Solidarietà

A Bergamo nascerà l'Officina della Salute, per garantire servizi di medicina a chi è in difficoltà

Progetto con la collaborazione del Comune, che troverà uno spazio. Disponibili visite specialistiche, farmacia, sostegno alimentare e psicologico

A Bergamo nascerà l'Officina della Salute, per garantire servizi di medicina a chi è in difficoltà
Pubblicato:
Aggiornato:

La Croce Rossa di Bergamo ha scelto di realizzare in città una "Officina della Salute" con la collaborazione del Comune di Bergamo, che troverà una sede appropriata. Nel luogo, ancora in corso di definizione, verrà allestito un ambulatorio, in grado di offrire una rosa di servizi di assistenza sanitaria gratuiti ai cittadini più in difficoltà.

Punti accesso per vari servizi di medicina

Le "Officine" sono un progetto nazionale di Croce Rossa, rivolto alle persone con fragilità sociali e sanitarie che possono trovare una risposta alle loro necessità. Si tratta di punti di accesso che garantiscono una presa in carico della persona, attraverso un servizio integrato che va dalle visite specialistiche, alla farmacia solidale fino al sostegno alimentare e al supporto psicologico.

Un progetto per aiutare i cittadini in difficoltà

«Sappiamo tutti molto bene quanto l’emergenza pandemica abbia fatto emergere le carenze di un sistema che non riesce a garantire le prestazioni sanitarie in tempi accettabili, aumentando contemporaneamente le disuguaglianze tra cittadini che possono, spesso a fatica, accedere al sistema privato e altri che, purtroppo, rinunciano alle cure - ha dichiarato l'assessore alle Politiche sociali, Marcella Messina -. Sono quindi particolarmente contenta che questa progettualità così importante di Croce Rossa possa realizzarsi anche a Bergamo, in una sede che stiamo valutando in un'ottica di prossimità ai bisogni dei cittadini».

«Il progetto non poteva mancare nella nostra città, che certo non è estranea al fenomeno dell’emergenza socio-sanitaria, venuta alla luce in modo significativo in questi ultimi anni, soprattutto in alcune fasce di popolazione e in alcuni quartieri - ha raccontato Maurizio Bonomi, presidente della Croce rossa di Bergamo -. La collaborazione con il Comune ci permetterà di avere gratuitamente i locali, dove realizzeremo il progetto che prevediamo di portare a compimento entro la fine del 2024. Appena possibile, ci attiveremo a provvedere all’allestimento degli spazi anche con attrezzature di diagnostica, come l’ecografo».

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali