Notizie su Bergamo e provincia

Notizie su Bergamo e provincia (11-16 dicembre 2017)

Notizie su Bergamo e provincia (11-16 dicembre 2017)
16 Dicembre 2017 ore 09:00

16 DICEMBRE

 

1 – Michela Moioli prima, Sofia Goggia seconda: le bergamasche regine delle nevi

È stato un sabato da incorniciare per lo sport invernale orobico. Sia la campionessa di snowboard cross Michela Moioli che la sciatrice Sofia Goggia, infatti, sono salite sul podio nelle rispettive gare. La campionessa di Alzano Lombardo, dopo il terzo posto conquistato mercoledì 13 in Francia, a Val Thorens, sabato 16 si è imposta, proprio al fotofinish, nella tappa austriaca di Coppa del Mondo di snowboard cross a Montafon, arrivando davanti all’americana Faye Gulini. Poco prima, a St. Moritz, è stata invece Sofia Goggia a far esultare i bergamaschi e gli italiani in generale. Nel superG andato in scena questo weekend dopo il rinvio di una settimana fa, l’atleta cittadina ha sfoderato una grandissima prova e ha conquistato il secondo posto dietro alla campionessa americana Lindsey Vonn. Si tratta del suo 14esimo podio in carriera, ma il primo di questa stagione, iniziata tra tante attese finora non mantenute. Dopo il podio, Sofia ha commentato: «Non pensavo di fare podio ma mi sono concentrata su me stessa senza pensare al risultato. È arrivata la scintilla che aspettavo. In questo periodo ho avuto tanti occhi addosso, ma ieri sera ho preso coscienza delle possibilità e mi sono detta che ho fatto tutte le cose che dovevo, l’ho fatto per me stessa e per l’Italia. Mi sono concentrata solo sulla performance e zero sul risultato».

2 – È girato alle cascate del Serio il film che punta a sette Oscar

Call me by your name è stato girato in parte in Val Seriana, alle cascate del Serio. A Valbondione forse pochi sanno di che film si tratta, ma nel resto del mondo il tam tam sta inseguendo un po’ tutti. Perché proprio a Valbondione – come rivela il quindicinale Araberara – sono state girate alcune scene clou della pellicola sull’amore omosessuale (il titolo in italiano sta per «Chiamami col tuo nome») ora in pista per almeno 7 Oscar: miglior film, regia, attori (protagonisti e non), sceneggiatura non originale, montaggio, canzone originale. Estate 1983, tra le province di Brescia e Bergamo: Elio Perlman, un diciassettene italoamericano di origine ebraica, vive con i genitori nella loro villa del XVII secolo. Un giorno li raggiunge Oliver, uno studente ventiquattrenne che sta lavorando al dottorato con il padre di Elio, docente universitario. Elio viene immediatamente attratto da questa presenza che si trasformerà in un rapporto che cambierà profondamente la vita del ragazzo. Il film è di Luca Guadagnino, con la collaborazione di Walter Fasano e di James Ivory, e si ispira al romanzo omonimo di André Aciman per chiudere l’ideale trilogia sul desiderio iniziata con Io sono l’amore e proseguita con A Bigger Splash.

3 – Scoppia una tubatura in via Fara, strada allagata e chiusa per cinque ore

La mattina di sabato 16 dicembre, alle 6.45, in Città Alta via Fara è diventata un fiume a causa dello scoppio di una tubatura: sul posto tecnici e vigili del fuoco per provare a bloccare la perdita e contenere i danni. L’acqua ha invaso la strada fino alla chiesa di Sant’Agostino, sede dell’Università. La via è stata chiusa al traffico fino a poco prima delle 12, quando le auto hanno ripreso a circolare e i tecnici di Uniacque si sono messi al lavoro per la sostituzione del tubo danneggiato.

4 – Segue il navigatore e si incastra con l’auto sui binari del tram

Stava seguendo ossequiosamente il navigatore, ma magari avrebbe fatto meglio a guardare anche un po’ la strada. Ieri verso le 20 un settantenne è finto infatti sul sedime ferroviario del tram della Teb a Torre Boldone con la sua Lancia K. I collegamenti sono rimasti fermi per un’ora. Per sbloccare la linea i treni sono stati movimentati contromano fino all’intervento del carroattrezzi.

5 – Spaccate in centro: l’autore vive vicino alla Questura

Era tranquillo sicuro di non esser preso, quindi ha continuato ad alloggiare nel suo appartamento a pochi passi dalla questura. Non ha opposto resistenza però quando gli agenti hanno bussato alla sua porta. È stato denunciato a piede libero per furto e danneggiamenti D.C., 46enne italiano, tossicodipendente con vari precedenti. L’accusa: sarebbe il responsabile delle spaccate delle scorse notti in centro:

6 – Lago di Endine gelato, i sindaci rinunciano al divieto

Nessuno lo rispettava, e le forze per farlo rispettare non ci potrebbero mai essere. Così i sindaci rivieraschi del lago di Endine quest’anno rinunceranno a porre il divieto di accesso allo specchio d’acqua ghiacciato. I primi cittadini di Monasterolo, Endine, Ranzanico e Spinone si preparano così all’assalto di pattinatori e camminatori: niente ordinanza. «Stiamo definendo i dettagli dal punto di vista burocratico e legale – dicono, come scritto da L’Eco di Bergamo – ma è questione di giorni, se non di ore». Si punterà sull’informazione e sulla prevenzione, per spiegare rischi e pericoli.

7 – Conclusi i lavori in piazza Carrara: martedì si riapre

Mattinata di pulizia ieri da parte di Aprica Spa in piazza Carrara, per lavare il fondo dalla terra e dalla polvere provocati dal cantiere appena concluso. L’area, dopo l’intervento di riqualificazione dei mesi scorsi, appare riportata ad antico splendore. L’inaugurazione (prevista inizialmente per oggi, sabato) avrà luogo invece martedì mattina alle 10.30.

8 – Laurea falsa, direttore delle guardie giurate a processo

C’è anche l’accusa di aver presentato una certificazione di laurea falsa tra quelle che hanno portato il 40enne Michele Bardi a processo per truffa e falso. La parte offesa è la Gsi Security Group (che nel 2014 aveva rilevato l’Istituto di vigilanza Città di Treviglio, Ivct) di cui era direttore tecnico e membro del Cda. Bardi, come direttore tecnico della Gsi, era anche incaricato di occuparsi della formazione della sicurezza aeroportuale per il servizio svolto dall’azienda all’interno dello scalo di Orio al Serio per la zona cargo dell’Ups. Per svolgere il servizio le guardie giurate dovevano aver frequentato alcuni corsi di formazione, tra cui il Drg Basic. Per 24 di loro l’attestato di frequenza era arrivato, ma nessuno aveva frequentato alcun corso. A segnalare la questione era stato proprio un dipendente a cui era stata riconosciuta l’idoneità al lavoro in aeroporto a fronte di corsi a cui avrebbe partecipato, mentre in realtà si trovava in ferie. Da qui l’esposto presentato dall’azienda che era rimasta all’oscuro di tutto.

 

15 DICEMBRE

 

1 – Palosco, una svolta nelle indagini per l’omicidio di Amandeep Singh

Omicidio di Amandeep Singh, c’è una svolta nelle indagini: i carabinieri avrebbero arrestato tre persone che sarebbero coinvolte nell’uccisione dell’operaio 22enne indiano. Si tratterebbe del mandante e di due esecutori materiali. L’omicidio risale alla serata del 10 settembre, quando una rissa scoppiata tra cittadini indiani, in via Papa Giovanni, degenerò in una sparatoria a colpi di pistola. A farne le spese il 22enne, che rimase a terra gravemente ferito. Trasportato in ospedale, morì poco dopo a causa del troppo sangue perso. Sul posto intervennero subito i carabinieri della Compagnia di Treviglio, che avviarono subito un’indagine. Dai primi rilievi emerse che il regolamento di conti era scoppiato per una questione di debiti. Da circa un anno, due opposte fazioni avevano dato vita a una serie di risse, con episodi avvenuti a Chiuduno, Grumello del Monte, Gorlago e Seriate.

2 – Quattro interventi per evitare futuri allagamenti nel 2018

Tra i progetti approvati dalla Giunta comunale nel pomeriggio di ieri vi è anche quello di riqualificazione del sistema di raccolta e convogliamento delle portate di acqua di quattro aree cittadine: un intervento da 700mila euro che avrà una durata complessiva di quattro mesi. «Sono interventi importanti sotto più punti di vista, da quello dell’igiene a quello della viabilità», spiega l’Assessore ai Lavori pubblici Marco Brembilla, «Sono anche interventi molto sentiti dagli abitanti di queste zone – penso al problema del Villaggio degli Sposi di cui spesso si è parlato – e che vengono attesi da molto tempo. In questo modo speriamo di porre definitivamente fine a questo problema». Gli interventi riguardano la via Fontana e Pavione, la via Castello Presati, la via Castagneta e la via King, vie che sono state soggette, in occasione di temporali, ad allagamenti e a conseguenti disagi per coloro che vi abitano. Gli interventi approvati dalla Giunta consentiranno un miglior deflusso delle acque di piena, riducendo la possibilità di fenomeni di allagamento che caratterizzano le aree in questione.

3 –  Mura Venete, nel 2018 il Comune interviene sul baluardo di Valverde

Se ne parla da tempo, diversi anni ormai, ma nessun intervento è stato effettuato nei due decenni scorsi, soprattutto per via della difficoltà ad accedervi: si tratta del baluardo di Valverde delle Mura di Bergamo, sul versante nord del sistema difensivo veneziano di Bergamo Alta. Ci vorrà molto lavoro per rimuovere la vegetazione che nei decenni scorsi è cresciuta e ha prosperato su questo tratto di Mura. Il tratto tra le porte Garibaldi – Sant’Agostino – San Giacomo – Sant’Alessandro è stato oggetto, nel corso degli ultimi 15 anni, di interventi di restauro piuttosto articolati che ne hanno garantito una buona conservazione tanto da richiedere solo interventi puntuali su alcune parti specifiche. Discorso molto diverso per il tratto compreso tra le Porte Sant’Alessandro e Garibaldi e questo ha determinato la crescita incontrollata della vegetazione portando a danni e a dissesti, seppur sempre localizzati, nella cinta muraria. L’intervento che il Comune di Bergamo prevede si struttura in due parti: nel 2018 sarà il momento della sola rimozione della vegetazione, con taglio a raso di tutte le piante presenti sulle mura, in modo da portare in vista il muro attualmente nascosto dalla vegetazione presente. La procedura per l’assegnazione dei lavori è già stata avviata dall’Assessorato ai Lavori Pubblici del Comune di Bergamo. Sarà così possibile procedere alla seconda fase, ovvero al rilievo con tecnologia scan-laser al fine di redigere un progetto di restauro vero e proprio. Una scelta obbligata, visto che nelle condizioni attuali è impossibile redigere un progetto esecutivo di restauro, per la presenza della fitta vegetazione infestante, sia dalla necessità di mettere in sicurezza alcuni alberi che si trovano in equilibrio precario.

4 – Piazzale Risorgimento cambierà volto con dehor, fontane e un’area giochi

Ci sarà anche piazzale Risorgimento tra gli interventi che verranno realizzati dal Comune di Bergamo nel corso del 2018. L’intervento di riqualificazione avrà una durata di cinque mesi (tra maggio e settembre), con un costo di più di 800mila euro, ulteriormente incrementato rispetto ai 700 inizialmente stanziati per accogliere molte delle richieste avanzate dal quartiere. L’obiettivo del progetto è la riqualificazione completa di piazzale Risorgimento al fine di creare un luogo attrattivo, ma soprattutto finalmente una piazza vera e propria, attrezzata con strutture per lo svago, il ritrovo e la socializzazione. Il tutto soprattutto grazie al fatto che lo spazio verrà alleggerito dai pesanti traffici veicolari che attualmente lo attraversano, mantenendo i 37 stalli di parcheggio presenti. Il Comune ha recepito nei mesi scorsi le richieste che i comitati dei cittadini hanno fatto pervenire attraverso incontri con gli assessori competenti e la rete di quartiere: il progetto è quindi il risultato di un percorso partecipato, del quale il quartiere ha espresso soddisfazione durante l’ultimo incontro pubblico dello scorso 15 novembre. Eliminati campetto da pallacanestro e anfiteatro, verrà invece realizzata un’area giochi; fontane, alberi e panchine saranno gli altri elementi cardine intorno ai quali la piazza verrà realizzata. Il progetto prevede l’eliminazione del controviale in modo da creare continuità tra lo spazio centrale della piazza e i portici degli edifici che vi si affacciano; per le attività commerciali è prevista la possibilità di installare dehor, in modo da rendere ulteriormente la piazza – che sarà pedonalizzata – un luogo di relax e socializzazione. Sul lato est della piazza verrà realizzata un percorso ciclo-pedonale, che costeggerà la carreggiata che manterrà sia il doppio senso di marcia sia una corsia di parcheggio, e che verrà prolungata fino a via Sylva, collegandosi, all’altezza di via Innocenzo XI, con la nuova ciclabile proveniente da via Statuto, la cui realizzazione è prevista all’interno delle opere per la trasformazione del vecchio Ospedale di Largo Barozzi. La pavimentazione antisdrucciolevole e compatta e l’assenza di barriere architettoniche garantirà la libera fruibilità e circolazione anche da persone con ridotta capacità motoria, mentre materiali, colorazioni o rilievi diversi verranno utilizzati per consentire la percezione di segnalazioni e orientamenti per ipo e non vedenti.

5 – Sciopero dei piloti, decine di voli Ryanair cancellati a Orio

Lo sciopero di piloti e assistenti di volo sta minando la giornata anche dell’aeroporto di Bergamo. E anche di Ryanair, nonostante la criticata lettera – giudicata minacciosa – mandata ai comandanti. Nell’attesa di capire esattamente come si comporteranno gli equipaggi della compagnia irlandese, Ryanair ha già annunciato la cancellazione di 16 voli da e per Orio. Nel frattempo O’Leary, ad della compagnia, ha annunciato di voler cedere il passo a trattative con i sindacati europei, italiani compresi, e discutere da oggi in poi di diritti e salari. Una rivoluzione.

6 – Nuovo parcheggio in Città Alta: gratis dopo 6 ore

Nuovo parcheggio a pagamento aperto in via Tre Armi. È aperto 24 ore su 24 ed è automatizzato; costa 2.50 euro all’ora fino a un massimo di 15 euro, mentre dopo le prime 6 ore è gratuito. Gli utenti non mancano, visto il luogo strategico e la carenza di posti auto in Città Alta.

7 – Un chilometro di pista ciclabile in arrivo in via Mai

Via Mai perderà una corsia per le auto e ne guadagnerà una per le biciclette entro la primavera-estate del 2018. È una delle sezioni del nuovo tracciato ciclabile lungo quasi un chilometro e dal costo di 400 mila euro. Si parte da via Bono, dove al momento finisce la ciclabile Tram&bike, a fianco della Teb, che collega Redona a Borgo Palazzo. Da qui, via al nuovo tratto di pista su via Fantoni e che si collegherà a via Maj.

8 – Associazione Cure Palliative rinnova il sostegno al Papa Giovanni XXIII per i malati inguaribili

Si rinnova il sostegno al Papa Giovanni XXIII da parte dell’Associazione Cure Palliative Onlus, da anni a fianco dell’Ospedale di Bergamo nella cura e nell’assistenza dei malati inguaribili. Un  nuovo contributo in denaro di 191.300 euro permetterà nel 2018, sulla base della convenzione già in essere, di rinnovare i contratti di cinque operatori in servizio all’Hospice “Kika Mamoli” di Borgo Palazzo. La convenzione prevede, grazie a contributi a cadenza annuale, l’assunzione di figure specialistiche in affiancamento agli operatori dell’Hospice. Sono cinque le figure professionali che garantiranno qualità di cura e assistenza ai malati inguaribili in fase avanzata: tre medici palliativisti, una psicologa e una data manager.

 

14 DICEMBRE

 

1 – Piano straordinario di asfaltature. Due milioni per quaranta strade

Un piano di asfaltature straordinario per risanare circa 40 strade della città di Bergamo: l’Amministrazione comunale interviene nel 2018 con un investimento davvero notevole, pari a 1,85 milioni di euro, ben un milione di euro in più rispetto alla cifra standard stanziata negli ultimi due anni, 1,2 milioni in più rispetto all’investimento annuo dell’Amministrazione Tentorio. Saranno ben 117mila i metri quadrati interessati da lavori di asfaltatura in città, 107mila su strade, 10mila di marciapiede. «Sono tantissime le richieste che mi arrivano dai quartieri – spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici Marco Brembilla – e abbiamo così deciso di avviare un piano straordinario di intervento in tutta la città. A questi 1,85 milioni si aggiungerà poi il mezzo milione previsto per l’asfaltatura delle circonvallazioni: nel 2018 riuscire a investire 2,3 milioni complessivamente sulle strade è un risultato davvero importante». Tra le strade previste, spiccano via Tremana e Ponte Pietra, via San Bernardino (dall’Esselunga alla rotatoria di Colognola), via Mai, ampi tratti di via Corridoni, via Torni e via Sudorno sui Colli, via Zambonate, via dei Bersaglieri, il parcheggio di via Goethe.

2 – Le luci del centro anche per aeroporto, ospedale, Bonomelli e Carisma

In seguito allo straordinario successo riscosso tra pubblico e critica dal progetto Le Vie della Luce, oggi, 14 dicembre, il Distretto Urbano del Commercio ne annuncia l’ampliamento. Oltre alle numerose nuove adesioni in centro città, sbarca al Milan Bergamo Airport e in due paesi limitrofi. Quest’anno sempre più vie e commercianti hanno aderito a questa iniziativa, rendendo Bergamo la prima città italiana ad avere un coordinamento delle luci natalizie di tutta la città. Il Distretto Urbano del Commercio ha donato le luci anche all’ospedale Papa Giovanni XXIII, all’albergo popolare Opera Pia Bonomelli e alla Fondazione Santa Maria Ausiliatrice (ex Gleno), comunicando un segnale di vicinanza e supporto ai più bisognosi. Per creare un’atmosfera ancora più magica, il Duc Bergamo, in collaborazione con il nastrificio Bolis di Presezzo che ha fornito i materiali e la pasticceria Balzer che ha sponsorizzato il progetto, ha «impacchettato» quaranta blocchi antiterrorismo nel centro di Bergamo, trasformandoli in pacchi regalo. L’iniziativa ha generato un grande successo tra il pubblico: turisti e residenti si sono divertiti a scattare fotografie con i pacchi.

3 – Due locali e un negozio, nuova ondata di spaccate in città

La banda delle spaccate colpisce ancora, anche se non si sa se gli autori siano gli stessi o se siano casi di emulazione. Si usano sassi, e sono stati colpiti due bar, in via Camozzi e alla stazione, oltre al noto negozio di abbigliamento Tiffany, in viale Papa Giovanni, che tra l’altro era aperto.

4 – Il lago di Endine sta ghiacciando. Un regalo portato da Santa Lucia

Succede tutti gli anni, o quasi, ma è sempre una festa. Soprattutto se tale avvenimento coincide con la mattina di Santa Lucia. Ieri il lago di Endine ha cominciato a ghiacciare: lo segnala su Facebook Francesco Meli di Monasterolo del Castello, e la segnalazione è stata ripresa da Bergamonews. Quando lo spessore del giaccio sarà di un certo rilievo, qualcuno ci pattinerà sopra come sempre, nonostante sia rigorosamente proibito. Meglio evitare.

5 – Spaccata a Pontirolo, via abiti per decine di migliaia di euro

Spaccata a Pontirolo. Questa notte una banda di malviventi a bordo di un pick up ha strappato la serranda del negozio «Idea più» e sfondato la vetrina a colpi di mazza. Rubati abiti di marca del valore di decine di migliaia di euro.

6 – Mondiali del cubo di Rubik nel fine settimana all’istituto Imiberg

Sabato e domenica, alla scuola Imiberg di Bergamo, si svolgono i campionati italiani di speedcubing, disciplina che consiste nel risolvere il cubo di Rubik nel minor tempo possibile. Più di 120 partecipanti da 13 Paesi, il più giovane ha 8 anni. La sfida è aperta a tutti, per iscrizioni e regolamento è possibile consultare il sito ufficiale della competizione.

7 – Cgil Bergamo: Ryanair ancora una volta disprezza il sindacato

Chi sciopera subirà sanzioni: è questo  il senso della lettera inviata ai piloti italiani di Ryanair con l’invito ad astenersi dallo sciopero previsto per venerdì 15 dicembre. «Non è uno sciopero proclamato da noi, ma ancora una volta ci teniamo a sottolineare il disprezzo che questa compagnia riserva al mondo sindacale»: così Marco Sala, segretario generale della Filt-Cgil di Bergamo, interviene sulla notizia dell’avvertimento che la compagnia irlandese ha indirizzato ai propri lavoratori. «Qui a Bergamo stiamo attendendo dal Tribunale del lavoro, la sentenza in merito al ricorso che noi della Filt-Cgil abbiamo presentato  il 13 ottobre scorso contro Ryanair», prosegue Sala. «Sappiamo che non ci vorrà molto, forse poche settimane». Ricordiamo che contro la low cost il sindacato ha presentato un ricorso è basato sulla disciplina italiana attuativa della normativa europea per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro. Lo scopo è quello di ottenere l’accertamento del comportamento discriminatorio di carattere collettivo operato dalla compagnia nei confronti dei dipendenti.

8 – Letterina di Santa Lucia da Ponte Nossa in Repubblica Ceca su un palloncino

Un viaggio di quasi mille chilometri dentro un palloncino, per atterrare in Repubblica Ceca. Bel tragitto per  la letterina che Sara Cimmarosa, una bambina di quattro anni di Ponte Nossa, ha fatto scrivere alla mamma Cristina Manzi per Santa Lucia. Dentro quel palloncino, nel giro di pochi giorni, si è saputo che la piccola Sara avrebbe desiderato « scuola pigia max, kit bracciali, sabbia, Ariel sirena. Spero riuscirai da accontentarmi. La sera troverai a casa mia una calda tazza di latte con i biscotti per te e l’asinello. Ciao da Sara». A Mutenice, il paesino dove è atterrato, il ricevente si subito attivato per ritrovare il mittente su Facebook. Ce l’ha fatta. E manderà i regali richiesti.

 

13 DICEMBRE

 

1 – Autobotte con 22mila litri di birra si ribalta in un campo a Romano

Un’autobotte piena di birra si è  ribaltata questa mattina a Romano, sulla rotonda della Rasica. Traffico in tilt e pompieri al lavoro. Alla guida un uomo di 62 anni. Si tratta di un autista sardo. È risultato (nonostante il carico che trasportava…) perfettamente sobrio. Il mezzo stava trasportando circa 22mila litri di birra dalla Sardegna allo stabilimento della Heineken di Comun Nuovo.  Era appena uscito e stava imboccando via Patrioti romanesi, quando per cause ancora da accertare è finito sulla rotonda e si è piegato su un fianco. Sul posto i soccorritori della Croce Rossa di Romano e i carabinieri. Nessuna ferita per l’uomo che non è stato trasportato in ospedale. Pesanti disagi alla circolazione delle auto.

2 – Carabinieri in alta uniforme in Città Alta, sul Sentierone, a Treviglio

Nel periodo natalizio, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bergamo svolgono dei servizi in alta uniforme nei centri storici cittadini, in particolare in Città Alta, sul Sentierone e a Treviglio. L’iniziativa dell’Arma, mirata a rafforzare ancor più il rapporto di vicinanza con la popolazione in un periodo particolare dell’anno, attraverso il contatto diretto con i militari che indossano un’uniforme che rappresenta da sempre un elemento identificativo dell’Italia, costituisce da sempre un forte richiamo per la curiosità dei bambini, dei residenti e dei turisti.

3 –  Cannabis light, tracciata e legale in vendita in città

Domani apre a Bergamo, via Borgo Palazzo 90, Bloom Heart, negozio che distribuisce e vende al dettaglio Cannabis Svizzera Legale di alta qualità, per tutti gli usi consentiti dalla legge. I prodotti sono coltivati con metodi naturali, senza semi, da coltivazione biologica certificata e confezionati in barattoli sigillati accompagnati dalle analisi di laboratorio. Non ci sono differenze alla vista, fra le infiorescenze con Thc fuori legge, perché i fiori hanno un profumo intenso e l’aroma tipico pur con Thc sotto la soglia dello 0,2%, quindi completamente legale. I prodotti, utilizzabili come profumatori d’ambiente e per scopi ornamentali ed usi tecnici, non sono medicinali, da combustione o alimentari.

4 – Percorsi pedonali in sicurezza In via San Colombano e via dei Bersaglieri 

Continua l’impegno dell’Amministrazione per la messa in sicurezza di percorsi pedonali davanti a edifici di rilevanza pubblica: nel 2018 Palazzo Frizzoni interverrà per mettere in sicurezza altri cinque zone della città, lavori che si aggiungono ai numerosi interventi effettuati nel 2017 e che hanno coinvolto spazi antistanti a scuole e edifici di interesse pubblico. I lavori dureranno complessivamente 120 giorni, per un investimento complessivo di 300mila euro. Il progetto mira a garantire una maggiore sicurezza della fascia di utenti della strada più debole, soprattutto ai pedoni, in punti critici della città sia dal punto di vista viabilistico (intersezioni pericolose, strade molto trafficate, etc.) sia per l’elevata concentrazione di persone (scuole, supermercati, fermate bus, parchi pubblici etc.). Tre sono le principali tipologie di intervento: miglioramento dell’accessibilità, miglioramento della percepibilità degli attraversamenti pedonali e riduzione della velocità delle automobili. In questo ambito, grandissimo valore acquista l’intervento in via San Colombano, davanti alla chiesa del quartiere. Da decenni i residenti del quartiere chiedono un intervento di riordino della strada, in modo da proteggere i frequentatori dell’oratorio, della chiesa e delle attività commerciali che si affacciano sul piazzale. I lavori che si svolgeranno nell’estate 2018 prevedono soluzioni come la riduzione dei raggi di curvatura e la riduzione delle misure della carreggiata stradale in modo da limitare la velocità dei mezzi in transito. Non solo: sarà inoltre realizzata una piattaforma rialzata in corrispondenza del piazzale antistante la chiesa. Ma anche altri interventi molto significativi sono previsti in città nell’ambito del progetto approvato nei giorni scorsi dalla Giunta del Comune di Bergamo. Prendiamo ad esempio via dei Bersaglieri, la strada che collega la rotonda di via delle Valli a Gorle: da sempre la via è impraticabile per i pedoni sul lato destro in uscita dalla città, tanto che i residenti del civico 28 non possono nemmeno raggiungere la fermata Atb della via. Grazie all’intervento del Comune di Bergamo sarà finalmente realizzato un marciapiede proprio a partire dal civico 28 verso il confine comunale di Gorle, con la realizzazione di un attraversamento pedonale semaforizzato proprio all’altezza della fermata Atb, non lontano del civico 12 della via. L’Amministrazione risponde così a un’altra delle richieste storiche degli abitanti dell’area. Lavori in corso anche in via Corridoni: l’anno prossimo scatterà l’intervento di ridisegno delle intersezioni stradali con le vie Pellico e Negrisoli con l’inserimento di isole spartitraffico a protezione degli attraversamenti pedonali e la realizzazione di un tratto di marciapiede in via Negrisoli. Anche via Crocefisso è destinata a vedere migliorata e incrementata la sicurezza pedonale: il progetto dei Lavori Pubblici del Comune di Bergamo prevede la realizzazione di due piattaforme rialzate, una a nord dell’intersezione con la via Rosolino Pilo e una a circa 100 metri a valle dell’intersezione con la via Rosolino Pilo, in corrispondenza del parcheggio al civico 39. Accanto a questi interventi, vi è anche la realizzazione di un impianto semaforico a chiamata per l’attraversamento pedonale in via Mazzini. Il semaforo sarà posto in corrispondenza della Clinica Castelli, una zona con forte presenza di pedoni.

5 – Bergamo fa meglio di Milano e Roma.  È l’aeroporto più in orario nelle feste

Con l’avvicinarsi del lungo periodo di ponti e feste che va da dicembre a gennaio, aumentano anche le prenotazioni di voli:  gli italiani in partenza saranno ben 15,2 milioni e buona parte di questi lo farà attraverso gli aerei. Ma cosa devono aspettarsi i viaggiatori quest’anno? AirHelp, società che ha aiutato oltre 5 milioni di passeggeri a ottenere un rimborso per i loro voli in ritardo o cancellati, ha stilato una classifica con le previsioni sui 10 peggiori aeroporti della Penisola per quantità di ritardi. Secondo le previsioni, gli aeroporti migliori saranno quelli di Napoli e di Bergamo con percentuali di ritardi rispettivamente del 16,9% e del 16,5% e rimborsi stimati di 265.000 e 815.000 euro.

6 –  Fontana: «Aperture di Natale, la politica batta un colpo»

«La stretta sulle aperture indiscriminate nei giorni delle festività più importanti come Natale e 26 Dicembre sarebbe un segnale importante di attenzione della politica non solo per l’affermazione di valori importanti come la famiglia, ma anche per restituire un minimo di disciplina al settore commerciale, che con la deregulation introdotta da Monti ha mortificato la capacità di competere di migliaia di piccole attività imprenditoriali». Lo sostiene Elena Fontana, presidente di Confesercenti Bergamo. «In questo scampolo di fine legislatura – continua Fontana – le forze politiche possono dare al settore delle risposte che anche la nostra organizzazione sta chiedendo da tempo». Confesercenti nel 2013 depositò una proposta di legge di iniziativa popolare per passare «dalla deregulation totale ad un minimo di regolamentazione, ragionevole e assolutamente compatibile con i principi e le prassi prevalenti in Europa in materia di libertà di concorrenza, a tutela del diritto di riposo dei lavoratori. In particolare sono state raccolte nel 2013 150mila firme in tutta Italia di cui oltre 5mila in Provincia di Bergamo, grazie anche all’appoggio dei sindacati dei lavoratori e di numerose parrocchie, con l’obiettivo di restituire alle Regioni le competenze in materia di aperture e chiusure dei negozi». Quell’iniziativa, così come altre proposte di legge in materia, giace in Parlamento da anni ben lungi dall’essere approvata.

 

7 – Ancora un’operazione antidroga dei Carabinieri a Zingonia: sequestrate dosi di cocaina e sostanza da taglio

Ieri pomeriggio i Carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato in flagranza di reato due marocchini, rispettivamente di 21 e 34 anni, clandestini sul territorio nazionale, per concorso di persone detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’ennesima operazione antidroga condotta nello specifico dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, a distanza di pochissimi giorni dalle precedenti, è scattata, ancora una volta, a seguito di un controllo mirato su strada effettuato sotto le «torri» di Zingonia, a Ciserano. È stato proprio in via Monaco, sotto i noti «condomini dello spaccio»”, più volte perquisiti e setacciati dai militari dell’Arma nei mesi scorsi, che gli investigatori sono intervenuti dopo aver assistito ad un’altra attività di spaccio consumatasi in pieno giorno. Nello specifico, sono stati notati diversi acquirenti, tutti italiani e della provincia di Bergamo, cercare di contattare i due spacciatori di cocaina, quest’ultimi successivamente fermati dai Carabinieri a Calusco d’Adda (e trovati in possesso di 9 dosi, di sostanza da taglio, nonché materiale vario per il confezionamento della droga). Rinvenuti e sequestrati anche il denaro contante (suddiviso in banconote di vario taglio) costituente provento dell’attività.

8 – Il Premio Questi a Bergamo per il secondo anno consecutivo

Continua l’intesa tra Comune di Bergamo e l’Associazione Giulio Questi: anche nel 2018, e dunque per il secondo anno consecutivo, il premio sarà ospitato nella nostra città, che fu anche quella di nascita del cineasta. Con il premio il Comune di Bergamo e l’Associazione Premio Giulio Questi vogliono ricordare il cineasta italiano scomparso tre anni fa con un concorso per sostenere e promuovere le opere di giovani autori, mettendo in palio un premio da 2000 euro. Il Premio Questi è dedicato a una delle figure più eccentriche del cinema italiano, nato a Bergamo nel 1924 e scomparso nel 2014, autore tra gli altri di Se sei vivo spara e di La morte ha fatto l’uovo. La prima edizione del Premio, che si è svolta a Roma nel 2016 presso la Casa del Cinema, ha raccolto centinaia di cortometraggi da ogni parte del mondo riscuotendo notevole successo. I partecipanti dovranno iscriversi entro e non oltre il 27 aprile 2018 esclusivamente attraverso la piattaforma FilmFreeway. Per maggiori informazioni e il bando completo è possibile consultare il sito www.premioquesti.it.

 

12 DICEMBRE

 

1 – Santa Lucia porterà tanti libri. In diminuzione invece i giocattoli

Vendite in chiaroscuro per i regali di Santa Lucia. Per i libri, dono evergreen, si registra un aumento degli acquisti del 10%, per i giocattoli invece il dato rispetto al 2016 è negativo: – 5%  circa in media, con picchi che in alcuni casi arrivano a -30%. Stabile invece il comparto dolci le cui vendite sono in linea con lo scorso anno. La tendenza ha visto quest’anno una caccia ai regali al photofinish con gli acquisti concentrati nelle ultime ore. E in generale la ricorrenza di Santa Lucia appare meno sentita rispetto agli anni scorsi con molte famiglie che hanno spostato il più dei regali a Natale. Più felice il trend per i librai. «Piacciono sempre i racconti di Geronimo Stilton e del Diario di una schiappa, diventati negli anni dei cult per i ragazzini, ma anche i classici vanno bene e nel mondo degli albi illustrati le famiglie si sono potute sbizzarrire tra tantissime proposte anche per i più piccoli», dice Cristian Botti, presidente del Gruppo Librai e Cartolibrai Ascom. Tra i titoli scelti, sono in crescita i fantasy e i libri gioco che permettono di stimolare la fantasia e la creatività. Per quanto riguarda i giocattoli «Le famiglie hanno aspettato gli ultimi giorni, ma le vendite sono comunque calate – dice Pierluigi Cervati della Città del mattoncino di via Pignolo a Bergamo. I Lego rimangono un regalo molto apprezzato, in particolare quelli dei supereroi del momento Hulk, Wonder Woman, Batman, Superman, Iron Man e sui set di Star Wars, un acquisto quest’ultimo ‘spinto’ dall’uscita del nuovo film di Guerre Stellari proprio il 13 dicembre e del kolossal Marvel Avengers – Infinity War che sarà al cinema ad aprile 2018». Oltre ai libri molti bambini al loro risveglio il 13 dicembre troveranno, i prodotti della PlayMobil (dalla nuova serie Ghostbusters ai più classici set del mondo medievale o quelli dedicati alle forze dell’ordine e ai pompieri), i classici giochi in scatola, pupazzi e bambole per le bambine e automobiline, troll, orchi giganti e draghi per i maschi. Per tutti, la tendenza è quella di scegliere regali ispirati ai cartoni animati. Un trend che si ritrova anche nella scelte dei classici dolci di Santa Lucia: «Le vendite sono in linea con lo scorso anno – dice Marino Lazzarini del Gruppo Grossisti Alimentari Ascom – ma i tradizionali alberelli e palline di cioccolato da appendere all’albero sono stati sostituti da caramelle, ovetti e monete di cioccolato legati ai cartoni animati più amati, Pigiamini, Ladybug, My little pony e i supereroi di Avengers».

2 – Bodybuilding, Alessandro Manfredi terzo ai mondiali

Body building, il trevigliese Alessandro Manfredi ha conquistato la medaglia di bronzo ai campionati mondiali Wnbfi (World Natural Bodybuilding Federation), una competizione a cui partecipa solo chi ha muscoli totalmente naturali. Quarantotto anni e non sentirli per niente.

3 – Uccise il ladro in casa, calvario finito per Sicignano

Uccise il ladro in casa, calvario finito per Francesco Sicignano. Il pensionato 67enne di Vaprio d’Adda può finalmente tirare un sospiro di sollievo. La vicenda risale a due anni fa quando sorprese e uccise un ladro che era entrato in casa sua. Il giudice, dopo che il pm aveva chiesto di archiviare il caso, aveva infatti accolto la richiesta del legale dei famigliari della vittima. L’udienza preliminare era stata programmata per  venerdì 24 novembre in Tribunale a Milano, ma il Gup si era preso del tempo per decidere. Ieri, 11 dicembre, la sospirata lettera a casa, che comunica la conclusione dell’archiviazione del procedimento.

4 – Ampliato parcheggio dell’ospedale. Maroni: «Gratis? Ipotesi allo studio»

«Questo ospedale è un’eccellenza a livello nazionale e non solo. È un punto di riferimento per la Sanità con la S maiuscola. E quindi merita anche un’attenzione speciale da parte nostra. Bene dunque l’ampliamento dei parcheggi». Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, questa mattina, alla presentazione del nuovo parcheggio da 500 posti auto per i dipendenti dell’ospedale Papa Giovanni XXIII, alla quale hanno partecipato, insieme all’assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Alessandro Sorte, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori e il presidente della Provincia Matteo Rossi. Un taglio del nastro seguito a quello della nuova fermata ferroviaria dell’ospedale.  La gestione del parcheggio avverrà sulla base di un vecchio accordo fra ospedale e Provincia. Questo, ha osservato il governatore, «va rispettato, ma avrà una durata di 12/18 mesi». Poi, ha osservato rispondendo a una sollecitazione del presidente della Provincia, «possiamo ragionare insieme. Chi viene a parcheggiare qui – ha osservato – non lo fa per andare a divertirsi, come farebbe allo stadio o al cinema. Lo fa per venire a trovare chi soffre, per curarsi o per lavorare. Mi pare giusto, quindi, studiare le modalità per poter arrivare anche alla gratuità».  Il presidente lombardo, ha anche avanzato un’ipotesi operativa per raggiungere questo obiettivo. Come Regione, ha osservato, «abbiamo maggiori margini nell’acquisire patrimonio, mentre abbiamo più difficoltà a erogare contributi, perché rientrano fra le spese correnti. Quindi, le risorse che potremmo trovare per un investimento che aumenta il patrimonio della Regione attraverso l’ospedale, potrebbero, uso il condizionale, portare anche a questa soluzione. Studieremo e lavoreremo – ha assicurato – per vedere come arrivare a questo risultato».

5 – Schianto mortale a Crema, la vittima è un 75enne di Treviglio

Schianto mortale a Crema, la vittima è un trevigliese di 75anni. È successo appena fuori la località Mosi,  poco dopo le 10 di questa mattina, in territorio di Cremosano. La causa dello schianto, dovuto a una sbandata, è probabilmente un malore. L’uomo era a bordo di una Nissan Micra, che ha perso il controllo travolgendo una Fiat Qubo con a bordo marito e moglie di 72 e 68  anni. Il guidatore della Qubo ha tentato inutilmente di scansare l’auto. Non è però riuscito ad evitare il frontale. L’identità del 75enne, che sarebbe di Treviglio, verrà resa nota soltanto dopo che le autorità avranno avvisato i parenti.

6 – Smottamento nella notte a Mezzoldo: papà salva la famiglia

Smottamento a Mezzoldo nella notte tra lunedì e martedì. Il padre si è svegliato ed è riuscito a mettere in salvo la famiglia. L’uomo ha svegliato la moglie e i due figli e li ha fatti subito uscire dall’abitazione, aprendo le finestre: nella casa era in corso una fuga di gas.

7 – Nel 2018 la riqualificazione e il riordino delle vie interne del quartiere Finardi

Il prossimo anno sono in arrivo la riqualificazione e il riordino delle strade interne del quartiere Finardi: il 2018 sarà infatti l’anno in cui saranno ridefinite Via Vezza d’Oglio, via Volturno, via Bezzecca, via Lesbia Cidonia, via Milazzo, via Castellini, via Medici. Non si può parlare di una vera e propria zona30, ma di un riordino complessivo della zona, anche l’istituzione di nuovi sensi unici e l’allargamento dei marciapiede. La Giunta del Comune di Bergamo ha approvato nell’ultima seduta il progetto esecutivo dell’intervento. Il piano provvederà anche a creare scivoli e rampe in concomitanza degli attraversamenti pedonali, all’abbattimento delle barriere architettoniche, alla sistemazione della pavimentazione delle carreggiate, alla realizzazione di percorsi tattili per ipovedenti e non vedenti, al rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale, all’adeguamento della rete di smaltimento delle acque meteoriche anche grazie alla realizzazione di nuove caditoie stradali. È quindi di un lavoro di riqualificazione completa delle strade del quartiere, una delle zone residenziali della parte nord-est della città, compresa tra lo Stadio, Borgo Santa Caterina e l’area dismessa Reggiani. Si tratta di una zona che negli anni è stata protetta dal traffico parassitario e dal divenire strada di raccordo tra le direttrici di via Corridoni e viale Giulio Cesare. Sin dagli anni ’50 l’incrocio tra la via Milazzo e la via Vezza d’Oglio erano ubicati dei paracarri in pietra con catena proprio al fine di impedire un collegamento diretto dalla via Corridoni alla via Giulio Cesare. Con il tempo i paracarri sono stati sostituiti da 3 transenne, e di recente sono stati collocati dei pilomat in corrispondenza degli accessi al quartiere che, in occasioni delle partite che si svolgono nel vicino stadio, si sollevano così da garantire una maggiore sicurezza dei residenti e una gestione più controllata del traffico veicolare.

8 – Comunica un lavoro fittizio per beneficiare dell’affidamento in prova al servizio sociale

Ieri i Carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato su ordine di esecuzione un marocchino 25enne, con alle spalle già diversi precedenti penali per reati vari (in materia di droga e contro il patrimonio), dopo che l’Ufficio di Sorveglianza di Brescia gli ha revocato l’affidamento in prova al servizio sociale a cui era stato precedentemente ammesso. Lo straniero, per poter difatti usufruire della misura alternativa alla detenzione in questione, aveva dichiarato di lavorare come operaio presso un’impresa della bergamasca. Peccato però che si trattava di un impiego fittizio e quindi non reale. Fatta la relativa segnalazione alla Magistratura di Sorveglianza, è stata quindi ripristinata la detenzione in carcere.

 

11 DICEMBRE

 

1 – La fermata ferroviaria dell’ospedale entrerà in funzione domani mattina

Da domani entrerà in funzione la nuova fermata ferroviaria dell’ospedale Papa Giovanni XXIII a Bergamo. Al taglio del nastro saranno presenti il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni e l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti Alessandro Sorte. Si tratta della nuova sosta del treno Milano-Bergamo via Carnate che servirà l’ospedale del capoluogo orobico. «Fino al 2015 – aveva detto l’assessore Sorte in occasione dell’avvio del cantiere – sembrava un’idea folle. La Regione, invece, ci ha creduto anche grazie al contributo delle istituzioni locali oggi siamo qui a mettere la prima pietra».

2 – Pedone investito da un’auto pirata in serata a Treviglio

Pedone investito da un’auto pirata a Treviglio. L’incidente è avvenuto intorno alle 17.45. È successo tutto in pochi minuti. A restare ferito nello scontro è un 45enne, G.C.G, che stava attraversando la strada sulle strisce pedonali in compagnia della moglie. Dai portici di viale Oriano, infatti, la coppia voleva raggiungere via Locatelli, ma mentre si trovavano sulle strisce sono stati colpiti da una Ford Fiesta che dopo l’impatto è ripartita senza fermarsi a prestare soccorso. La donna, fortunatamente, non ha riportato ferite. Sorte peggiore per il marito che è stato soccorso dai paramedici della Croce rossa di Treviglio giunta sul posto in codice rosso. In pochi minuti è stato stabilizzato e trasportato in ospedale a Treviglio sempre in codice rosso. I vigili stanno raccogliendo anche la testimonianza oculare anche di alcuni passanti che hanno potuto assistere alla scena. Il conducente (che è già stato identificato) della Ford Fiesta, infatti, dopo aver colpito la coppia è ripartito senza prestare soccorso.

3 – Luce nei punti bui della città, mezzo milione di euro

L’illuminazione pubblica arriva in quattordici nuovi punti della città, luoghi in cui è attualmente assente o giudicata insufficiente: l’Amministrazione comunale di Bergamo ha approvato il progetto di implementazione della luce pubblica per il 2018, mezzo milione di euro che proseguono di fatto il lavoro iniziato negli ultimi due anni con interventi simili. L’Amministrazione comunale continua a puntare fortemente su questo piano di accrescimento dell’illuminazione in città: cresce infatti l’investimento da parte del Comune, nel 2018 a 500mila euro, dopo i 300mila del degli anni 2016 e 2017. «Negli ultimi tre anni – spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici Marco Brembilla – abbiamo investito più di un milione di euro per un’operazione che, a mio avviso, vale quanto una grande opera. È un segno inequivocabile di attenzione verso la città e i suoi quartieri, un piano che per molti anni è stato necessario attuare, ma che è sempre stato lasciato in secondo piano. Non solo miglioriamo le condizioni di vivibilità di spazi verdi e luoghi pubblici, ma migliora anche la percezione di sicurezza delle aree in cui andiamo a intervenire». La luce sarà portata nel corso del 2018 nell’area verde di via Acquaderni, nell’area verde di via Rampinelli, in quella di via G. Da Verrazzano, in piazza Pacati, in vicolo S. Tomaso, nel parco Turani di Redona, nell’area verde via Caprera, in via del Carroccio, in via Grazia Deledda, nel parco di via Codussi, nell’area verde di via Sardegna, nel parco di via Spino, in vicolo Fontanbrolo e via Calvetti.

4 – Ryanair, niente volo da Francoforte. Duecento i passeggeri bloccati

Il maltempo imperversa in tutta Europa e Ryanair si ritrova costretta a cancellare il volo Francoforte-Bergamo. Doveva partire ieri alle 18.30. Duecento i passeggeri bloccati in Germania, che ora non sanno quando riusciranno a tornare. Il volo di oggi, infatti, è già al completo. Poche o nulle, lamentano alcuni utenti, le comunicazioni della compagnia.

5 – La neve fa bene agli impianti. In sedicimila tra Valtorta e Pora

Buona partenza per le piste da sci bergamasche, vista la neve caduta nel ponte dell’Immacolata, anche se non copiosa come previsto. In testa Valtorta-Piani di Bobbio che da giovedì a domenica ha fatto registrare complessivamente quasi diecimila primi ingressi (sabato sugli scudi con ben 5mila), con dieci piste e sette impianti aperti. C’era una sola pista aperta, quella della Quarta Baita, invece a Foppolo e Carona: si recupererà nel prossimo weekend. In Val Seriana, partenza positiva per il Monte Pora, di Castione, con circa 6mila primi ingressi nel ponte.

6 – Villa Manzoni a Cologno: da ristorante di lusso (forse) a biblioteca

La proposta di un colognese: comprare l’ex ristorante di lusso di Villa Manzoni, finito all’asta,  e farci una biblioteca. Così da risolvere il problema degli spazi ed evitare il drammatico sfratto dei pensionati dal parco della Rocca. A proporre all’Amministrazione comunale guidata da Chiara Drago questa (innovativa, ma anche azzardata) soluzione è il colognese Massimo Nozari, che ha scritto una dettagliata lettera a riguardo non lesinando critiche riguardo alla decisione della Giunta Drago di spostare gli anziani dal Parco della Rocca. «La biblioteca ha bisogno di spazi adeguati che non troverebbe all’interno del Parco della Rocca. Sarebbe invece ottimo come luogo il cortile della ex-Raffaini oppure, meglio, la villa Manzoni, edificio storico all’asta per fallimento di un gruppo edile locale». Il cui valore battuto nell’ultimo incanto, quest’estate, era di 350mila euro contro un valore iniziale di 1,5 milioni euro. Il susseguirsi di aste senza offerte ha portato a un ribasso incredibile. «Con la vendita dell’edificio ex-Bcc il Comune potrebbe partecipare all’asta e aggiudicarsi un importante edificio storico al centro del paese  che potrebbe adeguarsi molto bene come biblioteca, abbattendo i muri interni creando ampi saloni».

7 – La staffetta di corsa di We Run permette di donare 8mila euro

Tappe da 10 chilometri per 24 ore. Tutte di corsa. Una bella staffetta di solidarietà, We run for Christmas, organizzata dal gruppo We Run. Donati 8mila euro per aiutare gli orfani della Ciudad de los niños in Bolivia. Oltre 600 i podisti che hanno risposto all’appello e hanno percorso l’intera provincia a suon di scarpette.

8 – La petizione per estendere la Mobike all’hinterland a 500 firme

«Facciamo sentire che a Bergamo c’è tanta voglia di una mobilità ecologica! E che è ora di smettere di costruire parcheggi per le automobili in centro città. Si pensi piuttosto a sviluppare piste ciclabili e percorsi sicuri per le due ruote». Così i promotori della petizione online su Change.org per estendere il bike sharing a flusso libero di mobike ai paesi dell’hinterland salutano il raggiungimento delle 500 firme.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia