Si chiama Manu Gyabuaa

Colpaccio del settore giovanile L’Atalanta prende il nuovo Pogba

Colpaccio del settore giovanile L’Atalanta prende il nuovo Pogba
27 Luglio 2015 ore 05:00

L’Atalanta ha battuto la Roma e la Fiorentina e si è aggiudicata un giovanissimo talento classe 2001 che qualcuno paragona già a Paul Pogba. Il gioiello in questione si chiama Emmanuel Manu Gyabuaa, nell’ultima stagione ha giocato nel Parma e nonostante le mille peripezie che la società ducale ha dovuto affrontare è arrivato ad un passo dallo scudetto Giovanissimi italiano. La firma sul contratto è arrivata nella mattinata di domenica 26 luglio, il colpo è veramente importante sia per le caratteristiche del giovane che per l’operazione conclusa dai dirigenti nerazzurri.

Nerazzurri preferiti a Roma e Fiorentina. “E’ stata una trattativa lunga e complicata ma alla fine il ragazzo e la sua famiglia hanno preferito il progetto Atalanta. Per noi, questa, è una grande vittoria”. Con queste parole, il responsabile del settore giovanile nerazzurro Maurizio Costanzi ha raccontato la chiusura dell’affare e basta ragionare un attimo sulle due società concorrenti per capire come, ancora una volta, abbiano vinto la filosofia e il progetto orobico.

“Ci siamo mossi per primi e con molto anticipo – spiega Costanzi -, abbiamo parlato con il giocatore e con la sua famiglia, ma non è stato un percorso semplice. Già a quest’età c’è pieno di agenti che ronzano intorno agli atleti, ci sono richieste economiche e competere con realtà di grande livello come Roma e Fiorentina non è affatto semplice. I giovani e le famiglia restano spesso colpiti dai grandi nomi, guardano le prime squadre e magari si lasciano convincere da prospettive di grandi squadre e dal nome di grandi campioni. Sono contento perché con la chiusura ufficiale di questa operazione inseriamo nel settore giovanile un giocatore importante e miglioriamo il gruppo dei 2001. Si tratta dei Giovanissimi Nazionali, il primo anno di agonistica e abbiamo lavorato in modo molto specifico e intenso”.

 

costanzi

 

Il primo contratto della carriera. Manu Gyabuaa è un centrocampista che per caratteristiche tecniche e facilità di tiro scatena già paragoni importanti. E’ ovvio che quando un ragazzo non ha ancora compiuto 14 anni ci sia bisogno di tanto lavoro e tanta pazienza, però il segnale che arriva è forte e chiaro: il settore giovanile orobico ha ancora grande appeal e le famiglie scelgono Bergamo.

“Parliamo di un giocatore nato in Italia, compirà 14 anni a settembre e i genitori sono ghanesi. Per lui è il primo contratto, è molto importante riuscire a infilarsi e battere la concorrenza con le idee e con i progetti andando a parlare chiaramente anche alle famiglie fin da questa età perché si costruiscono gruppi di lavoro omogenei e coesi che tra qualche anno potranno dare grandi soddisfazioni. E’ un lavoro duro che parte da lontano, servono tempismo e buone idee. L’Atalanta sta facendo cose importanti”.

I diamanti grezzi. Il centrocampista di origini ghanesi non è il primo e non sarà nemmeno l’ultimo tassello. Roma e Fiorentina sono state battute sul territorio italiano, ma la partita si gioca anche oltre i confini nazionali ed europei. Costanzi, responsabile del settore giovanile atalantino e talent scout di notevole esperienza svela come la società nerazzurra sia attivissima su tanti giovani campioni: “Abbiamo bloccato giocatori di grande prospettiva, ci sono dei ragazzi che non è sbagliato definire diamanti grezzi. Purtroppo alcune norme sugli extracomunitari creano qualche ostacolo di troppo, ho sempre pensato che il protezionismo non serva tanto, quanto i progetti, le idee e il lavoro per aiutare a crescere il calcio italiano. Noi andiamo avanti e lavoriamo forte per alimentare sempre meglio il grande vivaio dell’Atalanta”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia