Le foto dei tanti sorrisi

A un passo dal sogno, nel futuro

A un passo dal sogno, nel futuro
10 Maggio 2017 ore 06:00

Una giornata incredibile. L’ennesima, certamente non l’ultima visti gli impegni che sono dietro l’angolo, ma quando il campionato è ormai agli sgoccioli anche la domenica di Udinese-Atalanta passerà agli annali come una mitragliata di emozioni targate Atalanta. Per oltre 1.300 atalantini al seguito della Dea e per tutti quelli che nelle vene hanno sangue più che nobile, tutto neroblù.

8 foto Sfoglia la gallery

L’attesa: bus stracolmi e autostrada intasata. Nella settimana che ha portato alla sfida di Udine, nonostante tutti avessero già negli occhi e nei pensieri la partita di sabato sera contro il Milan l’attesa è cresciuta pian piano. Le prenotazioni per i bus sono continuate inesorabili ma i posti disponibili erano già esauriti da giorni. Una dozzina di mezzi tra Club Amici e Chei de la Coriera, tante macchine al seguito e una conta dei posti liberi allo stadio che è stata monitorata quasi in tempo reale sul sito di Listicket: alle 23.30 di sabato sera, l’amico Andrea segnalava su Facebook che mancavano circa sessanta tagliandi; poi 52; poi 40. E via di questo passo, con l’attesa a scandire il conto alla rovescia. Carichi di panini e di tantissima voglia di vedere l’impresa, i più mattinieri si sono avvicinati alla partenza dei bus già alle 4 del mattino, mentre l’ultimo s’è messo in viaggio intorno alle 6.40. Lungo i 340 km di autostrada che dividono Bergamo da Udine, senza traffico a creare problemi, il tempo è cambiato parecchie volte (cielo coperto, pioggia, sole) ma il pensiero fisso di tutti era soltanto uno: andare in Europa.

 

4 foto Sfoglia la gallery

Lo spettacolo della Dacia Arena. Una volta arrivati a destinazione, ecco lo spettacolo della Dacia Arena. Lo stadio dell’Udinese è veramente bellissimo, comodo da raggiungere e zeppo di parcheggi. Per i tifosi ospiti giunti da Bergamo è stato quasi un segnale poter entrare in questo impianto a pochi giorni dalla chiusura del bando e con l’Europa a portata di mano: praticamente, un passo dentro al futuro. Fuori dall’impianto, i giubbetti camouflage nerazzurri erano ovunque e anche nella zona della tribuna centrale (imponente e affascinante) l’accento e il dialetto bergamasco non era poi così raro. I giornalisti bergamaschi al seguito erano pochi, ma a L’Eco di Bergamo, BergamoPost e Bergamo&Sport si è aggiunto Bergamonews e lo spettacolo della Dacia Arena visibile a tutti è stato completato da quello che è al suo interno lo stadio friulano. Spazi accoglienti, servizi impeccabili e un contesto lavorativo di primissimo ordine sia per il prepartita che per le interviste del dopo gara. Un autentico gioiello da imitare e prendere a esempio proprio ora che anche Bergamo è vicinissima alla svolta del Comunale.

20 foto Sfoglia la gallery

I 90′ minuti in verde fluo: un punto d’oro. Fin dal riscaldamento, il settore ospiti ha caricato la squadra nel migliore dei modi e nonostante un’Atalanta quasi irriconoscibile in tenuta verde fluo (impossibile fare altrimenti, le maglie delle due squadre, soprattutto sulla schiena, si confondevano e all’andata gli ospiti dovettero giocare con dello scotch bianco applicato a mano) il sostegno per Gomez e compagni è stato importante. La squadra ha iniziato con il piglio giusto e dopo un paio di mezzi pericoli salvati da Berisha, la doppia grande occasione costruita da Gomez e Petagna ha scaldato gli animi prima del gol di Cristante. La zuccata del padrone di casa (San Vito al Tagliamento, suo paese natale, è a soli 40 km) ha portato meritatamente in vantaggio l’Atalanta e grazie a Cristante tutti i tifosi nerazzurri hanno potuto vivere una ventina di minuti con i piedi in Europa e l’adrenalina a mille. Dopo il riposo, la rete di Perica e la quasi totale assenza di alternative per Gasperini ha fatto pian piano accettare il pareggio come un risultato decisamente prezioso e accompagnati dal sole è iniziato il rientro a Bergamo del popolo nerazzurro in trasferta.

 

 

Sky Go, radio e Livescore: gufate reali. Sulla strada del ritorno, tutti hanno seguito le partite di Inter e Fiorentina. Chi con Sky Go sul bus della squadra, chi con il cellulare e la radio in streaming sui bus dei tifosi e chi solo con Livescore (applicazione per seguire i risultati dallo smartphone): nessuno ha mancato di tenere un occhio e un orecchio tesi per capire quanto pesasse il punto conquistato a Udine. Pare che le gufate non siano certo mancate e intorno alle 17 i risultati hanno regalato il sorriso più grande di un popolo intero che ormai è arrivato alla cassa per riscuotere il sogno. Perché la gioia fosse totale e incontenibile mancava solo una bella vittoria della Roma e in serata anche l’ultimo atto della giornata quasi perfetta si è compiuto: 4-1 per i giallorossi e tutti a nanna. Il tecnico Gasperini, per non lasciare nulla al caso e per studiare gli avversari da vicino, questa volta ha gufato gli avversari direttamente dallo stadio e ha lasciato il Meazza sul 3-1 per la Roma. Tutto si è incastrato nel modo giusto e adesso bisogna solo aspettare. Non è facile, ma non abbiamo alternative: fidatevi, il tempo passa e manca sempre meno a sabato. Preparatevi tutti, sarà la notte più importante degli ultimi 27 anni.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia