Menu
Cerca
idee regalo

Nasce "Olpenserì", la piattaforma per donare gift card da spendere nei negozi della Alta Val Seriana

Le carte regalo personalizzabili si potranno acquistare dal 15 dicembre al 30 gennaio sul sito www.olpenserì.com e possono essere spese in qualsiasi attività commerciale segnalata dalla piattaforma

Nasce "Olpenserì", la piattaforma per donare gift card da spendere nei negozi della Alta Val Seriana
Pensare positivo Val Seriana, 05 Dicembre 2020 ore 11:17

Si chiama "Olpenserì" ed è la piattaforma di buoni regalo promossa dal Distretto del commercio Alta Val Seriana-Clusone, Ascom, Promoserio e Associazione CluSù per supportare gli esercenti valligiani in vista del Natale. In particolare, l'associazione CluSù è formata da ragazzi di Clusone che a marzo, nei primi giorni del lockdown, hanno dato vita alla piattaforma omonima consentendo l'acquisto di buoni utili a dare liquidità alle imprese e garantire loro di coprire le spese nel periodo delle chiusure.

Le gift card sono acquistabili dal 15 dicembre al 30 gennaio sul sito www.olpenseri.it e possono essere spese in qualsiasi attività commerciale che aderirà all’iniziativa, presenti sulla piattaforma. Ogni carta regalo è personalizzabile sia per quanto riguarda l’importo spendibile sia per quanto riguarda l’aspetto grafico. Chi riceverà in regalo il buono avrà tempo fino al 30 gennaio per utilizzarlo.

«L'obiettivo di questa iniziativa - spiega Michele Lazzaretti, presidente del Distretto - è di dare una mano concreta al commercio locale, in un momento critico come quello che stiamo vivendo. In questo modo diamo alle nostre attività una carta in più da giocare, augurandoci di incentivare l'acquisto di regali sul territorio piuttosto che nei grandi centri commerciali o su internet. Ci auguriamo di coinvolgere tutti i comuni del Distretto (Clusone, Fino del Monte, Rovetta, Onore, Songavazzo, Piario, Ponte Nossa, Parre e Gorno) in questa iniziativa, perchè la collaborazione tra piccole realtà, come sono i nostri comuni, possa dare effetti reali e significativi».