In vista del match con la Fiorentina

Gasp non ha voce ma ha ottimismo «Ilicic non sarà un peso, sta meglio»

Gasp non ha voce ma ha ottimismo «Ilicic non sarà un peso, sta meglio»
Pensare positivo 29 Settembre 2018 ore 05:00

A Firenze l’Atalanta proverà a interrompere il digiuno di vittorie che prosegue dalla prima giornata di campionato, quando i nerazzurri rifilarono il poker al Frosinone. «Incontriamo una squadra che è fra le più in condizione e che in casa ha fatto tanti gol - esordisce Gian Piero Gasperini, con una voce quasi assente a causa di un abbassamento accusato nelle ultime ore -. Il valore della formazione allenata da Stefano Pioli è dato dalle sue prestazioni. Non solo da quelle degli attaccanti, ma di tutta la squadra. Dal canto nostro noi veniamo da due buone prove contro Torino e Milan, ma paghiamo le due brutte prestazioni con Cagliari e Spal. Ora invece ci misuriamo contro questo club che ha approcciato bene la stagione. Sarà un importante test di verifica per valutare a che punto siamo. Mi pare di notare che il gruppo sia in crescita».

Fra l’altro la Fiorentina ha concretizzato molto negli incontri disputati al Franchi. «Anch’io preferisco sempre giocare in casa perché avere il fattore campo a favore è sempre positivo. Ma devo comunque dire che noi in trasferta abbiamo avuto una buona identità e un'ottima personalità nel gioco. Ora ci misureremo su uno dei terreni più difficili». Quanto alla formazione, resta aperto il ballottaggio fra Mancini e Djimsiti per sostituire Masiello: «A Firenze non ci saranno né Reca, né Masiello - conferma Gasp - e ci presentiamo con un Ilicic che stiamo cercando di riportare su un livello di condizione ottimale. Purtroppo il problema che ha avuto gli ha creato molti fastidi e sta facendo molta fatica avendone risentito a livello generale. Sarà fondamentale averlo al meglio perché contro Spal e Cagliari c’è stato più di peso che di aiuto».

Nonostante queste situazioni negative, Gasperini guarda al futuro con ottimismo: «Nella seconda frazione di gioco contro il Milan c’è stata un’ottima reazione e un recupero di fiducia e convinzione. E tutto ciò si è ripetuto anche contro il Torino. Ci troviamo in una buona condizione, affrontiamo i match con una buona intensità e la voglia di vincere. Stiamo bene, siamo un gruppo che si sta consolidando. Ci manca solo qualcosa in zona gol. Questa è una difficoltà che abbiamo incontrato parecchie volte, anche se mercoledì abbiamo creato delle buone opportunità. Adesso dobbiamo continuare a guardare gara per gara perché il campionato è veramente difficile. Dovremo cercare di tirare fuori il massimo da ogni incontro sfruttando tutto il nostro potenziale».