Pensare positivo
La storia più bella

Accoglienza dei bimbi ucraini, date una medaglia alla gente di Rota Imagna

Primo Natale bergamasco per 95 piccoli del Donbass, accolti in valle. Il sindaco Locatelli: «Quando se ne andranno, gli orfani saremo noi»

Accoglienza dei bimbi ucraini, date una medaglia alla gente di Rota Imagna
Pensare positivo Val Brembana e Imagna, 17 Dicembre 2022 ore 09:22

di Paolo Aresi

Quando Sasha vede Barbara le va incontro, la abbraccia, la tiene stretta e poi l’abbraccio si moltiplica perché arrivano altri bambini... Valentina, Sergej, Yuri si stringono tutti insieme.

Barbara è la vicesindaco di Rota Imagna, è sposata, ha due figlie di dieci e tredici anni. Dice: «Non avrei mai immaginato quello che è successo dalla fine di marzo in avanti, nove mesi fa. Questi bambini ci considerano la loro famiglia, le mie figlie è come se fossero loro sorelle».

Rota Imagna, come la sua vicesindaco, non avrebbe mai pensato a un’eventualità del genere. Quando i novantacinque orfani che arrivano dall’Ucraina, esattamente dal Donbass, se ne andranno, come sarà il paese?

Risponde il sindaco, Giovanni Locatelli: «Resterà orfano. Anche se i problemi non mancano, sia chiaro. Ma novantacinque bambini e ragazzi hanno riempito di vivacità il nostro paese, ci hanno offerto una prospettiva nuova. Poi c’è chi ha colto il messaggio vitale e chi no. Certo, occorre tanta pazienza perché alcuni ragazzi sono nella fase adolescenziale e non è facile tenerli a freno, a volte combinano guai e la gente si arrabbia».

1
Foto 1 di 6

L'accoglienza dei bimbi ucraini a Rota Imagna

2
Foto 2 di 6

L'accoglienza dei bimbi ucraini a Rota Imagna

3
Foto 3 di 6

L'accoglienza dei bimbi ucraini a Rota Imagna

4
Foto 4 di 6

L'accoglienza dei bimbi ucraini a Rota Imagna

5
Foto 5 di 6

L'accoglienza dei bimbi ucraini a Rota Imagna

6
Foto 6 di 6

L'accoglienza dei bimbi ucraini a Rota Imagna

È una mattina grigia e fredda di questo dicembre, nell’ex colonia brillano le luci dell’albero di Natale. L’ex colonia e casa per vacanze Stella Alpina è diventata la casa di questi bambini e delle educatrici che con loro sono arrivate a fine marzo dalla Polonia dopo un lungo viaggio che li aveva condotti fuori dal Donbass bombardato dai russi, all’inizio dell’invasione.

Tutti pensavano, speravano, che sarebbe stata questione di poche settimane o di pochi mesi (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 22 dicembre, o in edizione digitale QUI

Seguici sui nostri canali