I due, che si erano conosciuti mentre la donna faceva da badante alla madre dell’uomo, pare che stessero insieme. L’omicidio sarebbe avvenuto perché la 37enne aveva deciso di lasciare il compagno. La dinamica della tragedia non è ancora chiara ed è al vaglio delle forze dell’ordine, coordinate dal sostituto procuratore Letizia Ruggeri. Per ora si sa che i due si erano dati appuntamento per la sera di venerdì 19 all’albergo e che il 61enne ha raggiunto la struttura a bordo della sua Vespa, mentre la vittima è arrivata in bicicletta. Dopo aver trascorso la notte insieme, alle 10.30 circa, l’ennesima discussione, che avrebbe portato l’uomo a sparare con la pistola che detiene legalmente. Vitali è stato arrestato e sottoposto a un lungo interrogatorio.

2 – Il torrente Diebra ad Alzano trasformato in una discarica: la rabbia del sindaco

Il sindaco di Alzano Lombardo Camillo Bertocchi ha pubblicato su Facebook le foto dello stato in cui versa il torrente Diebra, in zona Busnigol: una vera e propria discarica a cielo aperto. Tra i vari rifiuti, anche un divano. Ignoti i responsabili e Bertocchi lancia un appello: «Chiunque sappia qualcosa mi contatti».

3 – Snow, Moioli terza in Turchia. Volo (senza conseguenze) per Sofia Goggia

È stato un sabato tra luci e ombre quello delle due “Regine delle Nevi” bergamasche. Da un lato Michela Moioli, che nella prova di Coppa del Mondo di snowboard cross in Turchia, a Erzurum, ha conquistato un ottimo terzo posto, ennesima dimostrazione di come proceda bene il cammino di avvicinamento alle attesissime Olimpiadi Invernali di PyeongChang. A Cortina, invece, dopo il meraviglioso venerdì con tanto di vittoria, Sofia Goggia è caduta durante la prova di discesa libera. Un volo pazzesco a circa 130 km/h arrivato dopo appena 25 secondi di gara e in cui la sciatrice bergamasca se l’è vista brutta. Fortunatamente, però, nessuna conseguenza per lei.

4 – Lara Magoni corre con Fratelli d’Italia

Dopo essere arrivata in Regione con la Lista Maroni, l’ex sciatrice Lara Magoni sembrava in procinto di guidare la Lista Fontana a sostegno del nuovo candidato del centrodestra alla Lombardia. E invece, con un annuncio dato sulla propria pagina Facebook, la Magoni si candiderà con Fratelli d’Italia, il partito guidato da Giorgia Meloni. Pare che sia stata la stessa Meloni a contattare la Magoni, convincendola a correre per lei.

5 – Oliviero Bosatelli nono alla Montane Spine Race

Una corsa di 135 ore, senza soste, nel gelo della Gran Bretagna. Oliviero Bosatelli, vigile del fuoco di Gandino e runner estremo, ha portato a termine la sua ennesima impresa conquistando un ottimo nono posto alla Montane Spine Race, quella che molti considerano una delle gare più dure al mondo: 429 chilometri sulle montagne e in condizioni climatiche quasi proibitive, che il bergamasco ha percorso in 135 ore. Bosatelli gareggiava anche con un dolore al ginocchio a causa di un piccolo infortunio avuto sul lavoro. Eroico.

6 – Banda dell’Audi, intercettata l’auto. Inseguimento da film, arrestato 28enne

È stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Treviglio dopo un rocambolesco inseguimento terminato a Dalmine, dopo aver attraversato – a folle velocità – i Comuni di Arcene, Verdello, Verdellino, Osio Sotto. Da giorni era stata segnalata un’Audi A4 Sw con targa straniera aggirarsi nella Bergamasca che, in corrispondenza dei relativi passaggi, vedeva commettere diversi furti in abitazione. Ieri notte il mezzo sospetto è stato intercettato da una gazzella del 112 nella Bassa Bergamasca e da qui ne è nato un inseguimento da film. Abbandonato il mezzo nei campi vicino all’autostrada A4, il conducente del mezzo, Simon Bushi, un pluripregiudicato albanese 28enne, si è messo a correre a piedi. Una volta sceso dal veicolo, lo straniero si è messo a correre per i campi, inseguito a piedi dai militari dell’Arma che sono riusciti, dopo circa un km, a fermarlo. Qui l’albanese ha aggredito violentemente i carabinieri, procurando così a 2 militari lesioni personali guaribili in 10 giorni ciascuno.

 

 

Recuperato il mezzo, è stato accertato che lo stesso era stato rubato in provincia di Milano e sullo stesso erano state applicate delle targhe rubate in provincia di Bergamo. Inoltre, sempre sull’autovettura, sono state recuperate anche delle targhe svizzere anch’esse di provenienza illecita, nonché arnesi atti allo scasso (mazze, cacciaviti, ecc., oltre a passamontagna, guanti, pile notturne, ecc.). Insomma, un vero e proprio kit per compiere azioni predatorie, il tutto mascherato dall’impiego di un veicolo e di targhe ricettati. Sullo stesso, dopo il controllo delle impronte digitali, è altresì emerso un provvedimento di cattura inserito dalla Polizia di Stato di Matera, su ordine della Corte d’Appello di Milano, sempre per reati contro il patrimonio (furti in abitazione nello specifico). È stato quindi rintracciato un ricercato specializzato in furti in case, precedentemente tra l’altro fuggito dai domiciliari le settimane scorse. Probabilmente, ma su questo sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi da parte dei carabinieri, l’uomo faceva parte di una «batteria» di stranieri autori dei vari furti in abitazione consumatisi, nei giorni scorsi, tra le province di Milano e Bergamo. Le indagini quindi proseguono a ritmo serrato. Su disposizione del pm di turno, Maria Cristina Rota, il 28enne albanese ora si trova in carcere.

7 – Pronta la passerella che avvicina Oriocenter e l’aeroporto

Oriocenter e aeroporto più vicini. Sono al termine i lavori di realizzazione della passerella pedonale: in questo modo chi esce dal tunnel sotto l’autostrada, in arrivo dall’aeroporto, avrà un accesso più agevole al centro commerciale. Si sta lavorando in queste ore alle ultime rifiniture. Prevista la realizzazione anche di un deposito bagagli per far sì che i passeggeri possano entrare in galleria senza troppi impedimenti.

8 – Corsia preferenziale in via Verdi per la Linea C

Come preannunciato, da ieri c’è una nuova corsia preferenziale in Via Verdi, in vista del l’attivazione della Linea C. Via Pradello diviene senso unico in direzione, appunto, di Via Verdi. Nella notte tra giovedì e venerdì è stata riorganizzata opportunamente la segnaletica, verticale e orizzontale. Ora tutte le corsie preferenziali – cinque in totale – per il cosiddetto trambus sono pronte: i vigili sono all’opera per evitare fenomeni ripetuti di parcheggio in sosta vietata.

9 – Nella lista Gori Presidente anche la ginnasta Daniela Masseroni

Cominciano a spuntare i nomi (bergamaschi) di chi andrà a comporre la lista Gori Presidente per le regionali di marzo. Tra i nomi noti, i capilista: l’attuale assessore alla Cultura del Comune di Bergamo, Nadia Ghisalberti, e il giovane consigliere comunale Niccolò Carretta. In lista anche la campionessa mondiale ed europea di ginnastica ritmica Daniela Masseroni (medaglia olimpica ad Atene 2004).

10 – Tenta furto e aggredisce i carabinieri, arrestato

Un marocchino 36enne con precedenti penali ha divelto la recinzione di una ditta per tentare un furto. L’azienda, a Brembate, tratta materiale ferroso. Ma i carabinieri, impegnati nel controllo del territorio, hanno notato che qualcosa non andava. Sono intervenute una «gazzella» del Nucleo Radiomobile di Treviglio e un equipaggio della stazione di Fara Gera d’Adda. I militari hanno rintracciato sul posto il magrebino che, nel tentativo di darsi alla fuga, ha ferito un carabiniere del Comando di Fara, procurandogli lesioni personali guaribili in 3 giorni. Al 36enne sono stati così contestati anche i reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate. In mattinata, ieri, davanti al Tribunale di Bergamo, si è celebrata la relativa udienza, che ha visto convalidare l’arresto operato da parte dei militari dell’Arma e l’applicazione di una misura cautelare coercitiva. Fondamentali sono state  le immagini di video-sorveglianza acquisite dai carabinieri per fare piena chiarezza sulla vicenda.

11 – Il treno per Orio s’ha da fare: progetto subito, lavori nel 2020

Da Rfi (Rete ferroviaria italiana) ci sono segnali positivi per il collegamento ferroviario tra la stazione di Bergamo e l’aeroporto di Orio: è stato dato mandato a Italferr, la società di progettazione delle infrastrutture del Gruppo Fs, di accelerare i tempi. L’opera costerà 120 milioni, ancora un’ipotesi lo stanziamento. Ci sono già invece gli otto milioni per la progettazione che partirà a breve. Se tutto fila liscio, i lavori potrebbero avere inizio nel 2020.

12 – Moschea a Romano, l’Associazione Pace mette il sindaco alle strette

Moschea di Romano: siamo alla resa dei conti. L’Associazione Pace, da anni impegnata alla promozione dell’integrazione, ha presentato una richieste al sindaco con la quale ha chiesto che il Comune di Romano adotti il Piano delle attrezzature religiose. «La legge regionale obbliga i Comuni ad adottare il Piano per le attrezzature religiose – ha detto Amin Zahir, presidente dell’Associazione Pace – e Romano non è ancora in linea con la normativa e la nostra richiesta prima di tutto è finalizzata a quello a regolarizzare la gestione di questa tipologia di servizi».

 

19 GENNAIO

 

1 – Sosta a pagamento nelle strisce blu. Bisognerà inserire anche la targa

Da lunedì 22 gennaio il biglietto della sosta su strisce blu in città riporterà la targa della vettura parcheggiata. Che l’automobilista dovrà digitare sulla tastiera del parcometro prima dell’inserimento delle monete o del pagamento con carte di credito. La nuova modalità di pagamento della sosta viene attivata su tutta la rete dei parcometri cittadini in maniera graduale: saranno 69 i primi parcometri della zona denominata «rossa», inizialmente abilitati al servizio. Il servizio verrà attivato progressivamente ed entro fine mese anche sui restanti 47 parcometri di città, esclusi i 10 presenti in Città Alta. Ricordiamo che il pagamento della sosta in città è possibile anche tramite l’utilizzo dell’app Atb Mobile.

2 – Bimba azzannata dal cane, Ats non ha mai disposto la soppressione dell’animale

Ats Bergamo, in merito all’aggressione avvenuta il 14 gennaio a Bergamo ai danni di una bambina di 14 mesi da parte del cane di famiglia, precisa che non è mai stata ipotizzata la soppressione del soggetto. Il cane si trova oggi in un canile sanitario per il periodo di osservazione sanitaria prescritto, dalla Legge della durata di 10 giorni, al fine di eseguire la profilassi sulla rabbia. Il cane non è stato sottoposto a sequestro giudiziario. Una volta terminato il periodo di osservazione, la procedura prevede che l’animale rientri nella disponibilità del proprietario che potrà decidere se tenerlo o cederlo.  In ogni caso, il cane potrà essere restituito o affidato a un soggetto giudicato idoneo a detenerlo, in quanto iscritto nel registro dei «cani impegnativi» di Ats Bergamo, e che garantisca un adeguato ed efficace percorso di rieducazione del cane.

3 – Multa record per un ubriaco senza patente coinvolto in un incidente

Tremila euro di multa. Pesante sanzione elevata dagli agenti della Polizia Locale di Brembate  per un 50enne di Bonate Sopra rimasto coinvolto in un incidente avvenuto nei giorni scorsi. L’uomo, infatti, non solo è risultato positivo all’etilometro ma era anche privo della patente. I controlli effettuati dagli agenti hanno permesso di scoprire che il 50enne era privo della patente perché gli era già stata ritirata in precedenza. Per l’automobilista è quindi scattata una sanzione da 3.000 euro.

4 – Discesa, Sofia Goggia è un missile. Vittoria a Cortina davanti alla Vonn

La bergamasca Sofia Goggia bissa il successo di sei giorni fa in Austria e vince sulla pista olimpica di Cortina la discesa libera di coppa del Mondo davanti alla rivale, la fortissima americana Lindsey Vonn e all’altra americana Mikaela Shiffrin. Fuori la Brignone, Nadia Fianchini lontana dal podio. Domani c’è la seconda discesa libera. Ieri la Goggia l’aveva detto: «Ho chiaro in testa come devo fare per battere la Vonn». Da anni un’italiana non vinceva sulla pista delle Tofane.

5 – Atalanta in lutto per la morte di Anna Percassi, sorella del presidente

Atalanta in lutto per la scomparsa di Anna, sorella del presidente Antonio Percassi, dopo una lunga malattia. Aveva 75 anni ed era ricoverata all’ospedale Papa Giovanni XXIII. I dirigenti, l’allenatore e il suo staff, i giocatori, tutto il settore giovanile, i dipendenti e i collaboratori partecipano al dolore che ha colpito la famiglia.

6 – Cocaina, arrestato 28enne a Romano.Nipote dell’ex boss della ‘ndrangheta

Ieri i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato in flagranza di reato Romano Cristian, nipote del noto Giuseppe Romano detto «Pino», noto alle cronache. Il 28enne calabrese originario di Vibo Valentia, di professione operaio e con alle spalle già altri precedenti penali, è stato trovato in possesso di una decina circa di grammi di cocaina suddivisa in dosi, nonché di sostanza da taglio.  Gli investigatori dell’Arma hanno fermato il giovane fuori casa e poi ne hanno perquisito l’abitazione, rinvenendo appunto la droga detenuta dal giovane ai fini di spaccio, ma anche della mannite ed un bilancino digitale di precisione, quest’ultimo utilizzato probabilmente per la pesatura e la partizione dello stupefacente. Sono stati in particolare i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Treviglio, insieme ai colleghi di Romano di Lombardia, ad ispezionare l’appartamento del calabrese e a rinvenire così nascosta la droga all’interno della federa di un cuscino del divano della sala.

7 – Tir fuori strada a Predore: per poco non finisce nel lago

Un tir che trasportava cemento è finito fuori strada questa mattina sulla provinciale Sebina occidentale, tra il Comune di Predore e la galleria che collega a Tavernola. Ha evitato per poco un bagno fuori stagione: un metro più in là e sarebbe finito nel lago. Soprattutto ha evitato il peggio: niente collisioni con altri mezzi in transito. Illeso l’autista.

8 – Vento forte strappato il telo della tensostruttura di Capriate

Le raffiche di vento che si sono abbattute sulla Bergamasca mercoledì hanno provocato dei danni. Ad essere colpito, in particolare, è stata la tensostruttura dell’impianto sportivo di via Grignano, a Capriate, che ha subito lo strappo nel telo di copertura. Un intervento per la sostituzione della copertura era già in programma e avrebbe preso il via tra pochi giorni.

6 –  Case vacanza, arriva il codice identificativo. Confesercenti: «Garanzia di qualità e anti abusivi»

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato una modifica al Testo unico del Turismo e dell’Attrattività, in base alla quale, entro il prossimo settembre, chiunque proponga l’affitto di case o appartamenti per Vacanze dovrà riportare un apposito «codice identificativo di riferimento» (Cir) che contraddistinguerà ciascuna struttura legittimamente avviata. L’obbligo si estenderà, oltre che ai gestori delle attività ricettive, anche a chi ne effettua intermediazione immobiliare, nonché ai portali telematici che propongono gli annunci. Ai trasgressori sarà comminata una sanzione dai 500 ai 2.500 euro, con raddoppio in caso di recidiva e cessazione dell’attività nei casi più gravi. Gianni Rebecchi, presidente di Confesercenti regionale Lombardia, commenta positivamente la nuova legge: «Un provvedimento che abbiamo richiesto con insistenza fin dal 2015 e che – se correttamente attuato – consentirà un contrasto più efficace dell’abusivismo ricettivo, cresciuto esponenzialmente attraverso il web e le piattaforme di prenotazione. Grazie al Cir, ciascun ospite dovrebbe infatti essere in grado di appurare se gli affitti turistici proposti provengano da strutture regolarmente avviate, d’altra parte consentendo alle autorità preposte di vigilare più facilmente sulle offerte abusive. Si tratta di una misura doppiamente importante: da un lato per garantire i consumatori, dall’altro per contrastare la concorrenza sleale. In entrambi i casi, si tratta di tutelare l’attrattività turistica della Lombardia».

 

18 GENNAIO

 

1 – Rifiuti abbandonati passati al setaccio. Trovato l’abbonamento Sky: multato

Voleva fare il furbo e ha tentato di abbandonare in strada un sacco nero della spazzatura. Sfortunatamente per lui ha dimenticato tra i rifiuti il contratto di Sky. Con tanto di firma autografa. E così, quando gli agenti della Polizia locale di Ciserano hanno aperto il sacco, è bastato un attimo per risalire al colpevole. All’uomo, secondo il regolamento del Comune, è stata comminata una sanzione pari a 110 euro. Non solo l’apertura dei sacchi, ma anche la fototrappola acquistata tempo fa dal Comune contribuisce alla stretta sugli incivili. Basti pensare che nel corso del 2017 sono state multate circa 40 persone. L’Amministrazione sta ora pensando di acquistarne un’altra.

2 – Gli animalisti di Aidaa: «Non abbattete Leone, lo rieduchiamo noi»

L’Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente ha inviato alla procura della repubblica di Bergamo, all’Ats Veterinaria e al sindaco di Bergamo una lettera con la quale da la propria disponibilità a proprie spese a prendere in carico e rieducare Leone, l’incrocio pastore tedesco-boxer che nei giorni scorsi ha aggredito la bimba di 14 mesi per cause in corso di accertamento.  La procura ha deciso per l’abbattimento del cane considerato pericoloso, gli animalisti dell’AIDAA attraverso i propri educatori e veterinari comportamentisti pensano invece che il cane possa essere recuperato.

3 – Due persone fermate per spaccio tra via Quarenghi e via Simoncini

Due persone fermate e denunciate per spaccio di sostanze stupefacenti: è il bilancio dei controlli svolti ieri pomeriggio dalla Polizia Locale nell’area compresa tra via Simoncini e via Quarenghi. I fermati sono due ragazzi di 22 anni, entrambi con iniziali E.O. e residenti a Bergamo: sono stati sequestrati circa 25 grammi di sostanze stupefacenti. Il primo è stato colto in flagrante dagli agenti, in servizio in borghese, mentre cedeva una dose a un trentaduenne in via Simoncini: sequestrati una banconota da 50 euro e quattro grammi di sostanze. Il secondo, invece, è un individuo già noto al Comando di via Coghetti: era stato infatti identificato in passato sempre per spaccio di sostanze stupefacenti. La Polizia Locale lo ha notato mentre percorreva più volte via Quarenghi in bicicletta. Dopo averlo fermato per un controllo, gli agenti gli hanno trovato addosso quasi 20 grammi di hashish (nascosti nella biancheria intima) e banconote per un totale di cento euro.

4 – Fontana razzista? Il consigliere Iwobi lo difende: «Nessuna discriminazione»

La frase choc pronunciata lunedì dal candidato del centrodestra alla presidenza della Lombardia Attilio Fontana durante un’intervista trasmessa da Radio Padania, continua a far discutere. Ma dopo il sostegno da parte del segretario federale della Lega Matteo Salvini e di altri esponenti di destra, ora in difesa di Fontana è sceso in campo anche il nigeriano Toni Iwobi, consigliere di maggioranza nel Comune di Spirano e responsabile federale del dipartimento sicurezza e immigrazione per la Lega. «Dov’è il problema? – ha domandato retoricamente Iwobi sulla propria pagina Facebook –. I primi che discriminano la cultura di un popolo sono coloro che pretendono di omologare le diversità. L’amico Attilio Fontana ha semplicemente preteso il rispetto della cultura del paese ospitante e l’importanza che le tradizioni di un popolo siano preservate. Il concetto è stato chiarissimo e soprattutto senza alcun intento discriminatorio. Se poi certi giornalisti e la sinistra ne hanno fatto un caso nazionale lo hanno fatto spudoratamente per i loro interessi».

5 – Sportello bancari in ritirata, meno 19 per cento in otto anni

La rivoluzione digitale, con tanti clienti che fanno i bonifici direttamente online, unito all’eccesso di filiali aperte negli anni delle crescita economia, ha fatto crollare il numero di sportelli bancari nella Bergamasca. Ci si sono messe, anche, le fusioni tra banche. Le ottimizzazioni. La mappa in provincia dell’ultimo decennio mostra che l’apice è stato toccato nel 2010 con 785 sportelli. Poi il calo fino ad arrivare agli attuali 636, con circa 150 soppressioni in otto anni (- 19%).

6 – Vendita delle ex Acciaierie di Cortenuova, tedeschi in prima fila

È oggi il gran giorno dell’asta di vendita relativa ai circa 400 mila metri quadrati delle ex Acciaierie di Cortenuova. Base d’asta: 7 milioni, con assegno già depositato da 700mila euro da parte del gruppo tedesco Ars Altmann, 380 milioni di fatturato e mille dipendenti, il cui core business è il trasporto di automezzi dalla fabbrica alla concessionaria. Il colosso tedesco prevede un investimento di 20 milioni di euro oltre l’acquisto, per realizzare un centro di stoccaggio dei mezzi.

7 – Recupero dell’ex carcere di Sant’Agata al palo, rinnovato l’utilizzo al Maite

Nello stato attuale, l’ex carcere ha un grande fascino. Il Maite fa del suo meglio per valorizzarne la natura, organizzando mostre ed eventi che possano sfruttare la suggestione offerta dalle vecchie mura. La ristrutturazione invece resta ancora al palo, tant’è che il Comune ha rinnovato la cessione d’utilizzo al Maite per altri quattro anni. Poi si vedrà.

8 – Albanese 34enne agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio viola le prescrizioni

Ieri i carabinieri della Stazione di Fara Gera d’Adda hanno arrestato e portato in carcere a Bergamo, su ordinanza di aggravamento della Corte d’Appello di Milano – Sezione Penale, un 34enne albanese, già agli arresti domiciliari in un’abitazione di Fara per reati contro il patrimonio. Lo straniero, in particolare, stava scontando la custodia cautelare ai domiciliari in attesa di definizione del relativo procedimento penale, con l’autorizzazione tra l’altro ad assentarsi per alcune ore per far fronte alle esigenze di vita quotidiana. I militari dell’Arma, però, hanno rilevato la violazione di tali prescrizioni e la non perfetta ottemperanza delle stesse da parte dello straniero, inviando al riguardo apposita informativa all’A.G. di Milano, segnalando in particolare l’assenza da casa anche in orari diversi dall’autorizzazione concessa dalla Magistratura a suo favore.

 

17 GENNAIO

 

1 – Venerdì i funerali di Francesco Frigerio morto una settimana fa in Uganda

Si terranno venerdì i funerali di Francesco Frigerio, l’ingegnere trevigliese 38enne morto mercoledì scorso in Uganda per un tragico incidente stradale. Le esequie saranno celebrate nella Basilica di San Martino, in piazza Manara a Treviglio. Alle 10 verrà recitato il rosario, alle 10.30 ci sarà invece la messa. Lo schianto ha avuto luogo sull’autostrada tra Kampala e Gulu, tra l’auto su cui viaggiava Frigerio, con due colleghi, e un camion che trasportava sabbia. Frigerio e uno dei suoi colleghi hanno perso la vita. Si è salvato ma ha riportato ferite gravi invece il terzo collega, che si trovava alla guida del mezzo.

2 – Una vita per le missioni, addio a don Giovanni Redaelli

Si è spento, a 84 anni, don Giovanni Redaelli dopo una vita spesa in missione per gli altri. Domani, giovedì, alle 15.30, i funerali nella chiesa parrocchiale di Caravaggio. Sacerdote in terra d’Africa, don Giovanni era nato a Caravaggio nel 1933 e ordinato a Verona nell’Istituto dei Missionari Comboniani. È stato incardinato in Diocesi di Cremona nel 2000, come collaboratore della parrocchia dei SS Fermo e Rustico a Caravaggio. Il suo servizio al Vangelo ultimamente era stato svolto in Togo, nella Chiesa di Aneho, una Diocesi sussidiaria di Lomé, fino a quando le sue condizioni di salute lo hanno consentito. È morto nella casa di riposo di Calvenzano dove era ricoverato dal luglio scorso.

3 – Travolto da un tronco a Tavernola: elisoccorso in azione

Stava tagliando il tronco di un albero e si è infortunato gravemente a una gamba. È successo intorno alle 13 di oggi a Tavernola Bergamasca, in via Vigolo. L’uomo, 40 anni, è rimasto schiacciato sotto il peso del tronco. Per questo motivo è stato trasferito con l’elisoccorso all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

4 – Osio Sotto, quarantottenne italiano ruba l’autoradio a un marocchino

Ieri sera a Osio Sotto, nel parcheggio di un supermercato, i Carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato in flagranza di reato per furto aggravato su autovettura un 48enne con precedenti, residente ad Alzano Lombardo. I militari della stazione di Osio Sotto, insieme ai colleghi di Zingonia, hanno in particolare catturato l’autore di un furto di autoradio su un’autovettura di proprietà a un giovane marocchino 25enne, abitante nella Bassa. È  stato proprio il 25enne straniero che si è accorto, all’uscita dal supermercato, del furto in atto sul proprio veicolo, avvisando così prontamente il 112. Intervenuti immediatamente sul posto, i militari dell’Arma hanno così arrestato l’autore dell’azione, che si era appunto impossessato, previa effrazione della serratura del mezzo, del frontalino dell’autoradio.

5 – Donna investita da pirata della strada, è ancora gravissima

Versa ancora in gravissime condizioni la 44enne investita lunedì a Romano da un pirata della strada che dopo lo scontro è fuggito facendo perdere le proprio tracce. Era successo in via Cotta, nei pressi di BettonGru. La donna è ricoverata nel reparto di rianimazione degli Spedali Civili di Brescia in prognosi riservata. Giunta in ospedale, era stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico per ridurre il trauma cranico subito nell’incidente, ma il suo quadro clinico resta preoccupante. Intanto proseguono le indagini dei carabinieri di Romano per individuare il pirata della strada.

6 – Al via il nuovo servizio di vigilanza notturna per Bergamo

Il viceSindaco di Bergamo Sergio Gandi e la comandante della Polizia Locale del Comune di Bergamo Gabriella Messina presenteranno domani alle ore 14, nella sala Cutuli di Palazzo Frizzoni, il nuovo servizio di vigilanza notturna dei luoghi pubblici di Bergamo. Il Comune di Bergamo ha infatti assegnato il servizio (sperimentato per qualche mese lo scorso anno) attraverso una gara nelle scorse settimane e nei prossimi giorni saranno svolti i primi turni di vigilanza in città, in quelle ore notturne nelle quali gli agenti di Polizia Locale non sono in servizio. Parteciperà il vicepresidente di Fidelitas, Luigi Ferrara.

7 – Bimba azzannata in città, Aidaa: «Non abbattete Leone»

«Preghiamo tutti perchè quella bambina migliori e guarisca presto, ma vi prego non abbattete Leone quel cane si è sempre dimostrato buono a detta degli stessi genitori della bambina e per questo merita una prova d’appello in quanto non sappiamo quali siano state le motivazioni che lo hanno indotto a reagire cosi nei confronti di quella che era stata fino a poco prima la sua piccola compagna di giochi». Questo l’appello accorato ai veterinari dell’Asl ed ai Magistrati di Bergamo del presidente nazionale Aidaa (Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente) Lorenzo Croce dopo quanto accaduto domenica, quando il cane di casa Leone un boxer incrociato con un pastore tedesco in maniera apparentemente non spiegabile ha azzannato la bambina alla testa, bambina che è stata operata e che versa ancora in pericolo di vita. Per il cane qualcuno (senza attendere i dieci giorni previsti dalle legge di visione in canile sanitario) pare abbia già decretato la pena di morte, alla quale si oppone in maniera ferrea l’associazione, che crede che il cane debba essere assolutamente recuperato.

8 – Parcheggio selvaggio, ecco la squadra anti-abusi

Parcheggio selvaggio a Treviglio? Da alcuni mesi è entrato in azione un comitato di cittadini che raccoglie materiale fotografico sulle tante infrazioni che vengono commesse dagli automobilisti. Materiale che viene inviato alla Polizia locale ma che, a quanto pare, viene ignorato. Tutto è iniziato quasi per caso: alcuni cittadini che necessitavano dei posteggi per disabili hanno notato che, sempre più spesso, erano occupati da chi non ne aveva diritto. E così hanno iniziato a segnalare queste situazioni di parcheggio selvaggio alla Polizia locale. È nata quindi una vera e propria «squadra anti-abuso». «Anche perché – ha sottolineato Roberto Fabbrucci, uno dei promotori del comitato spontaneo “Treviglio Urbana” – sembrava che la nostra collaborazione fosse gradita. E invece non è così, perché nonostante le nostre continue segnalazioni, nulla è cambiato. Anzi, la situazione peggiora giorno dopo giorno».

 

16 GENNAIO

 

1 – Malore in una fossa del cimitero. Spirano, addio a Piero Baronchelli

Malore in una fossa del cimitero: è morto così Piero Baronchelli, 73 anni. Questo pomeriggio si trovava a Spirano, al cimitero di via della Pace, per eseguire alcuni lavori insieme al custode del cimitero Gianluigi Foglieni. Ancora da chiarire la dinamica dell’accaduto. Dopo aver estumulato il cadavere di una donna, i due si sono separati e Baronchelli ha annunciato che si sarebbe attardato alcuni minuti per completare altri piccoli lavori. Tra questi, la sistemazione di un tavolato di cemento all’interno di un locale interrato che ospita dei loculi. Molto probabilmente l’uomo è stato colto da un malore  mentre lavorava all’interno di questa fossa. A dare l’allarme è stato uno spiranese che era in visita al cimitero, Renato Provesi. Ha notato l’uomo seduto sul fondo della fossa, la testa e la schiena appoggiate al muro, accanto alla scala. Non rispondeva. Quindi ha chiamato i soccorsi. Sul posto sono subito intervenuti i soccorritori della Croce Rossa di Treviglio insieme a un’automedica ma per l’uomo non c’era più niente da fare. Sul posto anche l’Ats e i carabinieri. Commosso il ricordo del vicesindaco e del custode del cimitero, che aveva salutato Baronchelli soltanto un’ora prima dell’allarme: «Era una persona unica». Contrariamente a quanto emerso in un primo momento l’uomo si trovava dunque già all’interno  del cimitero quando si è sentito male. Stava eseguendo alcuni lavori di manutenzione. Nessuna caduta nella fossa dunque.

2 – Controllo al tir: a bordo 12 chili di marijuana

Un camionista 54enne giudicato sospetto dalla polizia di stato è stato controllato a Dalmine e a bordo del suo autoarticolato gli agenti hanno scoperto ben 12 chilogrammi di sostanza stupefacente. Marijuana, per la precisione. L’uomo, serbo, teneva la sostanza stupefacente in una borsa di nylon semirigida.

3 – Fidejussioni false per 200 milioni, denunce anche in Bergamasca

Fidejussioni false, ricettazione e appropriazione indebita per un totale presunto di 200 milioni.  Sono otto gli arresti che la Guardia di Finanza di Forlì sta eseguendo in queste ore, e 34 le denunce spiccate tra il capoluogo romagnolo e la Lombardia. Anche in provincia di Bergamo. È l’operazione «Mister James». Ecco come operava l’organizzazione: emettevano false polizze fidejussorie, spesso tramite un finto istituto di credito londinese. Altre volte, tramite un istituto vero, di Stoccolma, ma estraneo ai fatti. Poi, sceglievano le vittime: società che versavano in forte stato di crisi. A quel punto, le acquisivano, attraverso società di comodo create ad hoc ed intestate a «teste di legno» prive di fonti di reddito. Inoltre stipulavano contratti di affitto d’azienda in modo da garantirsi la completa gestione dell’azienda. Procedevano poi a «spogliare» le aziende vittime rivendendone gli strumenti finanziari e strumentali. Quanto poi si trattava di trattare con i creditori delle aziende acquisite, ecco che tiravano fuori le false garanzie fidejussorie, «al fine di procrastinare nel tempo ogni attività volta al soddisfacimento dei propri crediti».

4 – Una bimba azzannata alla testa dal cane di casa: condizioni gravi

Un incrocio tra un boxer e un pastore tedesco che non aveva mai dato segni di squilibrio. Anzi, dormiva vicino alla bambina di 14 mesi, che domenica ha azzannato. Poteva essere fatale l’aggressione di Leone, il cane di famiglia, alla piccola «sorellina». I fatti sono accaduti in una casa al quarto piano di un palazzo di via Comin Ventura, al civico 3/A. La piccola è sedata in Terapia intensiva all’ospedale Papa Giovanni XXIII: domenica sera è stata operata alla testa e la prognosi resta riservata. Le condizioni sono gravi, insomma. Il padre, Max Maldonato, 38 anni, boliviano, non si capacita di cosa sia potuto accadere. I carabinieri lo hanno indagato a piede libero con l’accusa di lesioni colpose.

5 – Camion perde il carico di colla vinilica a Dalmine: caos

Strano incidente ieri pomeriggio a Dalmine. Un camion con una cisterna che trasportava Vinavil ha avuto un guasto alla rotatoria della ex Statale 525, nell’ex zona Lombardini, al confine con Lallio. La colla si è riversata sulla strada. Inevitabili i grossi disagi alla circolazione stradale, in un punto e in un orario già particolarmente critico dal punto di vista della viabilità. Per togliere la sostanza dall’asfalto è stata chiamata l’impresa che si occupa della pulizia delle strade di Dalmine.

6 – Spaccata all’ottica Segantin di Casazza, rubati occhiali e gioielli

Questa notte, con un furgone rubato un furgone in un supermercato vicino, muovendosi in retromarcia, i ladri hanno distrutto la vetrina dell’ottica e gioielleria Casazza di Ottavio Segantin, in via Nazionale 77. Poi il colpo, in soli due minuti. Il negozio è distrutto, ricco il bottino. Ora le indagini delle forze dell’ordine che utilizzeranno anche i filmati delle telecamere del negozio e della zona.

7 – Zingonia, scoperto market della droga in un appartamento

Ieri a Ciserano, in via Monaco, nel condominio Athena 3, in piena Zingonia, i Carabinieri della Compagnia di Treviglio insieme alla Polizia Locale di Ciserano hanno eseguito un nuovo controllo straordinario per il contrasto del fenomeno delle occupazioni abusive. In un appartamento di uno dei palazzoni, più volte in passato tra l’altro già oggetto di perquisizioni a tappeto. In particolare, era stata individuata in questi giorni una probabile occupazione abusiva all’interno di un’abitazione dell’Aler da parte di extracomunitari. Carabinieri e Polizia Locale hanno difatti rintracciato un marocchino 28enne, clandestino sul territorio nazionale e rinvenuto poi all’interno dell’appartamento circa 7 etti i droga tra hashish e cocaina. In sostanza, quei locali occupati illegalmente erano stati trasformati, come già accertato altre volte, in un vero e proprio «deposito» per lo spaccio, in una «piazza», come appunto quella di Zingonia, assolutamente favorevole alle dinamiche connesse al traffico di sostanze stupefacenti.

8 – Donna travolta da pirata della strada in fuga a Romano

In via Cotte, nei pressi di BettonGru, a Romano, una 40enne del paese è stata travolta da un pirata della strada in fuga. Ancora da chiarire l’esatta dinamica dell’incidente. Molto probabilmente la donna stava tornando a casa a piedi passando per la strada bassa che porta in località Cotte. A dare l’allarme un giovane che, qualche minuto dopo, è passato per la strada con la sua macchina. Secondo quanto riportato dai testimoni, il ragazzo in un primo momento ha creduto che la donna, sdraiata sul ciglio della strada, fosse morta e ha chiamato il 112. Per fortuna aveva in realtà soltanto perso i sensi dopo lo scontro. Sul posto sono intervenuti i soccorritori con un’automedica e un’ambulanza della Croce Rossa di Palosco. La donna è stata subito trasportata all’ospedale di Treviglio. A terra sarebbero ancora ben visibili i segni dell’investimento.

9 – Restauro parziale per il Grand Hotel di San Pellegrino, i lavori avanzano

Proseguono come da programmi i lavori di restauro parziale del Grand Hotel di San Pellegrino, che dovrebbero essere completati a maggio del 2019. Una volta conclusi i lavori in corso (per 18,650 milioni di euro) mancheranno ancora 23 milioni di euro per riaprire completamente ad albergo il prestigioso stabile.

10 – Incidente a Urgnano, coinvolto bimbo di soli tre anni

Tre auto sono rimaste coinvolte ieri sera in uno scontro a Urgnano: un’utilitaria, un furgoncino e una familiare. Il furgone pare andasse a una velocità sostenuta. Ha tamponato l’utilitaria su cui viaggiava un bimbo di 3 anni facendola finire al centro della rotonda.  Per non finire anche lui sulla rotonda il conducente del furgone ha sterzato violentemente a destra imboccando in contromano l’uscita su via Provinciale e scontrandosi frontalmente con un’altra auto ferma per dare la precedenza. Fortunatamente nessuna delle persone coinvolte è rimasta ferita in modo grave.

 

15 GENNAIO

 

1 – In bici con l’hashish nelle mutande. Spacciatore arrestato in via Bonomelli

Stamattina i carabinieri di Bergamo hanno arrestato lungo via Bonomelli A.S., nigeriano, classe 1984, regolare sul territorio ma senza fissa dimora. L’uomo è stato fermato mentre percorreva in bicicletta le vie del centro cittadino, a ridosso della stazione ferroviaria. È stato fermato e perquisito: era in possesso di 75 grammi circa di hashish, nascosti negli slip. È stato portato in cella di sicurezza a Bergamo, in attesa della direttissima di domani mattina.

2 – Palosco, ladri in fuga nei campi presi grazie a video e black list

Ladri in fuga tra i campi a Palosco. È successo ieri sera, domenica. I tre malviventi sono scappati a gambe levate dopo aver abbandonato l’auto, una Volvo blu che è risultata rubata a dicembre. Questo perché alle loro calcagna c’erano due agenti della Polizia Locale di Palazzolo agli ordini del comandante Claudio Modina. Un inseguimento serrato, come nei film d’azione americani, iniziato su viale Europa a Palazzolo e terminato nella campagna paloschese. I delinquenti hanno approfittato del buio (erano circa le 18.15) per scappare. L’allarme è scattato dalle telecamere di videosorveglianza poste dal Comune agli accessi della città. Ma sono stati i vigili ad aggiornare continuamente la black list. La lista nera. Infatti, da qualche periodo, come relazionato dal sindaco Gabriele Zanni in Consiglio comunale, non è più possibile l’utilizzo delle banche dati ministeriali da parte delle Forze dell’ordine per controllare le targhe delle auto rubate. Una scelta che sarebbe stata adottata per questioni di privacy. Ma gli agenti di Palazzolo hanno tenuto aggiornato questa lista nera, dopo una serie di controlli e indagini sul territorio, inserendo diverse auto sospette. Ed è così che, grazie alla tecnologia, al lavoro di ricerca, ma anche all’intuito dei due vigili, è stata messa in fuga la banda. Infatti, i poliziotti dopo aver ricevuto il segnale del transito della macchina in città, hanno atteso con pazienza che ritornasse indietro e una volta individuata l’hanno inseguita fino a Palosco.

3 – Cinque milioni per l’ospedale: Calcinate, inaugurato il Pot

È stato inaugurato questa mattina il nuovo Pot (Presidio ospedaliero territoriale) all’ospedale di Calcinate. Cinque milioni di euro per la trasformazione e la valorizzazione della struttura. «Effettuare in una sola giornata tutti gli esami e le visite previste dal proprio percorso di cura con la possibilità di avere il referto già alla fine delle prestazioni. Questo è possibile all’interno del Presidio ospedaliero territoriale (Pot) che oggi abbiamo inaugurato, per i pazienti cronici del territorio di Calcinate che hanno bisogno di cure continue». Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera nel corso dell’inaugurazione. Inaugurazione  alla quale era presente in rappresentanza del territorio anche l’assessore regionale all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile, Claudia Terzi.

4 – Aeroporto di Orio, un nuovo record. Crescita per il 16° anno consecutivo

L’aeroporto di Bergamo inanella il sedicesimo anno di crescita continua chiudendo il 2017 con il nuovo massimo storico di 12.336.137 passeggeri, pari a un incremento del 10,54% che corrisponde a 1.176.506 passeggeri in più rispetto al 2016. Rispettate le previsioni, che indicavano il superamento di quota 12 milioni, raggiunta per la prima volta il 21 dicembre 2017. Il trend positivo del movimento passeggeri è stato sostenuto generalmente dall’intero network dei collegamenti operati dalle compagnie aeree operanti sullo scalo bergamasco, tutte accomunate dal miglioramento del load factor (percentuale di riempimento dei veivoli). Un dato di crescita rilevante riguarda i voli extra-Ue, in particolare verso le destinazioni di Russia, Turchia, Israele e Ucraina. Quasi 126mila le tonnellate di merci aeree movimentate nel 2017, più 6.95% rispetto al 2016. Un consuntivo che conferma il consolidamento del settore legato all’attività dei vettori courier, spinto dalla crescita dello e-commerce, grazie a cui è stato possibile registrare un andamento costantemente positivo nel corso dell’anno, e strategico per il settore produttivo territoriale.

5 – Mal di «Furia cavallo del west» canta per i profughi

Mal, Bradley Couling, il cantante e attore britannico, naturalizzato italiano, terrà un concerto ad Antegnate, sabato 17 febbraio, ospite della comunità gestita da padre Antonio Zanotti. Per poter partecipare al suo concerto, è possibile prenotare tramite e-mail (prenotazioni.oasi7@gmail.com). E se ci si chiede perché Mal sia venuto ad Antegnate il motivo è semplice. «Spesso si crede che la cooperativa sia legata alla sola accoglienza dei richiedenti asilo – ha spiegato Giovanni Trezzi – in realtà è ben altro. Infatti la cooperativa esiste prima ancora di questo drammatico fenomeno odierno. Il concerto di Mal è solo uno dei pochi eventi che la comunità Oasi7 organizza per conoscere e farsi conoscere. Infondo ciò che da sempre portiamo avanti sono ideali di solidarietà, di aiuto e di beneficenza. Il concerto di Mal si inserisce in questo percorso».

6 – Salma di Papa Giovanni XXIII in città: il Bergamo Pride cambia data

A pochi giorni dall’annuncio del primo «Pride» organizzato da Arcygay Bergamo Cives, l’annuncio di un cambio data: non il 26 maggio, per non far coincidere la sfilata arcobaleno con l’arrivo in città della salma di Papa Giovanni XXIII da Roma. Ad annunciarlo lo stesso comitato organizzatore. «Tale data sarà sempre nel mese di maggio, continuando ad essere , quello di Bergamo, il primo Pride che aprirà la stagione dei Pride in tutta la Lombardia», ha detto Marco Arlati, presidente di Arcigay Bergamo.

7 – Intercettato dai carabinieri un «trasporto» di sostanze stupefacenti

Ieri sera i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno «intercettato» un vettore della droga. In particolare, i militari dell’Arma della stazione di Osio Sotto hanno rintracciato un veicolo in apparente stato di abbandono, con il motore tra l’altro ancora acceso, con all’interno circa 8 etti di sostanze stupefacenti tra hashish e cocaina. Probabilmente era in atto nella Bassa Bergamasca un «trasporto»” di droga da parte di qualche “corriere», bloccato in tempo dagli investigatori dell’Arma. A bordo del veicolo, sottoposto a sequestro penale per i necessari approfondimenti d’indagine, è stata anche rinvenuta una falce e dei documenti. Già in nottata sono scattate alcune perquisizioni per cercare di risalire allo sconosciuto «trasportatore». Il mezzo, un’utilitaria intestata ad un magrebino (presumibilmente un prestanome), sarà comunque sottoposta ad accertamenti tecnici.

8 – Test in discoteca, il 50 per cento ha bevuto poco

Un giovane su due all’uscita della discoteca è risultato sobrio. Non perché non ha bevuto, ma perché l’alcoltest è risultato al di sotto del valore limite per guidare, cioè 50 milligrammi per litro. È il risultato di una notte al Bolgia, con i giovani volontari di «Notti in sicurezza», il progetto promosso da Ats.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia