Cisano

Fatùr, ristorante e hotel dal 1914 Il giro del secolo in 80 coperti

Fatùr, ristorante e hotel dal 1914 Il giro del secolo in 80 coperti
27 Dicembre 2019 ore 05:00

Un ristorante da 80 coperti con bello spazio all’aperto per aperitivi e banchetti estivi, albergo con 14 camere, elegante caffè-pasticceria, tutto nello stesso ampio edificio tenuto in perfette condizioni grazie alle continue migliorie apportate di anno in anno. A pochi chilometri da Bergamo. La solidità della proposta del Fatùr di Cisano Bergamasco non è in discussione: la sua forza ultrasecolare si basa, come spesso capita, nella possibilità di avere impegnati in azienda i componenti della famiglia titolare. E i Comi rispettano pienamente questa regole non scritta.

 

 

Di lavoro ce n’è e quindi c’è bisogno anche di collaboratori, ma quando si hanno i genitori a dirigere (mamma Bruna e papà Pierangelo) e due figli in cucina e pasticceria (Matteo e Patrizio), allora tutto è sotto controllo e diventa più facile. Posto su una collinetta tra il verde della Val San Martino, il Fatùr è ristorante della tradizione, attivo già nel 1914 e oggi alla quarta generazione. Compie quindi 105 anni e festeggia anche con una “promozione” da parte di una guida importante, quella di Massobrio 2020, che eleva il locale dei Comi a “Corona Radiosa”. La cucina è d’impronta tradizionale lombarda ma in continua evoluzione grazie alla ricerca e al perfezionamento dei due giovanotti in cucina e pasticceria. La selezione dei vini è attenta: si valorizzano le varie regioni italiane e con la cucina del territorio vengono giustamente proposti i vini Doc della Valcalepio.

 

 

Sono due le proposte del Fatùr per le cene degli auguri, aziendali e non. Partiamo dall’Apericena di Natale (35 euro) fatto da cocktail di benvenuto accompagnato da selezione di salumi e formaggi serviti con polenta morbida, salamella profumata al rosmarino con le lenticchie,  pizzette, panini e brioches assortite. A seguire spumoncino di mortadella con pistacchi e amaretti, gamberetti in salsa aurora, fiocco di salmone con le erbette, russa in insalata, Carnaroli mantecato al Valcalepio, dolce di Natale. Per il Menù Merry Christmas (40 euro con selezione di vini) avrete spiedo di gamberoni con crema di patate e salamella di Marco D’Oggiono, Carnaroli mantecato con la zucca e polvere di liquirizia, guancetta di bue al caffè con fiocco di patate alla cannella, dolce di Natale. Per il pranzo di Natale (56 euro gli adulti, 35 i bambini), infine: merluzzo d’Islanda con tortino di polenta bianca, pomodori pachino, polvere di capperi e olive; culatello con il nostro patée in terrina; tortelli di branzino con brunoise di calamari e piccole verdure; Carnaroli mantecato con i funghi porcini, cappone ruspante farcito di castagne ed erbette con cestinetto dell’orto, dolce di Natale.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia