Tante le assenza pesanti

In attesa della banda di Gasperini è la Primavera a battagliare col City

In attesa della banda di Gasperini è la Primavera a battagliare col City
21 Ottobre 2019 ore 09:07

Una giornata magica: è quella che spera di vivere oggi la corazzata di Massimo Brambilla. Il confronto con una realtà tra le migliori a livello mondiale è sicuramente una grandissima opportunità per la Primavera atalantina. La chance di mettersi alla prova e sfidare il Manchester City non capita di certo tutti i giorni. Le giovani promesse nerazzurre, ieri mattina, hanno preso l’aereo direzione Inghilterra e oggi alle ore 15 locali (16 italiane quindi) sfideranno i Citizens nella gara valida per la terza giornata della Youth League, la Champions League delle formazioni giovanili.

 

[Ruggeri e Panada assenti: sono con la Nazionale U17 (atalanta.it)]

 

Attualmente la situazione nel girone C è la seguente: Manchester City e Dinamo Zagabria guidano la classifica a quota quattro punti, seguono Atalanta e Shakhtar Donetsk ferme a uno. I bergamaschi hanno perso l’esordio in Croazia 1-0 giocando una buona partita e non sono riusciti a ottenere una vittoria nemmeno nella gara casalinga contro gli ucraini. Il gol del pareggio incassato a tempo quasi scaduto ha gettato al vento due punti che sarebbero stati meritati per quanto visto in campo. La Dea ha creato tante occasioni da gol, ha imposto il proprio gioco, ma non è riuscita a chiudere il match. Un peccato pagato a caro prezzo, che non dovrà essere ripetuto nelle prossime sfide, soprattutto in Europa dove sono i dettagli a fare la differenza visto l’equilibrio e la qualità delle rose.

Per la trasferta di Manchester il tecnico Brambilla dovrà rinunciare a diversi elementi importanti della sua compagine. In difesa mancherà il terzino sinistro Ruggeri, classe 2002 partito alla volta del Brasile per disputare i mondiali con la nazionale italiana U17. Anche il centrocampista Panada non sarà a disposizione per lo stesso motivo. A loro si aggiungono le assenze ormai note del portiere Ndiaye e dell’esterno d’attacco Colley, che non possono partecipare alla Youth League. Nonostante questo, l’Atalanta dovrà provare a mettere in difficoltà la capolista difendendosi con ordine, costruendo la manovra dal basso e magari sfruttando qualche spazio lasciato dai padroni di casa. Sarà importante contenere la straordinaria abilità offensiva dei giocatori inglesi, già autori di cinque reti in due gare. Le ripartenze in velocità potrebbero essere una chiave di lettura del big match. Il Manchester City ha dalla sua l’abitudine a giocare partite di questo tipo. Il mister Paul Harsley finora ha giocato con un 4-3-3 in cui hanno fatto la differenza gli inserimenti delle mezzali Bernabe e Doyle. Entrambi sono centrocampisti inglesi nati nel 2001, il primo ha già messo a segno due reti agendo sul centrosinistra, mentre il secondo è il capitano, autore di un gol, e parte da destra.

 

[Brambilla, tecnico della Primavera, contro la Dinamo Zagabria (atalanta.it)]

 

Nella cornice suggestiva dell’Academy Stadium di Manchester, stadio da circa ottomila posti, la truppa di Brambilla dovrà tenere alto il nome dell’Atalanta in Europa vivendo l’incontro come un’esperienza incredibile in cui non si ha nulla da perdere. Certo, in caso di sconfitta le possibilità di passaggio del turno si ridurrebbero al lumicino, però sognare l’impresa non costa nulla. Con la testa libera da preoccupazioni e la consapevolezza di avere i mezzi per lottare contro qualsiasi avversario, la Primavera bergamasca potrebbe far trascorrere una notte magica al popolo nerazzurro.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia