è arrivato il fresco

Mezz'ora di tempesta sulle Valli e in città, poi spuntano doppi arcobaleni. Danni in piazzale Alpini e a Treviglio

L’afa e il caldo dell’anticiclone Lucifero sono stati spazzati via dal temporale che si è abbattuto questa sera (lunedì 16 agosto) sulla città e sulla provincia

Mezz'ora di tempesta sulle Valli e in città, poi spuntano doppi arcobaleni. Danni in piazzale Alpini e a Treviglio
Meteo Bergamo, 16 Agosto 2021 ore 19:44

Finalmente il fresco è arrivato a Bergamo: l’afa e il caldo dell’anticiclone Lucifero sono stati spazzati via dal temporale che si è abbattuto sulla città e sulla provincia. In Val di Scalve il nubifragio ha portato in dote anche una violenta grandinata, tanto che i chicchi di ghiaccio hanno imbiancato le strade dando la parvenza di essere neve.

La pioggia però ha lasciato ben presto spazio al sole e all’arcobaleno: i colori dell’iride sono stati fotografati nelle Valli bergamasche: da Moio de' Calvi a Valnegra, fino al centro sportivo Rio Re di Albino. Un doppio arcobaleno ha fatto bella mostra di sé anche nel capoluogo, risaltando su uno sfondo ancora nuvoloso e incorniciando i tetti di Bergamo.

12 foto Sfoglia la gallery

Il nubifragio e la tromba d'aria hanno però provocato anche danni a Bergamo, a Treviglio e in diverse località delle Valli bergamasche, come Schilpario dove la grandine ha rovinato automobili, serre, orti e lucernari. Nel capoluogo le raffiche hanno abbattuto parte della struttura metallica del festival organizzato in piazzale Alpini. Fortunatamente la conta dei danni è limitata, l'infrastruttura dovrebbe essere riparata in tempo per domani sera, e nessun passante è rimasto ferito. A Treviglio, invece, il vento ha danneggiato i tetti di alcuni edifici nelle vicinanze dell'oratorio della Geromina. Anche qui nessuna persona è rimasta ferita, sono al lavoro i vigili del fuoco per mettere in sicurezza gli edifici e rimuovere le macerie dalle strade.

3 foto Sfoglia la gallery

Nei prossimi giorni il flusso d’aria fredda, instabile e in arrivo dal Nord Europa sarà responsabile di altri temporali forti (e probabilmente anche di grandinate) e di un ulteriore ribasso delle temperature. Questa boccata di aria fresca però dovrebbe rivelarsi un fuoco di paglia: un nuovo anticiclone sub-tropicale si affaccerà nuovamente su gran parte dell’Italia già da venerdì prossimo, riportando le temperature intorno ai 35 gradi centigradi.