Grande esordio

Un’Atalanta devastante: dominio e 4-0 (e due pali) sul campo del modesto Midtjylland

Grande prestazione dei nerazzurri che vincono ad Herning con pieno merito e si piazzano in testa al girone con il Liverpool (1-0 all'Ajax)

Un’Atalanta devastante: dominio e 4-0 (e due pali) sul campo del modesto Midtjylland
21 Ottobre 2020 ore 23:07

di Fabio Gennari

Dodici occasioni da rete, quattro gol, due pali e una prestazione di grande personalità che spazza via i brutti pensieri di Napoli e lancia la Dea in vetta (con il Liverpool) al girone D di Champions League. L’Atalanta vince nettamente ad Herning contro il modesto Midtjylland per 4-0, alla ribalta salgono tutti gli attaccanti scesi in campo (c’è la loro firma su tutte le marcature e pure sui pali) per una serata che conferma come la Dea sia una vera macchina da gol: in quattro gare ufficiali su cinque di quest’avvio di stagione, la formazione di Gasperini ha segnato almeno quattro gol.

Il ballottaggio tra Romero e Palomino premia il nuovo arrivato ex Genoa; in attacco Gomez è a supporto di Muriel e Zapata, con Ilicic che siede inizialmente in panchina assieme a Lammers e Miranchuk, oltre al tuttofare Pasalic. Nel Midtjylland confermato il 4-2-3-1, l’unica variante è Mabil al posto di Evander con Sisto sulla verticale del centravanti Kaba.

9 foto Sfoglia la gallery

La gara inizia sotto una pioggia battente, la spinta dei padroni di casa sulle ali dell’entusiasmo per l’esordio in Champions League si esaurisce in un paio di sgommate ben controllate dalla retroguardia nerazzurra, ma appena Gomez e compagni alzano i giri del motore per i padroni di casa è notte fonda. Zapata al 16’ colpisce il palo da ottima posizione; poco dopo il colombiano sblocca il risultato (26’) su torre di Romero e prima del riposo il punteggio diventa netto grazie a Gomez (36’, stoccata meravigliosa sotto la traversa) e Muriel (42’ tap-in dopo errore del portiere danese su tiro di Zapata). Il Midtjylland si vede solo al 34’ con Dreyer che costringe Sportiello alla bella parata in tuffo. Prima del riposo Freuler si mangia incredibilmente il 4-0, ma al riposo il risultato è già quasi in ghiaccio.

Nella ripresa i nerazzurri continuano a controllare il gioco, i padroni di casa cercano di impensierire un paio di volte Sportiello (49’ Dreyer e 81’ Evander) ma il festival del gol orobico viene impreziosito nel finale da una conclusione meravigliosa di Miranchuk (88’), subentrato solo otto minuti prima e che su assist di Ilicic manda il pallone all’incrocio dei pali praticamente da fermo. Pasalic (due volte) e Ilicic (75’, palla sul sette con deviazione del portiere) vanno molto vicini alla marcatura. Al fischio finale per la Dea ci sono soltanto tante buone notizie e grazie alla vittoria del Liverpool in casa dell’Ajax la prossima sfida in programma a Bergamo contro i lancieri olandesi assume già i contorni del colpo del ko per gli avversari di Gomez e compagni. Il percorso è appena iniziato ma le premesse sono davvero da applausi.

Midtjylland-Atalanta 0-4
Reti: 26’ Zapata (A), 36’ Gomez (A), 42’ Muriel (A), 88’ Miranchuk (A)

Midtjylland (4-2-3-1): Hansen; Andersson, Sviatchenko, Scholz, Paulinho; Onyeka (86’ Kraev), Cajuste (76’ Madsen); Dreyer, Sisto (86’ Anderson), Mabil (76’ Vibe); Kaba (60’ Evander). All. Priske

Atalanta (3-4-1-2): Sportiello; Toloi, Romero (86’ Palomino), Djimsiti; Hateboer, de Roon, Freuler (80’ Pessina), Gosens; Gomez (68’ Pasalic); Muriel (68’ Ilicic), Zapata (80’ Miranchuk). All. Gasperini

Arbitro: Artur Dias (Portogallo)

Ammoniti: 74’ Sisto (M), 84’ Romero (A)

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia