Bel gesto

Volontari Presolana, in dono arriva l’ammiraglia: ambulanza speciale per malati infettivi

Grazie a due imprenditori è arrivata a Castione una delle prime ambulanze destinate al trasporto specifico di malati infettivi

Volontari Presolana, in dono arriva l’ammiraglia: ambulanza speciale per malati infettivi
Pensare positivo Val Seriana, 06 Marzo 2021 ore 17:12

di Giambattista Gherardi

Un dono particolarmente prezioso e apprezzato, idealmente condiviso con l’intera comunità. Il Corpo Volontari Presolana ha presentato venerdì 7 marzo a Castione la nuova ambulanza che entrerà da subito a far parte della dotazione di mezzi del gruppo, nato nel 1981. Allora, ad avviare un’iniziativa che raccoglie decine e decine di volontari di ogni età, fu il Gruppo Alpini Presolana, che decise si acquistare un’autolettiga, dotando la Conca della Presolana di un servizio di emergenza e decidendo di fondare un’associazione di pubblica assistenza.

Da ormai dieci anni è presieduta da Fulvio Canova, che coordina le diverse squadre ma anche le attività che legano il gruppo a Baita Malga Campo, Baita Pozzetto e Malga Cornetto Bassa, dove i Volontari Presolana hanno installato colonnine di ricarica e-bike e defibrillatori, creando così uno fra i primi “sentieri cardioprotetti” d’Europa, in collaborazione con Promoserio e Comune di Castione della Presolana.

Proprio in Municipio è stata presentata la nuova ambulanza alla presenza del sindaco Angelo Migliorati. «Si tratta – spiega Migliorati - di una delle prime ambulanze in Italia per il trasporto di malati infettivi, con una tecnologia apposita che sanifica di continuo l’intera l'ambulanza, permettendo il trasporto degli ammalati in assoluta sicurezza per gli operatori sanitari e l'ammalato stesso».

La nuova ambulanza diventa così una vera e propria ammiraglia per il Corpo Volontari Presolana: è stata donata da Paolo e Bruna, due imprenditori particolarmente legati all’Altopiano dove già hanno mostrato concreta vicinanza, come il padre, alle iniziativa di solidarietà e promozione del Comune e della Parrocchia. Agli offerenti è stata dedicata una scritta ad hoc sul nuovo mezzo, segno della gratitudine infinita dell’intera popolazione.