L’iniziativa

Gruppi rock di tutto il mondo uniti per aiutare la Bergamo ferita

Diciannove band della Wild Honey Records hanno donato altrettanti inediti per creare la raccolta digitale solidale “The Benefit of Things to Come”

Gruppi rock di tutto il mondo uniti per aiutare la Bergamo ferita
16 Aprile 2020 ore 08:30

Una raccolta digitale creata per supportare il nuovo ospedale da campo costruito dai volontari a Bergamo. Si intitola “The Benefit of Things to Come” e comprende 19 brani inediti di 19 band della Wild Honey Records di un certo Franz Barcella (e non solo), anima della programmazione artistica dell’Edonè (e oltre). Alcuni brani sono stati scritti e registrati durante la quarantena (Langhorne Slim, Freez), alcuni sono outtakes rispetto alle versioni precedenti (Doug Tuttle, The Midnight Kings, The Midwest Beat), alcuni sono cover (The Peawees, The Rubinoos, Miss Chain & the Broken Heels), e altri sono versioni demo o alternative del catalogo della band (Kenny Tudrick, John Paul Keith, Bad Sports).

Altro che passi indietro. «So che in molti pensano che in tempi così bui il mondo della musica dovrebbe “fare un passo indietro”, o hanno paura che questa venga solo presa come un’occasione promozionale – dice Barcella -. Io non sono  d’accordo con questa visione. La musica, l’etichetta di questo circuito underground, m’ha dato tanto, e continua a farlo. Ascoltare dischi in queste settimane aiuta a contrastare il suono delle sirene fuori, ed occuparmi dell’etichetta mi da qualcosa da fare, e che mi rende felice durante la quarantena. Quello che fortunatamente abbiamo è uno strumento potente, e noi abbiam deciso di utilizzarlo in un modo che riteniamo costruttivo e sensato. Questo è quello che abbiam sempre fatto, questo è quello che faremo, e siam felici che tutti i nostri artisti, passati o presenti, la pensino come noi».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia