Scuola e impresa

Gli istituti Imiberg e Marconi hanno vinto il premio “Migliore impresa JA Lombardia”

Al programma hanno partecipato oltre 1880 studenti da tutta la Lombardia. Insegnanti e manager d’azienda volontari, chiamati “Dream Coach”, hanno guidato i ragazzi nello sviluppo dei rispettivi progetti a distanza

Gli istituti Imiberg e Marconi hanno vinto il premio “Migliore impresa JA Lombardia”
Bergamo, 20 Maggio 2020 ore 11:02

Gli studenti degli istituti Imiberg di Bergamo e Guglielmo Marconi di Dalmine sono i vincitori del premio Migliore Impresa JA Lombardia di Impresa in azione, il programma di educazione all’imprenditorialità di Junior Achievement Italia.

Nello specifico, gli alunni della 4A ITE dell’Imiberg hanno presentato la mini-impresa “HealTea Box JA”. Prendendo ispirazione dai concetti dell’eco-sostenibilità e della salute, hanno ideato un box per preparare tè e tisane che contiene semi di camomilla e carta pietra. Quest’ultimo, in particolare, è un materiale impermeabile e composto all’80 per cento da carbonato di calcio, che, adagiato sul fondo della scatola, la trasforma in un vaso adatto alla coltivazione.

La giuria (composta dagli esperti dell’ufficio scolastico territoriale di Milano, Camera di Commercio Bergamo e Bergamo Sviluppo, Camera di Commercio Mantova – PromoImpresa Mantova, Campari, CITI, EY, ManpowerGroup, MUFG Bank, Project School, PwC, WebMarketingMedia, AIDC Milano e VISES) è stata convinta dal business plan che non soltanto ha fornito informazioni importanti dal punto di vista economico, ma ha anche identificato un canale di vendita ben definito e collaudato. Inoltre, la presentazione è risultata molto credibile, convincendo i giurati della bontà del progetto e della preparazione scolastica.

Il gruppo interclasse dell’Istituto Guglielmo Marconi di Dalmine ha invece presentato “Luggaggee JA”. L’obiettivo della startup è di far vivere un’esperienza unica a qualsiasi tipologia di viaggiatore, semplificandone il viaggio. L’azienda permette infatti ai viaggiatori di liberarsi dei bagagli e trovarli direttamente a destinazione.

Al programma hanno partecipato oltre 1880 studenti da tutta la Lombardia. Insegnanti e manager d’azienda volontari, chiamati “Dream Coach”, hanno guidato i ragazzi nello sviluppo dei rispettivi progetti a distanza, grazie anche all’esperienza maturata da Junior Achievement nell’ambito della didattica digitale. Gli studenti hanno dato vita a vere e proprie startup, creandone i relativi prodotti e servizi, che hanno poi presentato durante la Fiera Regionale.

Ora, gli alunni vincitori parteciperanno alla prima storica finale nazionale virtuale Biz Factory, in programma il 5 giugno. In questa occasione, seppure solo virtualmente, oltrepasseranno i confini locali affrontando le classi finaliste delle altre regioni italiane per il titolo di Migliore Impresa JA 2020. Inoltre, la classe vincitrice avrà l’onore di rappresentare l’Italia a livello europeo nella JA Europe Company of the Year Competition in una stimolante esperienza virtuale internazionale.

«Nonostante tutto quello che è successo, e sta succedendo, è davvero una grande soddisfazione sapere di essere riusciti a portare a termine il programma, arrivando alle finali regionali, senza mai fermarci – commenta Antonio Perdichizzi, presidente di Junior Achievement Italia -. Il percorso di Impresa in azione è un percorso che cerca di allenare l’imprenditorialità e il problem-solving. E, mai come quest’anno, i ragazzi sono stati chiamati a risolvere un grande problema a causa di questa emergenza. Ma, allo stesso tempo, hanno potuto constatare che con impegno e passione si possono sempre raggiungere gli obiettivi prefissati».

Junior Achievement: La più vasta associazione non profit dedicata all’educazione economico-imprenditoriale nella scuola, presente in Italia dal 2002, aiuta i giovani a sviluppare abilità trasversali quali: spirito d’iniziativa, assunzione di responsabilità, collaborazione, perseveranza, creatività, negoziazione, fiducia in se stessi che, uniti a competenze di tipo economico-finanziario, costituiscono competenze imprenditoriali. Junior Achievement ha realizzato un “Manifesto delle Competenze Trasversali” (disponibile a questo link) facendosi portavoce della richiesta di docenti, dirigenti scolastici, genitori, studenti, aziende, Enti del terzo settore e Istituzioni, affinché i programmi volti a trasferire tali competenze non vengano abbandonati.

Impresa in azione: Il più diffuso programma di educazione imprenditoriale per tutte le tipologie di scuola superiore. Riconosciuto dal Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) come “Percorso per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO)” e dalla Commissione Europea come “la più efficace strategia di lungo periodo per la crescita e l’occupabilità dei giovani”, in 17 anni ha coinvolto oltre 100mila studenti italiani, 400mila all’anno in tutta Europa. In Lombardia, Impresa in azione è sviluppato grazie al contributo di: Bergamo Sviluppo, CCIAA Bergamo, CCIAA Brescia, PromoImpresa Mantova, ABB, Accenture, BNY Mellon, Campari Group, CITI Foundation, Coca-Cola HBC Italia, Credit Suisse, EY, Fondazione Coca-Cola HBC Italia, HP, Invitalia, ItaliaCamp, ManpowerGroup, MUFG Bank, Pirelli, Operazione Risorgimento Digitale di TIM, The Walt Disney Company Italia, Tree, Unioncamere e Zurich.

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia