Trofeo Bortolotti vinto per 3-2

Berlino dice: pronti per il Sarajevo L'Atalanta batte l'Herta e convince

Berlino dice: pronti per il Sarajevo L'Atalanta batte l'Herta e convince
Personaggi 23 Luglio 2018 ore 05:00

Si chiude con una vittoria per 3-2 contro i tedeschi dell’Herta Berlino il precampionato della Dea e, nonostante ci sia qualcosa da registrare a livello difensivo, l’impressione generale è che la squadra sia pronta per affrontare l’esordio ufficiale in Europa League di giovedì contro il Sarajevo. Tra i nerazzurri, ottima prova di Gomez (mette lo zampino in tutte e tre le reti), ma anche Barrow, Toloi e Masiello hanno dimostrato di essere in buona condizione.

Scelte di formazione quasi obbligate per mister Gasperini. In difesa, senza Palomino acciaccato, tocca a Mancini il ruolo di vice Caldara, con Toloi e Masiello (in porta Berisha) mentre in mezzo viene confermata la coppia Valzania–de Roon, con Gosens e Castagne esterni. In avanti, Ilicic è il centravanti con Barrow largo a destra e Gomez sulla sinistra, mentre si siede in panchina il nuovo acquisto Zapata. Buona cornice di pubblico nonostante il periodo estivo, quasi 7.400 gli spettatori, con una rappresentanza di almeno 150 tedeschi nel settore ospiti.

 

 

La fresca serata orobica inizia con un bel destro di de Roon che sfrutta un rimpallo e manda alto da buona posizione (12’). Al 18’ il Papu Gomez mette sulla testa di Mancini un pallone con il contagiri che va alto di poco e, al 23’, è la coppia difensiva Toloi–Masiello a sfiorare la rete con un doppio colpo di testa che finisce alto sopra la traversa. Dopo alcune buone iniziative della Dea, i tedeschi dell’Herta Berlino mettono il naso fuori dall’area di rigore e al 26’ trovano il vantaggio con Rekik che anticipa de Roon e Mancini, e di testa supera Berisha.

Il vantaggio degli ospiti sveglia la Dea, Ilicic si sposta in posizione di suggeritore dietro Barrow e il gambiano al 30’ avvia e conclude l’azione del pareggio: tocco per Gosens che smarca Gomez, palla di ritorno del numero 10 argentino per il centravanti gambiano che da dentro l’area insacca sul palo lontano senza che Kraft possa intervenire. Al 33’ il Papu cerca il raddoppio con un destro a colpo sicuro in corsa che viene rimpallato, ma il 2-1 è solo rimandato di pochi istanti: tiro dalla bandierina di Gomez, zuccata poderosa di Mancini e palla all’incrocio dei pali.

 

 

L’Herta al 40’ mette ancora in difficoltà Berisha con un tiro cross di Mittelstadt che finisce sul palo lungo, l’ultima emozione di un primo tempo comunque piacevole è firmata Ilicic, con un calcio di punizione che sfiora l’incrocio dei pali (44’) e si spegne sul fondo. Il primo tempo dei nerazzurri è interessante, la struttura fisica dei tedeschi rende il test ancora più probante, ma la Dea risponde presente senza grandi problemi e mostrando anche tratti un bel gioco.

Dopo il riposo, l’Herta trova subito il gol del pareggio con Dilrosun che, appena entrato, in campo scappa via sulla destra e con un esterno preciso sul secondo palo sigla il 2-2 (1’st). L’Atalanta sembra un po’ spiazzata dal piglio dei tedeschi, ma al 10’st ci pensa ancora il Papu Gomez a togliere le castagne dal fuoco a Gasperini: azione personale al limite, sterzata secca sul sinistro appena dentro l’area e fallo netto di Stark che induce Mazzoleni ad assegnare il calcio di rigore ai nerazzurri. Dal dischetto, Ilicic non sbaglia e insacca con freddezza alla destra di Kraft.

 

 

Tra il 20’st e il 30’st si registrano un’uscita a vuoto di Berisha, un bel destro di Toloi che passa una spanna sopra la traversa e un diagonale interessante di Esswein. Gasperini al 39’st manda in campo tutti i giocatori di movimento a disposizione e nel finale c’è spazio per un violento sinistro di Tumminello (46’st) che Kraft mette in angolo. Al fischio finale di Mazzoleni l’Atalanta conquista il XXIV Trofeo Bortolotti, la prestazione è positiva e in vista dell’esordio in Europa League di giovedì la fiducia è massima: qualcosa in difesa va registrato, ma come al solito i nerazzurri creano parecchie occasioni da rete e arrivano al tiro con giocatori diversi.

 

 

Atalanta – Herta Berlino 3-2

Reti: 26’ Rekik (H), 30’ Barrow (A), 34’ Mancini (A), 1’st Dilrosun (H), 11’st Rig. Ilicic (A)

Atalanta (3-4-3): Berisha (21’st Gollini), Toloi, Mancini (39’st Djimsiti), Masiello, Castagne (31’st Hateboer), de Roon (39’st Haas), Valzania (21’st Pessina), Gosens (31’st Reca), Ilicic (39’st D’Alessandro), Barrow (21’st Zapata), Gomez (39’st Tumminello). All. Gasperini

Herta Berlino (3-4-1-2): Kraft, Klunter, Rekik, Stark, Mittelstadt, Dardai, Maier, Lustenberger, Lazaro, Duda, Ibisevic. All. Dardai

Ammoniti: 7’st Stark (H)