Menu
Cerca
chi c'era alla serata di Gala

Le speranze in tribuna vip (sognando almeno un pareggio)

Le speranze in tribuna vip (sognando almeno un pareggio)
Personaggi 28 Settembre 2014 ore 11:19

E’ la serata di gala per eccellenza. Bergamo e il suo vecchio Comunale riempito in ogni ordine di posto ospitano la Vecchia signora bianconera, prima in classifica da ormai più di tre campionati. E a un galà che si rispetti ci sono tutti, o quasi. Tra i vip che presidiano la tribuna centrale l’unica assente è la Giuliana che sarà intenta a fare felici un bel po’ di clienti nella sua storica e mitica trattoria in Via Broseta.

I tre sindaci.

Ci sono tutti gli ultimi primi cittadini di Bergamo. Giorgio Gori, presa posizione nel suo seggiolino in tribuna autorità, dispensa sorrisi ed ottimismo. E’ sereno e ci crede. “Stasera facciamo 1-1, segna Boakye”. Anche il figlio Alessandro è ottimista come il papà: “Si, anche secondo me finisce 1-1, ma segna Denis: non ce l’ho al Fantacalcio, (anche se l’avrei voluto comprare), ma è il nostro bomber e ha bisogno di sbloccarsi”. Manco si fossero messi d’accordo con l’ex sindaco di centrosinistra (dal 2004 al 2009) Roberto Bruni che, arrivando insieme a Giacomo Randazzo, ex storico dirigente nerazzurro, afferma: “Sa cosa le dico? Mi piacerebbe un bell’1-1 stasera e spero tanto segni Denis”. Tentorio, che ha guidato Bergamo prima di Gori, è invece un po’ più cauto: “Oggi la vedo dura, siamo inferiori e non penso riusciremo a strappare punti alla Juve. Ma io spero nella matematica: sono 13 anni che non battiamo i bianconeri e, per la legge dei grandi numeri, questa potrebbe essere la volta buona”. Poi, a fine primo tempo, quando l’Atalanta è già sotto, e i visi dei vip sono un po’ meno sorridenti che a inizio partita, l’ex primo cittadino scherza: “Stasera sono qui senza mia moglie (sampdoriana doc), ma le svelo un aneddoto: qualche anno fa la Samp vinceva 2-0 alla fine del primo tempo e le ho detto: “Se mi ami davvero, ci fai almeno pareggiare: vincemmo 3-2, magari anche questa volta ci scappa un bel risultato”.

4 foto Sfoglia la gallery

Sindaci, ma non solo.

C’è anche la soubrette Aynette Stephens, fisico statuario e compagna di Nicola Radici. “Io, a dire la verità, tifo Juve. Però l’Atalanta è la squadra di Nicola, speriamo in un pareggio”. Al galà partecipano anche i rappresentanti della pubblica sicurezza. C’è il questore, Dino Finolli, accompagnato dal cognato e dalla moglie (juventini, a quanto trapela) e il comandante dei vigli del fuoco, Agatino Carrolo, che dice: “Abbiamo fatto di tutto perché la partita si possa svolgere nel massimo della sicurezza: ora speriamo solo di vedere un bel match”. In tribuna ci sono anche ex giocatori e altri vip. Il mitico portierone Gigi Pizzaballa, che ha una mano infortunata (la destra, “quella con cui ho parato di tutto difendendo per anni la porta atalantina”) sprizza ottimismo: “Stasera buchiamo Buffon” e alle sue parole fanno eco quelle dell’economista Pino Roma: “Vedo una Juve meno cattiva degli altri anni, speriamo in un pareggio”. Il dottor Amedeo Amadeo si allinea: “Si, possiamo farcela contro questa Juve: già nel riscaldamento l’ho vista meno affamata rispetto a quella di Conte”. Marino Lazzarini con la moglie Rita, seduto come al solito a fianco dell’amico Isidoro Fratus, prima del fischio d’inizio afferma invece con più realismo: “E’ come se avessi due anime: quella della realtà, che mi fa pensare che usciremo senza punti contro una Juventus a mio modo di vedere fortissima, e quella invece del tifoso che spera fortemente nel miracolo”. Ma i miracoli, si sa, capitano di rado.

8 foto Sfoglia la gallery

Gol sbagliato, gol subìto

Chi invece si divertirà e non assisterà (ahinoi) ad alcun miracolo nerazzurro sono soprattutto i dirigenti bianconeri Marotta e Nedved che arrivano in tribuna vip all’ultimo. L’ex direttore sportivo dell’Atalanta ai tempi di Ruggeri saluta tutti con affetto e abbraccia qualche collega nerazzurro. Nedved, la “furia ceca” juventina, sale in tribuna con passo spedito e con la chioma bionda sempre fluente: sarebbe ancora un grande furetto in mezzo al campo e in zona gol. I gol, quelli che gli juventini si godono portano la firma di Tevez e la prima rete stagionale di Morata.

La serata di gala si chiude. I volti dei vip e tifosi atalantini esprimono un filo di amarezza, soprattutto per il bomber, il Tanque Denis, che non riesce a sbloccarsi e a buttarla dentro, nonostante la ghiotta occasione del rigore. Ma c’è comunque la consapevolezza di avere una buona squadra e ci consola pensando che con la Juventus era davvero dura e che solo un mezzo miracolo avrebbe potuto regalarci dei punti. La famiglia Percassi, presente al gran completo, vive con grande partecipazione i 90 minuti. Da Cristina, moglie di Luca Percassi con in braccio uno dei figli, a fine partita arriva un commento che sintetizza al meglio l’andamento del match : “Gol sbagliato, gol subìto: lo dice sempre anche Luca e, purtroppo, è successo”. Ma a Genova, con la Sampdoria – si spera -, sarà tutta un’altra storia.

4 foto Sfoglia la gallery
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli