Notizie su Bergamo e provincia

Notizie su Bergamo e provincia (26 settembre-1 ottobre 2016)

Notizie su Bergamo e provincia (26 settembre-1 ottobre 2016)
29 Settembre 2016 ore 10:30

1 OTTOBRE

 

1 – Arrestato a Formentera Fabio Avogadri, ex promessa del tennis bergamasco e tecnico di Canè. Era latitante dal 2012

Sabato 1 ottobre i Carabinieri di Venezia hanno reso noto di aver arrestato Fabio Avogadri, 50enne bergamasco noto per essere stato una promessa del tennis italiano e per aver allenato Paolo Canè. L’accusa nei suoi confronti è di traffico internazionale di stupefacenti. Su di lui pendeva un mandato d’arresto sin dal 2012, quando aveva fatto perdere le proprie tracce. Già nel 2011 era stato beccato all’aeroporto di Orio al Serio mentre stava per imbarcarsi per Ibiza con un documento falso ed era stato condannato a due anni e due mesi per ricettazione e possesso di documenti falsi. Ma, al momento della sentenza, si era reso irreperibile. In passato era già finito in carcere per altri reati. A Formentera, secondo quanto è stato reso noto, Avogadri aveva interessi nell’ambito immobiliare e turistico.

2 – Elezioni del nuovo Consiglio provinciale, alle 16 aveva votato il 49,21%

Alla Cittadella dello Sport di via Gleno, dalle 8 alle 20 di sabato 1 ottobre, 2843 tra sindaci e consiglieri comunali di tutta la Bergamasca votano per scegliere il nuovo Consiglio provinciale. Il presidente di via Tasso resterà ancora Matteo Rossi. Le liste in corsa sono quattro: Provincia Bene Comune (Ncd), Democratici e civici per la Bergamasca (centrosinistra), Civici popolari indipendenti per Bergamo (centrodestra) e Lega Nord. Come riporta L’Eco di Bergamo, nel 2014 l’affluenza era stata del 73,59%, con un astensionismo maggiore tra i piccoli Comuni. Il meccanismo elettorale prevede – nell’ottica di rispecchiare le quantità di abitanti rappresentati – il voto ponderato. Dunque la preferenza di un consigliere comunale di Bergamo (fascia sopra i 100mila abitanti) vale circa 33 volte quella di un amministratore di una realtà sotto i 3mila. Alle 16 avevano votato votato in 1.399, ovvero il 49,21%.

3 – Mapello, è caccia al camionista che ha tagliato la strada e fatto cadere una motociclista

A Mapello, come scrive Bergamonews, è scattata la caccia all’autista del camion che venerdì 30 settembre, alle 13 circa, ha tagliato la strada ad una motociclista, facendola cadere per poi non fermarsi a soccorrerla. L’incidente è avvenuto in via Europa. La 37enne, che per evitare di finire sotto il mezzo pesante è rovinata a terra riportando diverse contusioni, è stata soccorsa da alcuni automobilisti che hanno chiamato i soccorsi. La donna è stata trasportata alla Clinica Gavazzeni, dove ha ricevuto le cure del caso. L’incidente è stato ripreso dalle telecamere di sicurezza di un’azienda e partendo da quelle immagini si sta dando la caccia al camion pirata.

4 – Raccomandate, ma non abbastanza. Rubate duecento lettere a Redona

Non basta essere raccomandate per resistere agli assalti dei malviventi. Nell’ufficio postale centrale di Redona, nella notte tra giovedì e venerdì, sono state rubate 200 tra spedizioni tracciate e corrispondenza semplice, decisamente più difficile da identificare. I ladri, dopo aver forzato la serratura dell’ingresso principale, sono entrati nei locali e, in poco tempo, hanno fatto incetta di buste. I cittadini che la mattina sono andati a ritirare la posta depositata hanno avuto la spiacevole sorpresa. Molti hanno denunciato l’accaduto alle forze dell’ordine, per evitare ulteriori conseguenze spiacevoli.

5 – Incidente sul lavoro su una ciminiera, a 110 metri d’altezza

Recuperato con l’ausilio dell’elisoccorso a un’altezza di 110 metri l’operaio bergamasco 60enne infortunatosi ieri mattina poco dopo le 11 mentre si trovava al lavoro sulla torre della ex Snia, lo stabilimento dismesso tra Paderno Dugnano e Varedo. Secondo una prima ricostruzione, una pesante bobina sarebbe finita sugli arti inferiori dell’antennista, che stava sistemando le varie parabole installate sulla torre. Difficile prestargli soccorso nel punto più alto della struttura. Così è stato dapprima predisposto l’intervento dell’elicottero dei Vigili del Fuoco in cui supporto è andato anche quello del 118.

6 – Investito un altro cervo in Val Seriana

Dopo l’investimento di un cervo di due quintali il 28 settembre da parte di una moto, nella serata di venerdì altro caso simile, sostanzialmente nello stesso tratto di strada della provinciale 35 della Val Seriana, nei pressi del Ponte del Costone. A travolgere l’animale, una cerva di un anno, un’auto. La zona è ricca di animali selvatici e le forze dell’ordine chiedono di fare molta attenzione quando transitano nella zona.

7 – Facevano razzia di gratta&vinci, sgominata la banda

Si spostavano in treno e, oltre a soldi e sigarette, erano specializzati nel furto di gratta&vinci. Avevano colpito anche in negozi della Bergamasca. È grazie all’individuazione dell’esercizio commerciale di Milano dove i tagliandi vincenti venivano posti all’incasso che i carabinieri di Verbania hanno smantellato una banda italo-romena dedita ai furti e alle rapine. Sette le persone arrestate con l’accusa di furto, rapina e ricettazione della refurtiva per un valore stimato di circa 100mila euro. Dei sette arrestati due si trovano ai domiciliari. Si tratta di una donna romena, di professione badante, e di un cinquantenne italiano accusati di ricettazione dei tabacchi e della refurtiva rubata.

8 – Rapinata per la quinta volta la farmacia sul Sentierone

Il salotto buono della città viene sempre più ritenuto buono anche dai malviventi. Mercoledì sera, intorno alle 18.10, due rapinatori, probabilmente italiani, a volto scoperto hanno fatto irruzione nella farmacia Terni, in via Monte Grappa, all’angolo con il Quadriportico del Sentierone. Uno era armato di coltello. Si sono diretti verso il bancone e hanno intimato ai farmacisti di consegnare l’incasso. Il colpo messo è l’ultimo di una serie di episodi. Cinque, per la precisione, dal 2011 a oggi.

 

30 SETTEMBRE

 

1 – Operazione antidroga dei Carabinieri di Treviglio nella Bassa, arrestato un artigiano marocchino di 27 anni per spaccio a Pontirolo

Nel pomeriggio di venerdì 30 settembre, i Carabinieri di Treviglio hanno compiuto un’intensa e vasta operazione di sicurezza nel territorio della Bassa. Il comunicato stampa diffuso dalle forze dell’ordine ha reso noto che durante questo blitz, a Pontirolo Nuovo, un artigiano marocchino di 27 anni è stato arrestato in flagranza di reato. L’accusa nei suoi confronti è di spaccio di stupefacenti. Lo straniero, a seguito di una perquisizione personale e domiciliare, è stato trovato in possesso di circa 35 grammi di cocaina, di oltre 900 euro in contanti, nonché di un bilancino digitale di precisione. Nei suoi confronti è stata disposta la traduzione in carcere a Bergamo. Nei prossimi giorni si terrà l’udienza di convalida.

2 – Abusi su una minore, il pm ha chiesto 12 anni per l’ex curato di Serina

Il pm Gianluigi Dettori, come riportato dal Corriere della Sera Bergamo, ha chiesto 12 anni di reclusione per l’ex curato di Serina, accusato di aver molestato anni fa una bambina, oggi diventata adulta. Secondo il magistrato, a pesare nei confronti del religioso sono diversi elementi, tra cui alcune incoerenze nei racconti dello stesso ex curato e la credibilità, invece, della versione fornita dalla ragazza, supportata anche dalle testimonianze di alcuni suoi ex fidanzati e amiche.

3 – Poliziotto 52enne prende contromano l’asse interurbano e si schianta contro un’auto: ferita una coppia all’altezza di Seriate

Terribile incidente nella notte tra giovedì 29 e venerdì 30 settembre sull’asse interurbano, quasi all’altezza di Seriate. Un poliziotto di 52 anni in forza al comando dell’aeroporto di Orio al Serio, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, avrebbe imboccato contromano (per ragioni ancora da chiarire) l’asse interurbano, andando a scontrarsi frontalmente con un’auto su cui viaggiava una coppia. L’urto è stato violentissimo, ma fortunatamente non letale: il ragazzo e la ragazza vittime dell’incidente, infatti, sono stati estratti dalle lamiere feriti, ma non sono in pericolo di vita.

4 – Moto contro auto nel Cremonese. Gravissimo centauro di Brignano

In moto contro un’auto. Stamattina alle 6.45 nel Cremonese, nella zona industriale di Vailate, vicino a Calvenzano, in via Pertini, un centauro 21enne di Brignano Gera d’Adda, in sella a una Kawasaki, si è scontrato con una Fiat 500 guidata da una 23enne di Romano di Lombardia. Molto gravi le condizioni diel giovane, trasportato in eliambulanza agli Spedali Civili di Brescia. La prognosi è riservata. Sul posto la polizia stradale di Crema.

5 – Auto in vendita a prezzi stracciati. Ma è una truffa

La truffa dell’auto in vendita a prezzi stracciati è un classico che non passa mai di moda. Perché qualcuno prima o poi ci casca sempre. Stavolta il protagonista, e presunto truffatore, è di Pognano. L’uomo, F.G. del 1964, deve rispondere in tribunale un raggiro via internet. Secondo la ricostruzione della Procura di Monza l’annuncio pubblicato su internet pubblicizzava la vendita di una Fiat Multipla alimentata a Gpl. Costo: 3.600 euro. Bisognava però versare una caparre per “bloccare” l’affare: 100 euro. Il venditore,però, incassati i soldi con accredito su carta prepagata Postepay, non si è fatto più vivo.

6 – Sedicenti tecnici dagli anziani: allarme a Carobbio

«Tutti gli addetti devono avere un tesserino di riconoscimento. Si consiglia di contattare direttamente le aziende che rappresentano prima di fare accedere tecnici nella propria proprietà». L’amministrazione comunale di Carobbio avverte i cittadini Da lunedì a mercoledì dei truffatori hanno agito sia in centro che in periferia. I colpi non hanno fruttato nulla, ma generano apprensione. Quindi, rafforza il sindaco, si consiglia inoltre di segnalare situazioni sospette alle forze dell’ordine. I fatti si sono verificati da lunedì a mercoledì, sia nel centro di Carobbio sia in periferia.

7 – Ancora gomme tagliate per il patron di «Haru»

Ancora vandali contro l’imprenditore Alberto Galli di Treviglio: gli hanno tagliato le gomme per la terza volta in un anno. E’ successo durante lo street food di domenica, esattamente come l’anno scorso: vittima, il patron del ristorante giapponese take away «Haru Sushi», sito in via Zara. Il fatto è successo proprio nei pressi del ristorante, domenica pomeriggio, in viale Partigiano. Per l’esattezza è la terza volta che l’imprenditore si trova con le gomme a terra, letteralmente.

8 – Indice dei prezzi in discesa dello 0,5% a Bergamo nel mese di settembre

Nel mese di settembre, l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic), a Bergamo, risulta in diminuzione dello 0,5% rispetto al mese precedente. Il tasso tendenziale (la variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), si attesta a -0,1%, in aumento rispetto al -0,2% registrato il mese scorso.

 

29 SETTEMBRE

 

1 – Milioni sottratti dai conti dei clienti. Morandi condannato a quattro anni

Benvenuto Morandi è stato condannato a quattro anni di reclusione. L’ex direttore della filiale Private Banking di Intesa San Paolo a Fiorano al Serio, ed ex sindaco di Valbondione, era accusato di truffa e furto aggravato per i soldi scomparsi dai conti correnti di diversi clienti, e in particolare da quelli dell’imprenditore Gianfranco Gamba, della moglie Mariuccia Pezzoli e della figlia Simona. La sentenza è stata pronunciata oggi a Bergamo, al termine del processo con rito abbreviato. Il pubblico ministero Carmen Santoro aveva chiesto una condanna a 5 anni e 4 mesi.

2 – Rapina al Credito Cooperativo, quattro in azione con taglierino

Rapina in banca a Seriate oggi nel primo pomeriggio. Secondo le prime informazioni quattro banditi, armati di taglierino, sono entrati nella filiale della Bcc di Ghisalba, in via Giussano, nei pressi della stazione. Si sono fatti consegnare i soldi dai dipendenti e poi li hanno chiusi nel bagno dell’edificio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri.

3 – Il carcere come prima casa. Quindi deve pagare l’Imu per la seconda

È nella casa circondariale di via Gleno, che ora è la sua casa, visto che è stato condannato per un omicidio commesso nell’ambito dello spaccio di droga. C’è un fatto paradossale, però: l’abitazione dove risiedeva prima di essere messo dietro le sbarre, a Desio, risulta come seconda casa. E come tale deve pagarci l’Imu. La storia assurda la racconta La Repubblica, che scrive nel sottotitolo: «L’alloggio dove viveva da uomo libero viene considerata dal fisco come una casa di vacanza. Quindi le aliquote sono maggiorate. L’avvocato: “Situazione assurda”».

4 – L’aeroporto mette sul piatto altri 4 milioni e mezzo per proteggere 250 residenze dal rumore

Il Consiglio di amministrazione di Sacbo ha preso in esame e, all’unanimità, deciso di adottare ulteriori interventi di mitigazione sul territorio limitrofo al sedime aeroportuale, rispondendo così alle richieste avanzate dai consiglieri rappresentanti di Comune e Provincia di Bergamo. Nello specifico sono stati stanziati 4,5 milioni di euro che verranno impiegati per nuove opere di mitigazione su circa 250 abitazioni private, in aggiunta alla somma di 3 milioni già destinata a interventi su circa 170 residenze, attualmente in fase di progettazione esecutiva nei Comuni di Orio al Serio, Grassobbio, Seriate e Bagnatica. Si tratta del più significativo investimento in opere di mitigazione acustica finora adottato da Sacbo, che si aggiunge ai 2,5 milioni spesi a tutto il 2013 che hanno riguardato  9 scuole e 125 abitazioni, e che porta il totale degli investimenti a 10 milioni.

5 – Sabato pomeriggio il grande ciclismo a Bergamo: chiusura al traffico

Sabato 1 ottobre Bergamo sarà traguardo di un’importante gara ciclistica dilettantistica e della classica che chiude di fatto la stagione ciclistica internazionale, il Lombardia, una gara che in 110 anni ha saputo ritagliarsi un fascino particolare e che viene trasmessa in tutto il mondo. Il traffico quindi risentirà del transito delle tue competizioni e dalle 16 alle 17.35 alcune strade saranno chiuse per consentire il transito agli atleti.

6 – Era sotto sfratto, incendia la casa. Anziano si toglie la vita a Curno

Ex capitano di Marina, sotto sfratto, ha dato fuoco alla palazzina in cui viveva. Poi si è sparato, riverso sul letto. L’hanno trovato così i vigili del fuoco, ieri sera, dopo aver fatto irruzione nel suo appartamento forzando le tapparelle del terrazzo. L’arma, una calibro 22, era a terra accanto al letto, insieme e una tanica di benzina e un pacchetto di banconote, circa 10 mila euro. L’allarme è scattato mercoledì alle 18, quando le fiamme erano ben visibili dall’appartamento della palazzina in via Lazio a Curno. Il rogo è stato domato, senza conseguenze per le altre sette famiglie che lo abitano.

7 –  Il Bocia? Parla troppo. La pm non lo vuole in aula

Associazione a delinquere per sei ultrà, guidati da Claudio Galimberti, alias il Bocia. Il pm Carmen Pugliese lo conosce bene, e ha preso una decisione: niente riesame, così non dovrà avere il capo ultrà in aula. «Non vorrei ritrovarmi anche in questo caso con 250 pagine di verbale piene di linguaggio colorito, da parte di un soggetto che mi ha fatto fare la figura del pesce, visto che non mi lasciava nemmeno formulare le domande prima di rispondere». Verranno utilizzate le deposizioni già prodotte negli altri procedimenti sui singoli fatti contestati.

8 – Basta vigili quando chiude Città Alta: ora solo telecamere

Con il nuovo sistema di videosorveglianza ai varchi di Città Alta non c’è più bisogno di agenti della polizia locale, quando il vecchio borgo viene chiuso alle auto. Una novità rivoluzionaria: ci sono sempre stati, da quando è attiva la ztl nei giorni festivi e prefestivi. I controlli verranno ancora fatti, precisa la comandante dei vigili Gabriella Messina, ma il presidio non sarà più fisso.

9 – Ubi e Banco, i conti correnti diventano più salati

Alcuni istituti di credito hanno aumentato i costi dei loro conti correnti. Tra questi, a livello provinciale, alcuni di peso notevole: Ubi e Banco Popolare (che ha assorbito il Credito Bergamasco), ma anche Unicredit, mentre a oggi non risulta che abbiano adottato aumenti Intesa (ma già c’erano stati rincari nel primo semestre), Mps e Bpm. Ubi ha deliberato per un aumento di 12 euro annui che entra in vigore giovedì 28 settembre, mentre per il Banco la maggiorazione è di 25 euro, e verrà adottata nel saldo di fine anno. Una tantum, però.

10 – Cani rubati alla sagra dei tartufi di Bracca: due casi

Due casi in due anni, tant’è che si pensa a un ladro seriale di animali. Una notizia che toglie serenità alla festa del tartufo di Bracca, dove per la seconda volta è sparito un cane nel nulla. Si tratta di cani pregiati, con un fiuto non comune, addestrati per trovare i preziosi tuberi. «Impossibile che si sia allontanato volontariamente – racconta una proprietaria derubata -. Usciva lontano da casa solo con noi, anche nel bosco».

 

28 SETTEMBRE

 

1 – Ubiale, pescatore trovato senza vita. Ancora ignote le cause del decesso

Trovato morto un pescatore a Ubiale Clanezzo, nel pomeriggio di mercoledì 28 settembre, sulle rive del Brembo.La vittima ha 68 anni ed è residente in paese. Ancora da chiarire le cause del decesso. L’allarme è stato lanciato dalla moglie poco dopo mezzogiorno. I vigili del fuoco sono intervenuti con l’elicottero per recuperare il corpo.

2 – Cinghiali, un milione e mezzo di danni in provincia

Ormai è una questione di “legittima difesa”. Per fermare l’invasione dei cinghiali, un fenomeno devastante, in costante crescita, che mette a rischio il futuro delle imprese agricole e la salute dei cittadini, Coldiretti Lombardia è scesa in campo con una proposta di legge incentrata proprio su questa tesi. In provincia di Bergamo, dal 2004 a oggi (fra agricoltura e incidenti stradali), il totale dei danni ha superato il milione e mezzo di euro.

3 – Malore mentre è alla guida di un camion, muore a Casazza

Morto sul lavoro a Casazza, in via Nazionale. E’ accaduto oggi a un uomo, caduto dalla cabina del suo camion a causa di un malore, almeno secondo le prime testimonianze. Vani i tentativi di soccorrerlo. L’incidente ha avuto luogo nei pressi della Nicem, un’azienda che lavora il marmo.

4 – Investe in moto cervo da 2 quintali. L’animale muore, ferito il centauro

Un motociclista ha investito un cervo di due quintali al Ponte del Costone, tra Casnigo e Ponte Nossa. È accaduto ieri sera attorno alle 21 sulla strada provinciale della Val Seriana. L’ungulato si trovava sulla carreggiata nei pressi della curva già teatro di diversi incidenti, ed è morto. Il Centauro stava andando verso Clusone: ha subito lievi ferite.

5 – Sessantenne ritrovato: ha passato una notte al freddo

Da ieri mattina non dava più notizie di sè. Preoccupazione in Val Vertova per un sessantenne uscito di casa e mai più rientrato. Le ricerche sono cominciate in giornata quando i familiari, non vedendolo rientrare a casa, hanno allertato i vigili del fuoco e il soccorso alpino. L’uomo è un appassionato di montagna e va spesso a fare lunghe passeggiate sull’Alben. Le ricerche sono andate avanti fino alle 4 del mattino e un segnale è stato trovato: l’auto, regolarmente chiusa e parcheggiata. Stamane alle 7.30 i vigili del fuoco sono ripartiti insieme al soccorso alpino. Poi l’uomo è stato ritrovato: è riuscito a raggiungere una casa a Oneta dopo aver passato una notte al freddo: era stato bloccato da un piccolo incidente, in cui si è procurato una ferita alla testa.

6 – Filmato e preso mentre tenta di rubare le bici dei vigili 

Era indaffarato a rubare quattro biciclette. Peccato che fossero di proprietà dei vigili di Romano di Lombardia, e che un agente stesse proprio guardando in quel momento i monitor di sorveglianza. Tentato furto, lunedì
verso le 23, nella sede della polizia locale del paese della bassa. L’uomo, L.M. classe 1978, di nazionalità marocchina e residente nella periferia di Romano, pluripregiudicato e già detenuto diverse volte, è stato denunciato a piede libero per tentato furto aggravato ai danni della pubblica amministrazione.

7 – Schianto stamattina tra due moto: due feriti

Incidente all’alba tra due moto lungo le strade di Scanzorosciate. Poco dopo le 5.30, stamattina, i due centauri hanno cozzato in via Galimberti. Gli operatori del 118 sono accorsi per soccorrere i due centauri feriti, uno di 30 e uno di 51 anni, che non sono in pericolo di vita. Allertati anche i carabinieri di Bergamo.

8 – Al Caf ripartono le selezioni: corsi di formazione per 120

Finita una stagione fiscale al Caf Cisl di Bergamo già si pensa alla prossima. È infatti partita la campagna di candidatura per operatore fiscale nel 2017. Al Caf si cercano «persone motivate, con spirito di gruppo, voglia di collaborazione e una spiccata capacità a interagire con il pubblico». Sono requisiti indispensabili il diploma o laurea, la familiarità con computer e web, buone capacità dialettiche e di relazione, la disponibilità a frequentare un corso gratuito per operatore fiscale e quella a spostarsi nel territorio della Provincia. Ci sono almeno 120 posti disponibili.

 

27 SETTEMBRE

 

1 – Le rubano il beauty-case a Venezia. Dentro gioielli per 60mila euro

La città è tentacolare, specie se zeppa di turisti, com’è Venezia. E di gente pronta ad approfittarne. Una 72enne bergamasca l’ha duramente provato sulla propria pelle: appena arrivata in Laguna, ha appoggiato il suo beauty-case rosso per terra, mentre attendeva il vaporetto con il marito. Subito un ladro ne ha approfittato: dentro c’erano gioielli per 60mila euro. Il furfante è stato decisamente abile, un Arsenio Lupin del borseggio: marito e moglie si sono accorti del furto solo quando stavano per salire sull’imbarcazione.

2 – Undici chili di cocaina nella sua auto, arrestato 64enne

Non lavorava più nell’edilizia: dal 2008 aveva chiuso la sua azienda di calcestruzzo. Si è dedicato ad altro, a quanto pare. Non legale, però. È finito in manette, fermato dagli agenti della Squadra Mobile di Milano a Bresso, G.G.F., 64 anni, incensurato. Aveva undici chili di cocaina nella sua Seat, che si trovava in un box. La droga era destinata al mercato del capoluogo lombardo ed era stata importata dall’uomo dall’Olanda. Il valore della polvere bianca sul mercato? Circa 400mila euro.

3 – Stalking nei confronti della ex: era ai domiciliari, va in carcere

Continuava a perseguitare la sua ex, a Urgnano, nonostante già fosse finito ai domiciliari proprio per stalking. I carabinieri della locale stazione allora l’hanno portato in carcere, come da indicazione emessa dal tribunale. Protagonista della vicenda un 44enne del posto. L’uomo, autorizzato ad uscire di casa solamente per svolgere la propria professione di commerciante, avrebbe violato quindi le prescrizioni, continuando ad avere una condotta molesta e persecutoria nei confronti dell’ex compagna.

4 – È cieco, ma guida e va a caccia. Si giustifica: «La vista va e viene»

Dal 2007 risultava cieco in seguito a un incidente sul lavoro. Per questo percepiva 800 euro al mese. Peccato, però, che sia stato visto a guidare e andare a caccia. Quindi è stato condannato in primo grado per truffa a 16 mesi, con l’obbligo di restituire 97mila all’Erario. La versione fornita da Antonio Scolari, 55 anni, di Oltre il Colle, è poco chiara. L’incidente è avvenuto a scuola nel 2004: lui era tecnico informatico. Un computer cade, si rompe e le schegge gli finiscono negli occhi. Da allora inizia ad avere problemi. All’ospedale San Raffaele e agli allora Ospedali Riuniti gli diagnosticano una sindrome atassica centrale. ma non è che non ci vede del tutto: «Al mattino vedo benissimo – ha detto al giudice -, posso anche leggere l’elenco del telefono. Se non sforzo la vista vedo anche nel pomeriggio, altrimenti mi si offusca».

5 – Il giallo del coltello di Tizzani: dove l’aveva nascosto?

Ora ci si interroga sul coltello di Tizzani, quello trovato venerdì scorso nel suo marsupio. Prima non era stato rinvenuto. Era stato nascosto? Un coltello con una lama compatibile, secondo gli inquirenti, con la ferita alla gola che ha ucciso l’ex professoressa di 63 anni Gianna del Gaudio, moglie di Tizzani, anche se soltanto i rilievi dei carabinieri del Ris di Parma potranno confermare se si tratti o meno dell’arma del delitto.

6 – Assistente licenziato e fatto riassumere: non aveva citato nel suo curriculum una condanna

Al ministero dell’Istruzione non aveva fatto sapere di essere stato condannato penalmente. Quindi era stato licenziato: faceva l’assistente amministrativo all’istituto scolastico Oberdan di Treviglio. Per Biagio Triolo, 54 anni, di Ciserano, padre di famiglia monoreddito, è cominciata così un’odissea. Lo scorso 22 settembre, però, in tribunale, il lieto fine: sarà riassunto.

7 – Gli alunni del Quarenghi sono «pronti a volare»

Gli alunni dell’istituto Quarenghi di Bergamo sono davvero pronti a volare, come recita il motto della scuola «ready to fly». Lo scorso 15 settembre, infatti, hanno vinto il concorso indetto dall’Aica, l’Associazione Italiana per l’informatica e il Calcolo Automatico e dall’Ufficio Scolastico della Lombardia. Il concorso proponeva, tra le varie alternative, di individuare un bisogno della scuola frequentata dagli alunni e progettare la realizzazione a stampa 3D dell’oggetto o del set di oggetti che lo avrebbe soddisfatto. Gli alunni del Quarenghi, abituati da tempo all’uso della stampante 3D, hanno scelto di realizzare un gadget e, nella fattispecie, hanno costruito un portachiavi che riproduceva lo slogan dell’istituto, “Ready to fly”. Guidati ed assistiti dal professor Filippo Gagliano, hanno seguito le varie fasi di lavorazione, dedicandosi in modo particolare alla progettazione: poi, la stampante ha fatto il resto. Alla fine, nonostante le numerose scuole che hanno partecipato al concorso, gli alunni del Quarenghi sono risultati gli unici vincitori tra gli istituti superiori della provincia di Bergamo e si sono aggiudicati un premio di 500 euro.

8 – La prefetta Costantino incontra le comunità religiose della Bergamasca

La nuova prefetta di Bergamo, Tiziana Costantino, incontra le comunità religiose della Bergamasca. Accade giovedì 29 settembre, ore 18, in prefettura (via Tasso 8), nell’ambito di Molte fedi sotto lo stesso cielo, la rassegna culturale delle Acli provinciali di Bergamo. L’iniziativa, intitolata In cammino verso la pace. Costruire ponti nella città, permette alle comunità cristiane, musulmane, buddiste, sikh, hare krishna e bahà’ì di incontrare le autorità istituzionali per presentarsi e instaurare un dialogo profittevole. Già negli anni passati, la stessa manifestazione toccò il Comune di Bergamo alla presenza del sindaco e di diversi assessori della giunta cittadina, mentre nella scorsa edizione ci fu l’incontro in Provincia con il suo presidente. A seguire, alle 19.00, presso lo Spazio Viterbi dello stesso palazzo, ci sarà un momento di preghiera interreligiosa.

 

26 SETTEMBRE

 

1 – Caravaggio, in moto contro furgone. Morto sul colpo studente di 17 anni

Ha perso la vita a bordo della sua Yamaha, sul cavalcavia dell’ex statale tra Caravaggio e Treviglio. La vittima è Giorgio Tosini, studente di 17 anni. L’incidente oggi pomeriggio alle 14: secondo una prima ricostruzione dei fatti il ragazzo avrebbe tentato di superare un pullman, urtando la parte posteriore del mezzo. E dopo una sbandata sarebbe finito sulla corsia opposta di marcia, dove è stato travolto da un furgoncino Opel, su cui viaggiavano alcuni operai. Inutili i soccorsi, tra cui il’elicottero del 118.

2 – Tagliato per errore un salice in salute a Longuelo

Un salice è stato tagliato per errore in uno dei cantieri del Comune di Bergamo a Longuelo: l’impresa che sta svolgendo i lavori di riqualificazione del giardino pubblico nel quartiere ha ammesso l’errore, chiedendo scusa al Comune e agli abitanti del quartiere per il taglio di un albero in salute. L’assessore del Comune di Bergamo Leyla Ciagà e il responsabile delle opere del verde Guglielmo Baggi hanno subito convocato l’impresa a Palazzo Uffici e hanno chiesto la piantumazione di un salice di pari valore botanico.

3 – Canton Ticino contro i frontalieri: duemila bergamaschi nel mirino

Secondo l’ente Bergamaschi nel Mondo, sarebbero almeno duemila i “frontalieri” bergamaschi, lavoratori cioè che settimanalmente, se non quotidianamente, raggiungono il Canton Ticino per esercitare una qualsiasi professione: camerieri e muratori, per lo più, ma anche impiegati, tecnici, commessi. Saranno presto tra le prime vittime del referendum che i vicini svizzeri hanno approvato e che prevede limitazioni serie all’ingresso di stranieri. Con lo slogan “prima i nostri”, infatti, si tende a frenare il flusso degli oltre 60.000 italiani che ogni giorno attraversano il confine per andare a lavorare.

4 – Reintegrato lavoratore: era stato estromesso per “brutto carattere”

Una causa trattata dall’Ufficio vertenze della Cisl di Bergamo “fa giurisprudenza”. È successo infatti che la corte di Cassazione si è espressa sul caso di un lavoratore bergamasco, 36 anni, impiegato in una ditta metalmeccanica, licenziato per il suo “caratteraccio” e, contrariamente all’interpretazione di alcuni giudici di merito sulla Fornero, ha condannato l’azienda a reintegrare sul posto il proprio dipendente, riconoscendogli pure gli arretrati dal giorno del suo licenziamento. «La completa irrilevanza giuridica del fatto (pur accertato) equivale alla sua insussistenza materiale e dà perciò luogo alla reintegrazione», hanno scritto i giudici di Cassazione nella sentenza al ricorso fatto dall’azienda.

5 – Viadanica, rogo di auto nella notte. Sono quattro le macchine incendiate

Tensione nel Basso Sebino: quattro auto sono rimaste coinvolte in un rogo nella notte tra sabato e domenica. Fortunatamente non ci sono state conseguenze per le persone. Le fiamme si sono alzate tra le 2 e le 3 di notte: le macchine erano parcheggiate in un’area di sosta pubblica, una vicina all’altra. Due sono andate completamente distrutte, altrettante sono rimaste seriamente danneggiate, semplicemente perché le fiamme si sono estese dalle prime due auto. Sul posto è intervenuta una pattuglia dei carabinieri di Sarnico e Grumello del Monte. Il rogo sembrerebbe di natura accidentale, ma sull’accaduto stanno comunque indagando i militari.

6 – Colpi d’ascia nella villa vuota, ma i vicini danno l’allarme

Paura a Villongo, nei pressi del lago. Con un’ascia, dei malviventi hanno tentato di svaligiare una cassaforte in una villetta di via Andreoletti ieri alle 21. In casa non c’era nessuno. Ignoto il bottino, perché i ladri sono stati disturbati dall’intervento dei vicini e si sono dati alla fuga a piedi attraverso un campo non illuminato. Avevano utilizzato una sedia per salire al balcone del primo piano, per poi servirsi della scure per tentare appunto di arrivare ai preziosi di famiglia.

7 – Via Paglia chiusa per girare lo spot Wolkswagen

Il permesso per utilizzare viale Papa Giovanni XXIII non è stato dato. E allora l’agenzia pubblicitaria che si occupa del nuovo spot italiano per la Volkswagen up ha ripiegato per via Paglia. Transennata, la strada del centro resterà chiusa al traffico oggi e domani. Tanti i curiosi che si sono assiepati all’incrocio con via Paleocapa: qualcuno, ignaro di tutto, ha anche provato ad attraversare il set. Il passaggio dei pedoni rimane garantito durante le frequenti pause delle riprese. Quando la luce rossa delle telecamere è accesa, invece, sono ammesse solo le comparse.

8 – Parla keniano (ma di team brembano) la mezza maratona di Bergamo

Il sorriso di Henry Kimtai Kibet dopo aver tagliato il traguardo racconta tutta la sua gioia per aver conquistato la quarta edizione della Mezza Maratona dei Mille: «Oggi stavo davvero bene, e ho fatto gara tattica per metà percorso – commenta il keniano all’arrivo – e solo verso la fine ho aumentato l’andatura». E la cronaca di testa si può dire che si possa sintetizzare nella parole del 33enne runner che difende i colori dell’Atletica Valle Brembana: fino al decimo chilometro Kibet guidava un piccolo plotone composto dai connazionali Andrew Kwemoi Mang’ata e Julius Kipngetich Rono, che lascerà con un allungo verso il 12esimo chilometro, per chiudere in solitaria la maratonina con il tempo finale di 1:04’47” che rappresenta il record del nuovo tracciato voluto da Migidio Bourifa, direttore tecnico della manifestazione.

9 – Atb, un successo un viaggio in musica nel cuore della cultura locale

La Settimana Europea della Mobilità si è conclusa a Bergamo con un viaggio davvero speciale, quello nel cuore di Atb, che dalle 14.30 fino alle 19 ha aperto le porte alla città per un pomeriggio di festa e sorprese. Guide speciali, il direttore generale e il presidente di Atb, Gianni Scarfone e Alessandro Redondi, e il personale di Atb che hanno introdotto il pubblico nella realtà dell’azienda e del trasporto pubblico. Visite guidate al Museo del Trasporto Pubblico Locale, spettacoli e tanta musica in compagnia di Gaetano Donizetti, il più celebre compositore e viaggiatore bergamasco. Grazie alla collaborazione tra Atb e la Fondazione Donizetti, nove artisti del Coro Donizetti, due strumentisti a fiato, tromba e trombone, ed un attore hanno eseguito celebri pagine donizettiane ed estratti da Donizetti Alive di Pasquale Corrado. Non è mancato l’intrattenimento con artisti di strada, prestigiatori, scenografiche bolle di sapone, giochi gonfiabili.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia