Pensare positivo
Sedicesima edizione

Lilliput, villaggio creativo per piccoli che ormai è diventato un gigante

Lilliput, villaggio creativo per piccoli che ormai è diventato un gigante
Pensare positivo 06 Aprile 2019 ore 05:00

Si potrebbe chiamare Brobdingnag, dal nome della terra dei giganti di Gulliver, per quanto è cresciuto. Ma è impronunciabile. La sedicesima edizione di Lilliput, salone educativo per l’infanzia di Promoberg, da oggi a domenica porta alla Fiera di Bergamo il top del settore. Oltre cinquecento i professionisti dell’educazione e dello spettacolo chiamati a raccolta, ottanta gli spazi ludico-educativi (info www.villaggiolilliput.it). E i più piccoli possono confrontarsi con l’ambulanza e l’elicottero del pronto intervento, le unità cinofile della protezione civile, le dimostrazioni della polizia di Stato, dei vigili del fuoco, dei carabinieri all’interno di «Emergenzopoli».

8 foto Sfoglia la gallery

Molto affollata anche l’area per far conoscere molteplici discipline sportive. Il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (Coni) di Bergamo è presente con uno spazio istituzionale per coordinare le tante attività delle varie dederazioni presenti. Dal calcio (Atalanta e Virescit) al rugby, dal football americano alle arti marziali, passando per pallavolo, scherma, danza, atletica, bocce, arrampicata, cheerleading… e tantissimo altro ancora.
L’area laboratoriale didattica, invece, vede in azione enti, istituzioni, associazioni, musei e tutte quelle realtà che offrono attività e laboratori di natura didattica e che operano stabilmente e concretamente nel mondo della scuola con progetti qualificati all’insegna della pedagogia attiva, tra sperimentazione, manipolazione, arte, alimentazione, musica, ecologia, creatività, pet therapy, natura, multimedialità, scienze e tecnica e molto altro ancora. C’è anche l’Associazione panificatori artigiani di Bergamo (Aspan), con area dotata di apposite attrezzature e di forno di cottura per mostrare l’intero ciclo produttivo del pane (con ghiotte degustazioni). E la direzione artistica è saldamente nelle mani di Oreste Castagna, poliedrico attore protagonista della tv dei bambini e dei ragazzi della Rai.