Solidarietà oltre la pandemia

Gli Alpini regalano uova di cioccolato ai bambini delle materne della Val Gandino

Penne nere in azione a Cazzano Sant'Andrea e Leffe per regalare un sorriso ai piccoli. Per la Cerioli del comune laniero ritiro in sicurezza, a Cazzano consegna a domicilio

Gli Alpini regalano uova di cioccolato ai bambini delle materne della Val Gandino
Pensare positivo Val Seriana, 27 Marzo 2021 ore 16:50

di Giambattista Gherardi

Non è certo la pandemia con le relative restrizioni a poter fermare il cuore infinito degli Alpini. Nell’anno in cui la sezione di Bergamo dell’Associazione Nazionale Alpini festeggia il Centenario di fondazione, le Penne Nere hanno promosso in Val Gandino la consegna di uova pasquali ai bambini delle scuole materne.

Naturalmente, tutto è stato predisposto secondo le norme legate al Covid-19, con qualche alpino che non ha trattenuto la commozione sotto la mascherina d’ordinanza nel vedere la gioia spontanea di tanti bambini costretti dalla zona rossa a rinunciare anche all’attività scolastica.

La consegna delle uova pasquali degli Alpini a Leffe

A Leffe i bambini della Scuola Materna Cerioli hanno ritirato l’uovo senza contatti diretti, mentre a Cazzano Sant'Andrea i volontari del gruppo locale hanno consegnato le uova a domicilio a tutti i bambini della materna parrocchiale. In quest’ultimo caso, le uova hanno, da diversi anni, lo scopo di sostenere l’attività dell’associazione Maria Letizia Verga contro la leucemia.

I cinque Gruppi Alpini della Zona 15 Valgandino (coordinatore Giovan Battista Colombi) comprendono, complessivamente (dati 2020), 449 alpini e 121 “amici degli Alpini”. Nel dettaglio: Casnigo 73 alpini e 18 amici; Cazzano Sant'Andrea 37 alpini e 16 amici; Gandino 224 alpini e 41 amici; Leffe 62 alpini e 20 amici; Peia 53 alpini e 26 amici.

Il primo a essere fondato fu il Gruppo di Leffe (1928), seguito da Gandino (1932), Peia (1956), Casnigo (1958) e Cazzano Sant'Andrea (1961). Il gruppo di Gandino è fra i pochi (cinque in tutta la provincia) a superare i duecento Alpini iscritti. Condivide questo “primato” con Zogno (273), Alzano Lombardo (286), Clusone (221) e Calolziocorte (211).