ciack si gira

A Lovere e sul Sebino sono terminate le riprese per la serie tv “Funeral for a dog”

Tratto dall’omonimo best seller di Thomas Pletzinger, “Funeral for a dog” racconta la storia di Dirk Svensson, scrittore solitario che si ritira a vita privata su un lago del nord Italia.

A Lovere e sul Sebino sono terminate le riprese per la serie tv “Funeral for a dog”
15 Settembre 2020 ore 13:02

Il borgo antico di Lovere, uno dei più belli d’Italia, torna ad ospitare un set cinematografico internazionale a pochi anni di distanza dalle riprese effettuate per il thriller “Respiri”, con l’attore Alessio Boni. SI sono infatti concluse sul lago d’Iseo nella mattinata di lunedì 14 settembre le riprese cinematografiche per la serie televisiva in otto puntate “Funeral for a dog”, prodotta per Sky Germania dalla società tedesca Flare Entertainment GmbH in collaborazione con Viola Film, società di Roma responsabile della produzione esecutiva per la realizzazione delle riprese italiane.

3 foto Sfoglia la gallery

«Ospitare produzioni cinematografiche – commenta Nicola Macario, Coordinatore del “G16” – rappresenta una grande opportunità per lo sviluppo turistico del nostro lago che, negli ultimi anni, si è sempre più internazionalizzato grazie all’opera The Floating Piers dell’artista Christo e, soprattutto, all’intensa attività svolta dall’aggregazione territoriale dei sedici comuni rivieraschi del Sebino in collaborazione con l’Associazione Visit Lake Iseo».

«Fin da subito – dichiarano il sindaco di Lovere Alex Pennacchio ed il vicesindaco di Solto Collina Costantino Consoli – abbiamo accolto con entusiasmo la richiesta di Viola Film e messo a disposizione della produzione gli uffici e il personale comunale sia in occasione del sopralluogo che in fase di presentazione di tutte le istanze necessarie ad ottenere le autorizzazioni per effettuare le riprese».

Tratto dall’omonimo best seller di Thomas Pletzinger, “Funeral for a dog” racconta la storia di Dirk Svensson, scrittore solitario, senza figli e autore di un best seller per bambini, che, in seguito ad eventi misteriosi, si ritira a vita privata su un lago del nord Italia. La sua vita scorre tranquilla insieme al suo cane a tre zampe sino a quando incontra il giornalista freelance Daniel Mandelkern, inviato in Italia per intervistarlo. «Le riprese sul lago d’Iseo – racconta il direttore di produzione Simone Gandolfo – sono iniziate martedì 8 settembre e sono terminate a Solto Collina. Al Porto Turistico sono state effettuate le riprese dal lago, oltre alle scene di movimentazione delle imbarcazioni in virtù del fatto che il protagonista è un canottiere. A San Defendente sul monte Greno invece alcune scene di ambientazione montana». Un luogo magico, posto a 675 metri di altitudine, dal quale si ha una vista mozzafiato a 360 gradi sul lago d’Iseo, sulle valli e le montagne circostanti sino all’Adamello.

2 foto Sfoglia la gallery

La troupe, composta da 130 persone tra tecnici e attori italiani e tedeschi, ha soggiornato nelle strutture ricettive del territorio. «A spingerci sul Sebino – racconta Emanuele Perotti, location manager di Viola Film – sono stati i suggerimenti dei due nostri registi che, dopo mesi di visita in tutti i laghi prealpini italiani, tra gli altri hanno individuato il lago d’Iseo. Preziose si sono rivelate anche le immagini che abbiamo trovato sul web, che ci hanno particolarmente colpito: fotografie in primis degli Orridi, delle montagne e del background selvaggio e non troppo gentile che caratterizza l’Alto Sebino, ideale per scene di suspence. San Defendente, inoltre, si è rivelato assai funzionale all’ambientazione richiesta dalla sceneggiatura. La disponibilità riscontrata fin da subito fra gli attori territoriali ha poi fatto il resto: non succede spesso, infatti, quando si è alla ricerca di una location idonea anche a livello logistico e si ha poco tempo a disposizione di ottenere la fattiva collaborazione degli enti pubblici, specialmente nel periodo che stiamo vivendo nel quale il personale è spesso in smart-working e, quindi, fisicamente presente nel proprio ufficio solo alcuni giorni a settimana».

2 foto Sfoglia la gallery

Rilevante si è rivelato anche il contributo della Canottieri Sebino, che ha fornito alla troupe il doppio canoino in legno impiegato nelle scene dagli attori, riadattato il catamarano in uso agli allenatori convertendo la propulsione a motore in quella a remi per le riprese in movimento e il trascinamento del doppio canoino, una piccola chiatta grigliata per le riprese da fermo, due atleti rematori quali controfigure degli attori per le scene in barca e suggerito varie soluzioni tecniche e addestrato gli attori alla voga. «Ancora una volta – spiega Marco Bani, Presidente de L’Ora Srl – il Porto Turistico ha aperto i suoi spazi a supporto di un importante evento di promozione per il territorio. Questo a sottolineare la capacità di adattamento alle opportunità che di volta in volta si presentano. Siamo contenti di aver ospitato tutto lo staff di professionisti che sono qui giunti, e speriamo di poterli riavere presto con noi». Le riprese della serie tv proseguiranno nei prossimi mesi in Germania, Brasile, Colombia, Stati Uniti e Finlandia.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia