I primi dieci

Cinque per mille, i bergamaschi premiano le associazioni che si battono per la salute

La classifica vede in testa il Cesvi, ma poi ecco la Paolo Belli, gli Amici della Pedriatria, Aob e Cure Palliative

Cinque per mille, i bergamaschi premiano le associazioni che si battono per la salute
Pubblicato:

di Paolo Aresi

Davanti a tutti c’è il Cesvi, la fondazione che si occupa di cooperazione internazionale e che a Bergamo ha la propria sede. Seguono l’associazione Paolo Belli e le Acli di Bergamo.

I bergamaschi nel 2023 hanno deciso di donare ben cinque milioni e 200 mila euro attraverso la destinazione del 5xmille della dichiarazione dei redditi. Un dono facoltativo, che i bergamaschi hanno scelto in misura massiccia: sono ben 147 mila le dichiarazioni dove si è ritenuto di beneficiare qualche ente o associazione. Non va così in tutte le province e per di più i bergamaschi decidono di donare il 5xmille del loro reddito in misura sempre maggiore: l’anno precedente la raccolta fu di circa tre milioni e 800 mila euro.

Le realtà bergamasche che possono attingere al 5xmille sono ben 1.434 (possono ricevere il contributo solo se sono iscritte al Registro unico del terzo settore, il Runts). In totale, si calcola che le associazioni bergamasche siano 4.500, mentre quelle iscritte al Registro sono meno della metà, circa duemila.

Dicevamo che il Cesvi è in testa alla classifica: sono ben 7.500 i contribuenti bergamaschi che hanno indicato questa fondazione, in totale 316 mila euro sono andati all’organizzazione umanitaria laica. In queste settimane anche il Cesvi è impegnato nella Striscia di Gaza per portare soccorso alla popolazione martoriata dalla guerra. Attualmente Cesvi porta avanti 122 progetti, in ventisei diversi Paesi; a differenza di altre organizzazioni umanitarie può vantarsi di portare nei luoghi del bisogno il 90 per cento delle risorse che raccoglie.

Al secondo posto troviamo la Paolo Belli, che ha nel suo statuto la lotta alla leucemia e l’impegno per aiutare i malati e le loro famiglie. La Paolo Belli nacque nel 1992 nel quartiere di Borgo Santa Caterina, all’interno dell’associazione Excelsior: Paolo Belli era un giocatore di basket dell’Excelsior che morì a 24 anni, strappato ai suoi cari proprio dalla leucemia.

Alla Paolo Belli hanno versato il loro 5xmille 3.950 bergamaschi per un totale di poco più di 155 mila euro.

Al terzo posto le Acli Bergamo con un totale di 122 mila euro. Al quarto gli “Amici della Pediatria”, associazione che fa riferimento all’ospedale Papa Giovanni e che ha raccolto 112 mila euro; anche gli Amici della Pediatria costituiscono un’associazione molto conosciuta a Bergamo, attiva dal 1990. Il gruppo si impegna affinché “l’esperienza del ricovero non sia una parentesi negativa nell’esperienza di vita del bambino”.

Al quinto e al sesto posto altre due realtà legate al mondo dell’ospedale (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 11 luglio, o in edizione digitale QUI

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali