La corsa all'Europa più aperta che mai

Gasp: «Ma davvero siete delusi?» Un punto che per lui vale molto

Gasp: «Ma davvero siete delusi?» Un punto che per lui vale molto
Pensare positivo 10 Aprile 2017 ore 09:15

Un pareggio che lascia un po' di amaro in bocca, soprattutto per il dominio e le grandi occasione avute nel secondo tempo. L'Atalanta sbatte su un Sassuolo arrivato a Bergamo solo per difendere e ripartire, ma la corsa all'Europa rimane più aperta che mai: in caso di vittoria di Inter e Milan, la squadra di Gasperini resterebbe al quinto posto in classifica. A commentare la partita ci ha pensato l'allenatore nerazzurro in conferenza stampa.

Delusi. «Ma davvero siete delusi? È stata una partita così straordinaria. Non si vincono sempre le partite, altre squadre l'avrebbero persa. Solo noi abbiamo creato palle gol e sono molto soddisfatto, il punto di oggi vale per come si era messa la partita, era molto difficile. Possiamo essere rammaricati, sì, ma è stata una partita bellissima».

Nervosismo. «Forse un po' nel primo tempo, siamo stati un po' frettolosi nel giocare subito in profondità. Volevamo stare raccolti, non bassi, per non dargli profondità. Le partite vanno valutate però nei novanta minuti, non nei dieci giocati meno bene. In una parte del primo tempo siamo stati un po' imprecisi».

Tentazione Paloschi. «Non l'ho avuta perché stavamo giocando bene, forse avendo ancora un cambio lo avrei fatto entrare».

Situazione infortuni. «Conti potrebbe recuperare dai crampi, Spinazzola va valutato. Sicuramente non ci sarà Gomez per squalifica».

Giocare prima o dopo le avversarie. «Non cambia nulla, oggi non c'era ansia perché Milan e Inter giocheranno domani. Non abbiamo di questi pensieri».