Pensare positivo
Bella iniziativa

Ad Albino fa tappa il primo Giro d'Italia di Plogging: correre raccogliendo i rifiuti per strada

Organizzata da PuliAmo Albino, con il patrocinio del Comune e il supporto di Albini group, è aperta a tutti. In programma domenica (20 marzo)

Ad Albino fa tappa il primo Giro d'Italia di Plogging: correre raccogliendo i rifiuti per strada
Pensare positivo Val Seriana, 17 Marzo 2022 ore 11:27

di Fabio Gualandris

Albino ospita la nona tappa del primo Giro d’Italia di Plogging, manifestazione che percorre tutto lo Stivale allo scopo di raccogliere l’immondizia “dimenticata”. Organizzata dal gruppo spontaneo PuliAmo Albino con il patrocinio del Comune e il supporto di Albini group, la tappa albinese è in programma domenica 20 marzo.

Anche voi non sopportate di vedere in giro cartacce, bottigliette e immondizia varia? Ecco l’iniziativa giusta: il “Plogging”, ossia la bella abitudine di unire alla corsa, alla camminata nel verde o al semplice giretto con il cane la raccolta di cartacce e rifiuti. Il termine è stato coniato nel 2016 dall’atleta svedese Erik Ahlström dalle parole "plocka upp" (raccogliere) e "jogga" (jogging). Il nome, nato per identificare ciò che faceva per le strade della sua città, Stoccolma, ha favorito la rapida diffusione in Europa e in Italia di gruppi di corri-raccoglitori, conquistati dall’idea di unire all’esercizio fisico all’aria aperta buoni gesti per l’ambiente, e ha fatto nascere vere e proprie manifestazioni sportive.

Il movimento dei “Plogger” - che non sono solo atleti, ma anche semplici camminatori con guanti e sacchetto - pensa e agisce in grande, tanto che quest’anno ha dato vita a una manifestazione di ben 46 date che percorre da Nord a Sud tutto lo Stivale e poi le Isole. Nato da un’idea dei gruppi di Darfo Boario e Monza, il Giro d’Italia è cominciato il 23 gennaio a Pordenone e si chiuderà il 27 novembre a Cagliari, coinvolgendo ogni fine settimana città e territori diversi.

«Non bisognerà per forza correre - precisa la coordinatrice Silvana Letizia -, l’importante sarà partecipare alla raccolta dei rifiuti che troveremo spostandoci insieme in paese e nelle aree naturali». Basterà dunque presentarsi in uno dei sei punti di ritrovo: per le frazioni di Abbazia, Casale e Dossello in via Cistercensi al parcheggio del cimitero di Abbazia; per Albino capoluogo al piazzale Falcone e Borsellino in zona stazione Teb; per Bondo Petello al parcheggio del parco Finibondo; per Comenduno e Desenzano al parcheggio del polo scolastico in via IV Novembre; per Fiobbio al parcheggio via Grasse e per Vall’Alta in via I Maggio zona semafori. Dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16.30 gli orari di uscita; pinze, guanti e sacchetti per la raccolta verranno forniti in loco.

5 foto Sfoglia la gallery

L’obiettivo è sensibilizzare sulla custodia e la cura dell’ambiente, per questo bambini e famiglie sono i più attesi. Tutti però possono imparare qualcosa dal Plogging e godersi la soddisfazione che danno i sacchi pieni al termine della raccolta, finalmente destinati al corretto smaltimento. La giornata sarà poi sottolineata con piccoli riconoscimenti ai partecipanti e con la messa a dimora, nei giorni successivi, di un albero autoctono contrassegnato dalla targa: «Da qui passa il buon esempio».

Per i volontari di PuliAmo Albino si tratta di un appuntamento importante. Il gruppo, spontaneo e informale, ha compiuto un anno a febbraio e guarda con soddisfazione l’aumento dell’interesse attorno alle proprie attività. Si racconta e può essere contattato attraverso la pagina Facebook PuliAmo Albino. Sempre aperto a nuove adesioni, conta attualmente una ventina di volontari, a volte anche di più, che effettuano dalle due alle quattro raccolte a settimana, nel centro storico ma anche nelle vallette nascoste, dove vengono spesso abbandonate grandi quantità di rifiuti di ogni genere. Si attiva anche in base alle segnalazioni dei cittadini. Nel primo anno di vita calcola di avere raccolto circa cinque tonnellate di rifiuti. Grazie alla collaborazione con il Comune di Albino, i rifiuti raccolti dai volontari, in sacchi trasparenti forniti gratuitamente ed etichettati, vengono ritirati e smaltiti dai servizi di gestione. Abbiamo fatto qualche domanda a Letizia per saperne di più.

Come siete nati?

«Pensavo di essere solo io quella che raccoglieva carte e bottigliette mentre passeggiava sulla pista ciclabil, poi ho incontrato altre persone che lo facevano. Mettersi insieme ci ha dato una carica grandissima. Prima magari ci si vergognava anche un po’, creare il gruppo ci ha fatto sentire più forti, ci ha permesso di ottenere risultati visibili e soprattutto di trasmettere un messaggio, quello del rispetto e dell’attenzione per i luoghi nei quali viviamo».

Ci sono altre realtà come la vostra in provincia di Bergamo?

«Ce ne sono parecchie, vicino a noi operano i gruppi di Cene, Gazzaniga e Alzano, e ne stanno nascendo altri».

È frustrante vedere tanta maleducazione?

«Sì. Negli ultimi cinque anni ho riscontrato un aumento pazzesco dei rifiuti abbandonati e anche la differenziata non è fatta più così bene. Ciò che più dispiace è la mancanza di attenzione, tanto che ci capita di trovare luoghi appena puliti già sporchi il giorno seguente».

Albino è riconoscente al vostro gruppo per questo impegno, ha anche votato sui social locali la vostra attività il secondo momento più importante del 2021. Solo il centro vaccinale ha avuto più voti. Ve lo aspettavate?

«Sinceramente no, ci ha fatto piacere, così come le tante persone che ci salutano con gratitudine quando ci vedono all’opera».

Gli organizzatori invitano quanti interessati a partecipare all’iniziativa ad iscriversi entro sabato 19 marzo inviando un semplice messaggio WhatsApp a Silvana (3401446090) o ad Andrea (3385968690). L’iscrizione è gratuita. In caso di maltempo la manifestazione sarà posticipata alla domenica successiva, 27 marzo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter