Pensare positivo
Playoff di Serie A2

Olimpia, ora la finale è più vicina Battuta Cantù in gara-1 delle semi

Olimpia, ora la finale è più vicina Battuta Cantù in gara-1 delle semi
Pensare positivo 19 Aprile 2019 ore 10:31

Il primo atto della semifinale va all’Olimpia Bergamo, che supera in rimonta la Pool Libertas Cantù e compie un piccolo passo in avanti verso la finalissima. Dopo aver perso ai vantaggi il set d’apertura, la formazione guidata da Alessandro Spanakis trova le energie per ribaltare la situazione e far suo il match con un triplo 25-22. La prima frazione di gioco va a premiare una caparbia Cantù - schierata con Baratti e Alberini ad alternarsi in palleggio, Santangelo opposto, Monguzzi e Robbiati al centro, Cominetti e Preti in posto quattro e Butti libero -, maggiormente incisiva in attacco (58% contro il 41% dei bergamaschi) e molto più concreta in fase difensiva rispetto a un’Olimpia che paga il tardivo ingresso di Romanò (12%, 1 su 8 in attacco). Ciò nonostante, la formazione di Spanakis riesce a colmare il pesante gap (12-18) stampando la parità sul 22-22, ma la miglior efficacia dei centrali fa sì che Robbiati vada a chiudere sul 24-26.

8 foto Sfoglia la gallery

Ma dal secondo set la musica cambia completamente, con l’Olimpia che migliora la propria qualità di ricezione e, parallelamente, innalza anche la percentuale offensiva pareggiando il 58% canturino. Ne scaturiscono pertanto una seconda frazione in cui a far la differenza è qualche errore di troppo nella prima fase del parziale, con i bergamaschi abili ad acquisire un piccolo gruzzoletto (8-5) e gestirlo fino al 25-22 (7 punti e 70% per Shavrak) giunto a causa del cartellino rosso sventolato dal primo arbitro Prati all’indirizzo di un giocatore della Libertas; e una terza fotocopia in cui Bergamo va ancora sull’8-5 e conserva il gap fino al 25-22 mantenendo un ottimo rendimento in fase offensiva (60%) e sfruttando un drastico crollo della ricezione di Cantù (5% di perfette).

 

 

Completamente diverso invece l’andazzo del quarto set. Complice una posta in palio sempre più alta, Cantù non molla e dà vita a una serratissima lotta punto a punto contro un Olimpia - in campo dall’inizio con Garnica in cabina di regia, Romanò opposto, Erati e Cargioli al centro, Shavrak e Tiozzo schiacciatori-ricevitori e Innocenti libero -, che prova a scappare ma viene sempre ripresa dalla banda di Cominetti. Fino al 20-20 vince l’equilibrio, poi due ace di Romanò proiettano l’Olimpia sul 22-20, una murata di Tiozzo su Santangelo vale il 24-21, mentre l’errore dai nove metri dell’opposto canturino consegna il successo a Bergamo. A Pasquetta, al PalaParini di Cantù (ore 18), andrà in scena il secondo atto: con un’altra vittoria l’Olimpia strapperebbe il pass per la finalissima contro la vincente del duello fra Piacenza e Spoleto.

 

Olimpia Bergamo-Pool Libertas Cantù 3-1
(24-26, 25-22, 25-22, 25-22)

Olimpia Bergamo: Garnica 1, Tiozzo 12, Cargioli 8, Romanò 11, Shavrak 17, Erati 8, Innocenti (L), Sette 2, Gritti 1, Cristofaletti. Non entrati: Marzorati, Cioffi, Franzoni (L), Cogliati. Allenatore: Spanakis.

Pool Libertas Cantù: Baratti 1, R. Cominetti 10, Monguzzi 11, Santangelo 21, Preti 16, Robbiati 10, Butti (L), Alberini. Non entrati: Suraci, Rudi (L), Danielli, Frattini, Gasparini, Pellegrinelli. Allenatore: L. Cominetti.

Arbitri: Davide Prati e Angelo Santoro.

Durata set: 33’, 34’, 33’, 31’. Totale 131’.

Note: spettatori 1400 circa. Note 5-7, aces 3-5, errori in battuta 12-24.