Solidarietà ai più poveri

Com’è andata nella Bergamasca la Colletta straordinaria

Com’è andata nella Bergamasca la Colletta straordinaria
14 Giugno 2014 ore 16:05

La Colletta Alimentare Straordinaria avvenuta sabato 14 giugno ha ottenuto un ottimo riscontro, con 4.770 tonnellate di cibo raccolto in oltre 6.000 punti vendita che hanno partecipato all’iniziativa. La soddisfazione di Andrea Giussani, presidente del Banco Alimentare, è molta: «Abbiamo avuto una risposta straordinaria all’evento. Oltre alla vivissima rete di associazioni vicine al Banco Alimentare, sono state migliaia le strutture caritative adoperatesi per portare a buon fine l’impegno. La pettorina gialla di volontari della Colletta è stata indossata da più di 60.000 volontari, una cifra incredibile vista la faticosa e rapidissima organizzazione». Il cibo donato verrà distribuito in più di 8.900 strutture caritative presenti su tutto il territorio italiano, aiutandole nell’assistenza quotidiana di circa 1 milione e 900 mila persone bisognose. Oltre all’utilità dell’iniziativa, la speranza è che il successo riscontrato serva anche a dimostrare quanto sia necessario un rapido intervento delle istituzioni sul tema: «Si spera che siano in grado di superare ogni complessità burocratica affinché venga data immediata attuazione ai programmi di aiuto alimentare italiano e comunitario. Oggi bisogna essere ancor più consapevoli di una priorità nazionale che il gesto della Colletta Straordinaria ha indicato senza ombra di dubbio», ha dichiarato Giussani.

 

La Colletta Straordinaria a Bergamo

Nella rete di associazioni che collaborano ogni anno con il Banco Alimentare c’è anche il Banco di Solidarietà di Bergamo, il quale ha dato il proprio contributo anche in questa occasione. Luca Perico, presidente dell’associazione bergamasca, sperava di raccogliere almeno un terzo delle 240 tonnellate di novembre e le sue speranze non son state disattese: sono circa 80 le tonnellate di cibo raccolto a Bergamo e provincia, una quantità soddisfacente e giunta nonostante i punti vendita che abbiano partecipato all’iniziativa siano stati solamente una sessantina, molti meno dei 200 della Colletta ordinaria e meno dei 70 circa previsti la scorsa settimana. All’evento hanno partecipato oltre un migliaio di volontari e la collaborazione da parte della popolazione è stata decisamente alta. Come spiega Luca Perico, la sensibilizzazione al tema ed ai motivi di questa Colletta Straordinaria esposti dai volontari hanno certamente influito sulla raccolta del cibo, con tante persone che sono state ancora più solidali del solito all’iniziativa.

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia