Pensare positivo
Google e Coca Cola fra i clienti

Vacanze illimitate e azienda al top? In Australia ci riescono, ecco come

Vacanze illimitate e azienda al top? In Australia ci riescono, ecco come
Pensare positivo 01 Luglio 2016 ore 10:00

Ormai il caldo è arrivato, e incredibilmente, dopo intere settimane passate ad augurarsi che l'estate finalmente arrivasse, già non se ne può più. Paradossi dell'umano atteggiamento. Comunque: l'abbiamo invocato ed è arrivato, e adesso per poterlo scampare e trovare finalmente un poco di refrigerio non si può far altro che attendere le tanto agognate ferie. La spunta dei giorni sul calendario è cominciata, agosto con le sue spiagge, il mare e il relax sembra ancora lontano anni luce. Sarebbe bello poter decidere di chiudere bottega già adesso e andarsene immediatamente in villeggiatura, vero? Epperò c'è il capo, il lavoro, i turni con i colleghi e tutto quanto possa bruscamente risvegliarci dal dolce cullare di un sogno fatto di ferie anticipate, suono delle onde e cocktail con l'ombrellino. Ma così, purtroppo, per quasi tutti non è. E diciamo quasi perché da tutto questo ragionamento dobbiamo tirar fuori i dipendenti di Inventium, ditta di consulenza australiani i cui dipendenti possono decidere quando e quanto andare in ferie senza alcun tipo di restrizione o preaccordo. Ferie pagate, si intende. Leggete un po' qui, nel caso vi venga voglia di mandare un curriculum.

 

520234788_1280x720

 

Un concetto innovativo di lavoro. Stiamo parlando, anzitutto, di una società di prim'ordine a livello internazionale: Inventium, infatti, offre consulenza per lo sviluppo aziendale a multinazionali del calibro di Google, Coca Cola, Disney e Red Bull, insomma il top in assoluto, gente con cui occorre lavorare bene e senza fare scherzi. Per rispondere alle aspettative di tali colossi, Inventium deve per forza disporre di un'organizzazione aziendale impeccabile, dipendenti preparati e disposti a metterci anche l'anima nelle varie consegne che di volta in volta arrivano. E questo è senz'altro vero, in ufficio da quelle parti si lavora sodo, anzi, spesso si va anche oltre l'ordinario carico di mansioni che un normale professionista può sopportare. Ed è proprio per il continuo e pressante stress a cui i suoi dipendenti sono sottoposti che Amantha Imber, ceo dell'azienda, ha deciso di impostare il piano ferie dei suoi ad un livello completamente personale: siete liberi di andare dove, quando e per quanto volete. Le ragioni di una scelta di questo tipo, secondo le parole della stessa Imber, sono di un'innocenza spiazzante, ai limite dell'ingenuità: “È così ingiusto che le aziende tengano conto delle ferie e non delle ore lavorate. È come se dicessero: puoi lavorare quanto vuoi, ma riceverei comunque lo stesso numero di giorni di vacanza”. Una rivoluzione, parrebbe, ma per Amantha è la cosa più naturale del mondo: “Mi è sembrata semplicemente la cosa più giusta e naturale da fare”. E se il primo pensiero potrebbe essere che i dipendenti se ne approfittino, ebbene nulla di tutto ciò. Anzi, gli standard aziendali non fanno che aumentare.

 

Team-Inventium

 

Cresce la responsabilizzazione. L'idea della Imber prevede che il lavoratore, sentito compreso a tutto tondo nelle proprie esigenze personali e non considerato come un semplice esecutore di incombenze aziendali, maturi una certa affezione nei confronti della società, una sinergia che lo porta a comprendere quando ci sia effettivamente la possibilità di staccare per qualche giorno la spina e quando invece, per quanto ne abbia una gran voglia, non sia decisamente il caso di farlo. “Dando di nuovo a loro il controllo – ha spiegato Amantha – inizieranno ad essere responsabili dei loro livelli di energia e a creare un equilibrio fra lavoro e vita privata”. Una politica aziendale, dunque, tesa alla creazione di un professionista realmente conscio delle necessità lavorative della società, delle necessità proprie in quanto essere umano e non solamente dipendente, e in grado di creare un efficace bilanciamento fra i due aspetti. A giovarne, si è detto, è sia la salute, fisica e psicologica, del lavoratore che gli standard d'impresa: Inventium, come detto, annovera fra le fila dei propri clienti alcune delle compagnie e multinazionali più importanti del mondo, e lo fa lasciando carta bianca rispetto alle vacanze ai suoi dipendenti. Un modello decisamente vincente, no?

Seguici sui nostri canali