Era di Brignano

La sottoscrizione in sostegno della famiglia di Claudio Polzoni, carabiniere ucciso dal virus

A soli 46 anni, un mese fa è stato portato via dal Covid. Lascia una moglie e una figlia di dieci anni. La raccolta fondi, lanciata dai suoi colleghi, ha superato i novemila euro

La sottoscrizione in sostegno della famiglia di Claudio Polzoni, carabiniere ucciso dal virus
23 Aprile 2020 ore 11:33

Aveva soltanto 46 anni, Claudio Polzoni. In servizio alla Centrale operativa del Comando provinciale di Bergamo, è morto la sera di giovedì 19 marzo dopo essere stato ricoverato una settimana a causa del Coronavirus. Viveva con la moglie Cristina e la figlia di dieci anni a Brignano Gera d’Adda, dove tanti lo conoscevano e ne ricordano soprattutto la cordialità e il sorriso. Era uno degli operatori del 112 in servizio alla Centrale di via delle Valli a Bergamo.

Nei giorni successivi al decesso, il maresciallo Mamilio Farinetti e l’Associazione Nazionale Carabinieri hanno avviato una sottoscrizione per sostenere in maniera concreta la famiglia di Polzoni, che è stato il primo militare deceduto per Coronavirus nella Bergamasca. Un gesto di solidarietà e vicinanza non solo simbolico. In poco più di un mese, sono stati raccolti oltre novemila euro. Come rivela Bergamonews, l’ultima donazione in ordine di tempo è stata fatta dai soci dell’associazione nazionale Carabinieri Media Valseriana per un valore di circa seicento euro.

Chi volesse partecipare alla sottoscrizione, può cliccare QUI e procedere. Non serve avere per forza un conto Paypal, si può procedere anche con carta di credito.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia