L'amore di Andrea e Isabella

Le chiede la mano in campo dopo la sua ultima partita

Le chiede la mano in campo dopo la sua ultima partita
Pensare positivo 16 Maggio 2017 ore 07:00

L’ultima partita della carriera dopo una stagione praticamente perfetta. Per Andrea Belometti, portiere della Pro Palazzolo classe 1991 residente a Palosco, non poteva esserci un momento migliore per chiedere alla sua dolce metà, Isabella Vavassori, di sposarlo. Domenica 30 aprile, al termine della gara disputata al campo sportivo di Palazzolo, Andrea si è inginocchiato davanti a Isabella (classe 1995 anche lei di Palosco) e le ha chiesto senza alcuna paura e titubanza «Mi vuoi sposare?». La domanda che precede il momento più importante nella vita di una coppia. Il matrimonio. La ragazza, arrivata al centro del campo insieme a loro figlio Daniel, 2 anni, ha risposto «sì», anche se visibilmente imbarazzata ed emozionata allo stesso tempo per la proposta ricevuta davanti a centinaia di persone. Dietro di loro, invece, i compagni della Pro che hanno esultato come se avessero vinto la finale di Champions League. «Era da circa un mese che ci stavo pensando, che questa idea mi girava per la testa - ha spiegato Andrea, che lavora in un’azienda di tornitura di materiali plastici - Poi, qualche giorno fa ho parlato con i compagni, con il mister e con il presidente. E’ stato fantastico l’appoggio che mi hanno dato. Mi hanno dato coraggio e una volta in mezzo al campo non ho avuto la minima esitazione. Ne è valsa sicuramente la pena. Era tutto perfetto: i compagni, le nostre famiglie sugli spalti e la cornice». I giocatori della Pro hanno convinto Isabella ad andare in mezzo al campo con Daniel per la foto di rito con tutte le famiglie. «Ho creduto alla versione dei ragazzi fino a quando non ho visto Andrea in ginocchio - ha continuato Isabella - Ero molto emozionata e imbarazzata. Mi sono anche commossa. Ma ora posso dire di essere estremamente contenta».

 

 

La storia di Andrea e Isabella. Entrambi giovanissimi, Andrea e Isabella con l’arrivo del loro piccolo hanno dovuto cambiare vita, ma anche testa e mentalità. Insomma, si sono assunti fino in fondo le proprie responsabilità andando a vivere insieme. La scelta migliore per crescere Daniel. E anche ora Andrea, con la decisione di rinunciare al calcio per la famiglia, ha dimostrato profonda maturità.  «Io e Isabella siamo entrambi di Palosco e abbiamo studiato a Palazzolo: io ho frequentato l’Itis, lei l’Ips - ha concluso il portiere della Pro - Quando lei è rimasta incinta ci frequentavamo da pochi mesi e siamo andati a vivere insieme facendo le cose di fretta. Mancava soltanto la proposta. Prima di compiere questo gesto mi sono confrontato con sua sorella, avevo bisogno di qualche consiglio». I due sicuramente si sposeranno a Palosco, anche se la data non è stata ancora fissata. Una cosa alla volta. E magari ci saranno altre sorprese.