Secondo la Società di Nutrizione Umana

7 buone ragioni per bere il latte

7 buone ragioni per bere il latte
29 Dicembre 2017 ore 05:30

Anche l’alimentazione ha i suoi ori: c’è quello nero, il caffè amato dagli italiani; c’è quello rosso, lo zafferano, prezioso per le sue proprietà e costoso tanto oro quanto pesa, e poi c’è quello bianco. Il latte: misconosciuto, screditato dalle tante accuse che gli hanno puntato il dito contro. Tanto che oggi lo si beve poco, una porzione al giorno, se capita, contro le 2-3 invece raccomandate dalla linee guida della SINU, la Società Italiana di Nutrizione Umana. Mentre il 25 per cento della popolazione lo ha eliminato, definitivamente, dalla propria dieta. Commettendo un errore, perché il latte è un alimento fondamentale per il benessere dell’organismo.

Il calo del consumo di latte. Il latte è infatti una bevanda conforto, sana e incredibilmente preziosa per la salute delle ossa, secondo il parere della Nutrition Foundation of Italy insieme all’Osservatorio Nestlé-Fondazione ADI. A sottolineare, dunque, il valore nutrizionale di questa bevanda, che nel corso del tempo ha conosciuto una decrescita graduale nei consumi, fino in taluni casi all’esclusione dalla dieta quotidiana. Lo attesta un’indagine condotta fra 5.500 italiani: il 41 per cento ama il latte, integrandolo nella dieta una o più volte al giorno. Percentuale che comunque gli esperti considerano poco soddisfacente, visto il calo di 14 punti percentuale rispetto al 2012, quando i consumatori di latte si aggiravano attorno al 55 per cento.

 

Embed from Getty Images

 

In contrapposizione, il 40 per cento degli italiani lo consuma saltuariamente o mai, attestando nel 14 per cento dei casi una presunta intolleranza al lattosio che va comunque accertata in maniera corretta presso centri specialistici e accreditati. Cui si aggiungono pretesti di non digeribilità per il 47 per cento dei ‘non amo il latte’, affiancati dal 16 per cento di quelli convinti che faccia ingrassare e al 13 per cento che rifiuta il consumo per la sua componete iperproteica.

Sette buone ragioni per berlo. Le ragioni, dunque, non sarebbero affatto fondate: anzi screditerebbero la bevanda a causa, innanzitutto, di una scarsa conoscenza del valore nutrizionale, dando invece ascolto ai rumor che ne hanno diffuso eventuali effetti negativi sulla salute. Falso. Per almeno sette buone e salutari ragioni, dicono gli esperti.

  • Le caratteristiche e proprietà del latte vaccino garantiscono un buon equilibrio nutrizionale a tutte le età e anche in fasi particolari del ciclo vitale come la gravidanza e l’allattamento, o di specifiche attività come durante l’allenamento sportivo.
  • Il contenuto di calcio del latte o di prodotti della filiera supporta lo sviluppo di massa ossea, determinante in tutto l’arco della vita ma soprattutto nelle prime fasi di crescita del bambino.
  • Consumato correttamente, secondo le indicazioni delle linee guida e integrato in una dieta sana, varia e bilanciata, il latte contribuisce al raggiungimento degli obiettivi nutrizionali sia di specifici macronutrienti, come le proteine, sia di micronutrienti quali vitamine e minerali.

 

Embed from Getty Images

 

  • È da sfatare la credenza che il latte possa stimolare l’insorgenza di particolari condizioni cliniche, più specificatamente di sovrappeso, obesità, diabete, o di sviluppo di malattie cardiovascolari. Non ci sono dimostrazioni scientifiche al riguardo.
  • Di contro, la maggior parte degli studi condotti finora confermerebbe una positiva associazione tra consumo di latte e benefici per la salute.
  • Il latte vaccino, ad eccezione di casi particolari (come nei lattanti, in persone conclamate allergiche alle proteine del latte o con intolleranze sintomatiche al lattosio, queste ultime tuttavia gestibili con il consumo di latte e derivati delattosati, o in altri contesti che ne limitano il consumo secondo parere medico/specialistico) è un alimento raccomandato nella normale dieta quotidiana.
  • Il consumo regolare del latte promuove l’acquisizione e il mantenimento di sane abitudini alimentari. Prima fra tutte, educa a fare colazione al mattino, il pasto più importante della giornata con effetti metabolici e sul benessere generale dell’organismo che non lasciano dubbi. In bontà, naturalmente.
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia