Pensare positivo
Dal 23 al 25 settembre

"Festa degli Angeli" a Cazzano, il ricordo dei giovani scomparsi vola in Africa per un nuovo ospedale

L'evento al parco di Cà Manì per unire familiari e amici nel ricordo di tanti giovani morti per incidenti o malattie. Il ricavato consentirà di creare in Congo un presidio sanitario

"Festa degli Angeli" a Cazzano, il ricordo dei giovani scomparsi vola in Africa per un nuovo ospedale
Pensare positivo Val Seriana, 16 Settembre 2022 ore 11:40

di Giambattista Gherardi

Qualcosa di più e di diverso dalle solite kermesse estive, per ritrovarsi in amicizia nel ricordo di tanti giovani amici che hanno lasciato un segno nel cuore di ciascuno. Da venerdì 23 a domenica 25 settembre è in programma a Cazzano Sant'Andrea la prima edizione della “Festa degli Angeli”, allestita negli spazi esterni del Parco di Cà Manì, con il patrocinio del Comune e del distretto de Le Cinque terre della Val Gandino.

Tutto è partito in una sera di fine estate ai tavoli del Kiosko, l’esercizio posto a Cazzano all’interno del parco pubblico e gestito da Aurora Azzola. «Il pensiero andava, come ogni giorno - spiega Aurora - a mio figlio Ramon, morto il 23 settembre di due anni fa, ad appena 36 anni, a causa di una malattia inesorabile contro la quale ha combattuto con tutte le sue forze. L’idea era quella di ricordarlo, insieme a tanti amici che mai l’hanno dimenticato, ma mi sentivo di fare un torto a tanti come me che hanno subito un grave lutto a causa di incidenti o malattie. Ho allargato l’idea di un evento ad altri amici e conoscenti e soprattutto ad altre famiglie segnate dal dolore. Quasi con stupore e profonda commozione, ho visto aprirsi un mondo inaspettato con persone che hanno aderito in maniera spontanea e familiari che hanno accettato di condividere in modo concreto dolore e memoria. Ecco allora la “Festa degli Angeli”, dedicata a tanti giovani che negli ultimi anni ci hanno purtroppo lasciato: oltre a Ramon, Marco Bonandrini, Emiliano Perani, Andrea detto "Carota", Simone Masserini, Mary Anesa, Marika Bertocchi, Luca Bosio e Cristian Persico. Dietro a ogni nome ci sono storie laceranti, ma anche e soprattutto ricordi carichi di entusiasmo e impegno fattivo, spesso raccolti in associazioni specifiche che negli anni hanno ideato e portato avanti manifestazioni in tutta la Valle Seriana».

Ramon Marinoni
Foto 1 di 9

Ramon Marinoni

Simone Masserini
Foto 2 di 9

Simone Masserini

Luca Bosio
Foto 3 di 9

Luca Bosio

Mary ANesa
Foto 4 di 9

Mary Anesa

Andrea detto Carota
Foto 5 di 9

Andrea detto Carota

Emiliano Perani
Foto 6 di 9

Emiliano Perani

Cristian Persico (2)
Foto 7 di 9

Cristian Persico

Marika Bertocchi
Foto 8 di 9

Marika Bertocchi

Marco Bonandrini
Foto 9 di 9

Marco Bonandrini

 

La “Festa degli Angeli” è quindi un’occasione che non ha alcuna volontà di “esclusiva”, ma che al contrario vuole allargare il più possibile il cerchio della condivisione. «Il mio pensiero - aggiunge Aurora - va innanzitutto ai genitori e ai familiari più stretti di questi ragazzi. Al dolore che si rinnova ogni giorno, in un gesto quotidiano, in un’immagine, in una qualsiasi circostanza. Condividere è difficile, per alcuni a volte è necessario un percorso più lungo, ma consente a tutti noi di allargare il cuore alla solidarietà coinvolgente, alla possibilità di portare anche a migliaia di chilometri da qui l’entusiasmo dei nostri ragazzi».

Ecco allora che la tre giorni di Cazzano sarà un momento speciale, tutto dedicato a un piccolo grande sogno: creare una nuova postazione medica, che crei un embrionale reparto maternità e un posto di primo soccorso, dove finalmente possa essere inviato personale medico nel piccolo ospedale di Gbonzunzu (provincia di Haut-Uele, territorio di Wamba) nella Repubblica Democratica del Congo. Qui operano gli Amici della Scuola Apostolica Onlus di Albino, che sostengono l’impegno di padre Renzo Busana e di tanti volontari, dediti a progetti sociali e umanitari in favore del popolo Pigmeo.

Bambini nel villaggio di Gbonzunzu in Congo, dove sorgerà l'ospedale grazie alla Festa degli Angeli

«È una scommessa impegnativa - sottolineano Sonia Barzasi e Alessandra Zenoni, attive collaboratrici dell’iniziativa -, ma le adesioni raccolte in poche settimane ci danno entusiasmo e tanta voglia di condivisione. È importante sottolineare che tutti coloro che collaborano per allestimento, servizio e animazione musicale delle serate, lo fanno a titolo gratuito. Questo ci consentirà di destinare tutto il ricavato al progetto dell’ospedale». Da ricordare, fra i tantissimi, l'associazione Amici di Luca Bosio, Miguel Sound Service, Gruppo Alpini Gandino, Amici di Carota, Amici di Drago, Associazione Carabinieri Media Val Seriana, Protezione Civile Valgandino.

Il programma della “Festa degli Angeli” prevede ogni sera l’aperitivo di apertura alle 18, con servizio cucina, griglieria e burgheria dalle 19 e la successiva animazione con baby dance. Venerdì 23 settembre la serata sarà allietata dalla musica di Duo Dance, mentre sabato 24 settembre PJ Dance Studio proporrà, alle 21, un'esibizione di ballo, seguita da una maratona con i dj Jeppy & The New Sproducer, Jordan Lee electronic style, Perazzi vocalist, Nesch producer e Giorgi “the mind”. Domenica 25 settembre, Pj Dance Studio aprirà di nuovo la serata con il ballo, seguito in console da dj Nello e dj Flaviano Botta. Alle 23 è in programma il lancio di palloncini luminosi con all’interno un messaggio per tutti gli angeli volati in cielo. A tutti coloro che parteciperanno alla Festa viene suggerito di indossare un capo bianco (maglietta o altro), il colore degli angeli.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter