Ne è valsa la pena!

La bellissima foto di Mirko Pizzaballa che ha immortalato la cometa Neowise sopra Bergamo

Il fotografo, per la seconda notte di fila, si è appostato nella speranza di vederla e fotografarla. E ce l'ha fatta. Al momento, per osservarla a occhio nudo bisogna fare delle levatacce, ma dall'11 luglio si potrà attendere anche il tramonto

La bellissima foto di Mirko Pizzaballa che ha immortalato la cometa Neowise sopra Bergamo
Bergamo, 09 Luglio 2020 ore 12:46

Del suo passaggio nei nostri cieli ne abbiamo scritto qualche giorno fa (QUI), ma c’è chi è riuscito a immortalare il passaggio della cometa Neowise sopra la Bergamasca. Merito della caparbietà e del talento fotografico di Mirko Pizzaballa, che alle 3.15 di oggi (9 luglio) è riuscito a fotografarla e ha poi postato lo scatto sul proprio profilo Facebook, raccogliendo like e complimenti (meritatissimi).

Ore 3:15 sveglia per la seconda notte di fila, questa volta il cielo è sereno, mi sposto nei campi per avere una visuale…

Pubblicato da Mirko Pizzaballa su Mercoledì 8 luglio 2020

«Ore 3:15, sveglia per la seconda notte di fila – scrive Mirko -, questa volta il cielo è sereno, mi sposto nei campi per avere una visuale migliore ma purtroppo l’inquinamento luminoso è tanto e si vedono poche stelle. Scatto un paio di foto ed eccola apparire la cometa Neowise, che spettacolo. Sarà una palla di neve sporca ma ha sempre il suo fascino!».

Neowise è stata scoperta il 27 marzo scorso dall’omonimo telescopio spaziale orbitante a bordo di una sonda lanciata dalla Nasa proprio per andare a caccia di comete e asteroidi. Attorno al 22 luglio raggiungerà la minima distanza dalla Terra, ma già in questi giorni è perfettamente visibile (tempo e inquinamento luminoso permettendo). L’unico problema sono le levatacce necessarie per godere del suo spettacolo, perché al momento il suo transito la sovrappone grosso modo alla costellazione dell’Auriga, che sorge poco prima dell’alba a Nord-Est. La potrete dunque vedere finché il Sole non farà capolino sull’orizzonte, “spegnendo” con la sua luce tutto il manto stellato.

Fortunatamente, non c’è solo la via della levataccia. Sostanzialmente, come tutti gli oggetti celesti che si trovano sulla mappa celeste non lontani dal Sole, si possono vedere all’alba ma anche al tramonto. È il caso di Venere, per esempio. Con Neowise funziona allo stesso modo: fra qualche giorno (dall’11 luglio) sarà visibile anche al tramonto, prima di eclissarsi dietro l’orizzonte.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia