Cheerleader del New Jersey

Diciottenne fa causa ai genitori per essere mantenuta (e perde)

Diciottenne fa causa ai genitori per essere mantenuta (e perde)
27 Agosto 2014 ore 15:18

Rachel Canning, una diciottenne americana, ha intentato causa ai genitori, chiedendo che pagassero il suo mantenimento e le tasse scolastiche. La ragazza aveva lasciato la casa della famiglia, dopo che si era rifiutata di sottostare alle regole domestiche e al divieto di rivedere il suo ragazzo, Lucas Kitzmiller – che il 20 luglio l’ha attaccata in strada. Il Daily Mail ha raccontato la sua storia e noi ve l’abbiamo tradotta.

 

La cheerleader che ha fatto causa ai genitori e che ha affermato di essere stata quasi strozzata dal suo ex fidanzato in un violento incidente domestico ha raggiunto un accordo per lasciare cadere le ingiunzioni restrittive.

Rachel Canning, 18 anni, ha affermato che Lucas Kitzmiller, 18 anni, l’ha assalita in strada domenica 20 luglio, prima che salisse in macchina e andasse dalla polizia.
Entrambi i ragazzi hanno emesso temporanee ingiunzioni restrittive l’una contro l’altro, in seguito al supposto incidente. Una sentenza della corte è attesa per la fine del mese.
Entrambi si sono dichiarati d’accordo di lasciare cadere le reciproche accuse per mantenere puliti i profili personali, in vista del college.
Canning ha fatto scalpore all’inizio di quest’anno, quando ha citato in causa i suoi genitori, per pagarle il mantenimento e le tasse scolastiche, dopo che se ne è andata dalla casa dei suoi genitori, nel New Jersey.
Le avevano detto di smettere di uscire con Kitzmiller, ma aveva rifiutato.

 

6 agosto – Joel Christie

Una cheerleader del New Jersey che ha citato in giudizio i suoi genitori per il suo mantenimento e il pagamento delle rette scolastiche ha accettato di lasciare cadere la causa.
Rachel Canning, di diciott’anni, si è presentata martedì nel tribunale a Morristown e ha dichiarato di avere deciso di rinunciare alla denuncia contro i suoi genitori, Elizabeth e Sean Canning.
Il giudice della Divisione Familiare Peter Bogaard ha decretato che la decisione della ragazza di far cadere la contesa «è stata consapevole e volontaria», e ha ordinato che il caso venisse archiviato, ha informato lo Star-Ledger.

Rachel è andata via dalla casa dei genitori in Lincoln Park durante gli ultimi giorni di ottobre, dopo che si sono rifiutati di pagare le sue spese, se rifiutava di accettare le regole di casa e se rifiutava di lasciare il suo ragazzo.
Nella sua causa, Rachel ha chiesto il mantenimento, il pagamento delle tasse scolastiche e del college e il pagamento delle sue spese legali.
Ma la scorsa settimana, la ragazza è tornata a casa con la coda in mezzo alle gambe, dopo che il giudice ha disapprovato le sue richieste, ed è stata fotografa fuori dalla casa con i suoi genitori.
Qualche ora dopo essere tornata a casa, l’avvocato di Rachel ha chiesto un custode legale nominato dalla Corte per la ragazza – richiesta che è stata prontamente negata.

Sebbene Canning sia andata in tribunale sperando di umiliare i suoi genitori, facendoli pagare il suo mantenimento dopo averla cacciata di casa, perché disubbidiente alle loro regole, è stata lei ad avere sostenuto il peso delle critiche – sia da parte degli avvocati dei suoi genitori che da parte dello stesso giudice.
«Avete mai conosciuto una così spudorata irriverenza nei confronti di un genitore? Io non la vedo nella mia casa», ha detto il giudice Petere Bogaard all’udienza di due settimane fa.
Ha anche fatto notare che deve considerare il terreno scivoloso su cui ci si avventura quando «concediamo a un dodicenne di fare causa per una Xbox, a un tredicenne di fare causa per un iPhone… e cosa dire di una quindicenne che chiede una TV da 60 pollici?»

 

4 foto Sfoglia la gallery

La scorsa settimana, l’avvocato che rappresenta i genitori di Rachel ha tenuto una conferenza stampa, confermando che la famiglia è stata riunita, ma che non avrebbe detto che cosa abbia scatenano la riappacificazione. «È un lungo processo, è solo l’inizio» ha detto Angelo Sarno, secondo il Daily Record. «È una questione privata. Non avrebbe mai dovuto essere portato all’attenzione della corte. Non avrebbe mai dovuto essere portato al pubblico».Ha aggiunto: «è una vecchia storia, è finita … Questa è una situazione felice».

In sconcertanti documenti legali sottoposti alla corte durante lo svolgimento del processo, la brillante studentessa ha affermato che il comportamento dei suoi genitori ha contribuito a farle sviluppare un disordine alimentare a una giovane età e ha visto il suo peso calare drasticamente. Ha anche detto che suo padre nutre per lei un “affetto inappropriato”. Ha anche argomentato che, poiché i suoi genitori hanno un’entrata annuale tra i 250 mila e i 300 mila dollari, aveva il diritto di ricevere 654 dollari a settimana per il suo mantenimento. I suoi genitori si sono anche rifiutati di pagare 6 mila dollari per le tasse scolastiche della Catholic High School (una scuola privata, ndt). Un’inchiesta condotta dal Dipartimento dei Bambini e delle Famiglie ha sollevato il signor Canning da qualsiasi accusa di abuso, mentre i genitori di Rachel facevano notare che un ufficiale assegnato al caso è giunto alla conclusione che la ragazza è stata soltanto viziata.

4 foto Sfoglia la gallery

I suoi genitori hanno detto che la figlia è scappata da casa per andare a stare con degli amici quando ha compiuto 18 anni, perché rifiutava di aderire alle regole che hanno stabilito, inclusa l’ingiunzione di smettere di uscire con il suo ragazzo. Il giudice ha chiaramente disapprovato la causa. Ha detto: «che razza di genitori sarebbero i Cannings, se non cercassero di stabilire delle regole rigide?».

«Non sto cercando di mettermi nei panni di nessuno, lui (il padre Sean) sta cercando di crescere una figlia. Mi sono chiare tutte le qualità positive che evidentemente Rachel possiede, in termini di attività sportiva e accademica, ma non intendo intromettermi nei metodi con cui un padre cerca di mettere sua figlia sulla strada giusta, nel momento in cui sta evidentemente uscendo dal binario, per usare un eufemismo».

Durante le udienze, si è scoperto che la ragazza ha precedentemente minacciato di intentare causa a un insegnante per averla espulsa dal ballo del raduno scolastico, perché pensava che fosse ubriaca.
Il giudice Peter Bogaard ha anche letto un messaggio vocale offensivo e violento che Rachel ha inviato a sua madre. La controversa battaglia legale di Rachel è stata finanziata dal padre della sua migliore amica, l’avvocato milionario Jon Inglesino. I Cannings hanno sostenuto che ha incoraggiato il comportamento della figlia.

 

 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia