Menu
Cerca
Recensione fiamminga

Dall'Europa con sapore: Mais Spinato e Strachitunt finiranno in un libro olandese

Un viaggio in Italia per raccontare le tradizioni della nostra cucina: Annet Daems metterà in un volume le eccellenze dell'antico mais seriano e l'arte casearia brembana

Dall'Europa con sapore: Mais Spinato e Strachitunt finiranno in un libro olandese
Mangiar bene Val Seriana, 03 Giugno 2021 ore 09:15

di Giambattista Gherardi

Nel 1932 giunse in Bergamasca lo studioso svizzero Paul Scheuermeier, che già nel 1920 aveva intrapreso un viaggio per redigere l’Atlante linguistico ed etnografico dell’Italia e della Svizzera meridionale. Un lavoro, testuale e fotografico, oggi disponibile presso l’archivio del Seminario di Romanistica dell’Università di Berna.

Scheuermeier soggiornò in particolare a Gandino, affiancato dal disegnatore Paul Boesch. I due furono guidati a usi e costumi quotidiani da Quirino Picinali (1880-1962), detto Manòt, di professione falegname ma anche campanaro. Gli appunti, le foto e le illustrazioni allora prodotte restano un documento di eccezionale importanza per la storia contadina e popolare della nostra terra.

Il California di Annet Daems nel centro storico di Gandino

Novant’anni dopo, con tutte le proporzioni del caso (ma nemmeno troppe), è arrivata dal Belgio una nuova visitatrice Annet Daems. Ha fatto tappa a Gandino e Taleggio, per indagare le eccellenze del Mais Spinato e dello Strachitunt. Ovviamente, si avvale delle moderne tecnologie e in particolare del blog cibodistrada.be, disponibile online in lingua inglese.

«Sono profondamente innamorata - scrive - dei sapori italiani, del sole e delle vacanze. L'Italia per me è un Paese delle meraviglie pieno di ottimo cibo, ingredienti eccezionali e affascinanti tradizioni culinarie. Che posto incredibile! Ogni volta che mi metto in viaggio, mi assicuro sempre di dare un'occhiata alla scena gastronomica locale, per mostrare al pubblico piatti iconici, nonché prelibatezze regionali poco conosciute e sottovalutate. La mia missione è rendere questo delizioso cibo più conosciuto. Ho comprato un van California per attraversare le venti regioni d'Italia alla scoperta delle classiche prelibatezze di strada di ogni luogo».

La Spinata

A Gandino, Annet ha incontrato Emanuel Caleca del Caffè Centrale, vero e proprio “santuario” delle specialità a base di Mais Spinato, a cominciare dalla classica Spinata, senza dimenticare la birra Scarlatta, i frollini, le chiacchiere e il gelato. In Val Taleggio, la blogger belga ha invece visitato CasArrigoni, guidata dai fratelli Marco e Tina Arrigoni, definiti «i custodi della muffa». Qui maturano vari formaggi, di produzione locale, come il Taleggio DOP da latte crudo e lo Strachìtunt DOP.

Ad Anversa, in Belgio, Annet ha gestito per molti anni un'attività di ristorazione e prelibatezze italiane di successo, e ha poi deciso  di raccogliere e raccontare le proprie impressioni sulla nostra incredibile cultura del cibo. Ha lavorato anche alla "Vrije Universiteit Brussel" ed è stata insegnante e ricercatrice presso il college universitario Thomas More.

Taleggio e Strachitunt

«L'obiettivo - aggiunge Annet - è unire tutte le storie, le ricette e le curiosità in un libro; non è solo un altro libro di cucina italiana, ma un'esperienza di viaggio culinaria. Il volume verrà pubblicato in lingua olandese nel prossimo dicembre e rilanciato anche in lingua inglese nella primavera del 2022». Sul blog già è possibile consultare le recensioni (molto positive) di Annet a due distinti link (Mais Spinato e Strachitunt). E i complimenti, come l’appetito, arrivano mangiando.