Lo studio di Counterpoint

iPhone 5S il più venduto al mondo: e a settembre arriva il modello “6”

iPhone 5S il più venduto al mondo: e a settembre arriva il modello “6”
24 Luglio 2014 ore 10:30

Apple comanda, ancora. Da uno studio relativo a maggio 2014 di Counterpoint, società impegnata nelle ricerche di mercato nell’ambito tecnologico, emerge come l’iPhone 5S sia lo smartphone più venduto al mondo. Ad inizio anno sembrava che questa volta Samsung, con il suo Galaxy S5, potesse finalmente operare il sorpasso nei confronti della società nata dal genio di Steve Jobs; e invece, Apple si conferma società leader del settore. Anzi, no. Perché se è vero che l’iPhone 5S è il più venduto, è altrettanto vero che fra i primi 10 classificati ben 5 sono prodotti della casa coreana, a fronte di tre della Apple e due di Xiaomi. Non pervenute Nokia, LG, Sony.

 

La top “ten”.

ranking

Apple.

Il colosso americano mantiene la prima posizione della classifica con il suo ultimo modello di iPhone, il 5S, ottenendo anche la quinta e sesta posizione rispettivamente con gli iPhone 5C e 4S. Per quanto riguarda quest’ultimo, le buone prestazione e l’adattabilità ai nuovi software della Mela, congiuntamente ad un prezzo abbordabile, ne fanno uno smartphone ancora appetibile sul mercato. Tuttavia, i consumatori italiani risultano danneggiati rispetto a quelli francesi dove i modelli iPhone di Apple costano decisamente meno. Discorso a parte, invece, riguarda il 5C, i cui risultati in termine di vendite sono stati ben al di sotto delle aspettative; d’altra parte, con un leggero sforzo economico in più, è possibile acquistare il più efficiente ed esteticamente intrigante 5S. L’attenzione ora è volta, ovviamente, all’imminente uscita dell’iPhone 6.

4 foto Sfoglia la gallery

iPhone 6.

In particolare, con iPhone 6 si indica la prossima generazione di smartphone targati mela morsicata, che verrà presentata da Apple nella prima metà di settembre del 2014. Il nome non è tuttavia certo: seguendo le orme di iPad Air, infatti, sembra vi sia una buona possibilità il device venga chiamato iPhone Air. Non si tratterà di un semplice upgrade della versione precedente, bensì di un “melafonino” ampiamente ripensato dal punto di vista estetico e, forse, disponibile in due diverse dimensioni a schermo. La commercializzazione dovrebbe partire il 19 dello stesso mese, come svelano alcuni carrier tedeschi e una successiva fonte cinese. Questo per quanto riguarda il modello da 4,7 pollici, poiché il fratello maggiore da 5,5, se confermato, arriverà probabilmente in concomitanza con le vacanze natalizie. Sul fronte dei prezzi non si hanno ancora notizie certe: si pensa che i 4,7 possano assestarsi sull’ormai canonica soglia dei 700-800 euro, mentre i 5,5 potrebbero subire un’impennata consistente (c’è chi ipotizza anche 1.000 euro). Il tutto, ovviamente, senza considerare eventuali contratti e promozioni con gli operatori telefonici. Non sembra essere previsto, infine, un iPhone 6C. Rispettando l’ormai tradizionale tabella di Apple, che vede un ampio redesign della linea ogni biennio, iPhone 6 si dovrebbe differenziare dal predecessore iPhone 5S soprattutto a livello estetico, anche se novità di rilievo dovrebbero riguardare anche le dimensioni maggiori e un processore interno particolarmente sviluppato. Il design del melafonino, sebbene manchino le dovute certezze, sembra rappresentare il vero punto di svolta, così com’ è trapelato grazie a degli schemi industriali inoltrati ai partner produttivi cinesi e alle aziende specializzate in vendita di cover, quindi illecitamente pubblicati online. La prima novità è la possibile presentazione di due modelli: uno da 4,7 pollici e l’altro da 5,5. La risoluzione dovrebbe essere di tipo super-Retina, pari a 1704×960 pixel almeno per il modello base.

Samsung.

La presenza più consistente all’interno della top 10 parla coreano, con 5 smartphone su 10 targati Samsung. Quest’ultima si è assicurata addirittura secondo, terzo e quarto posto, con i Galaxy S5 e S4 e con il Note III. Analizzando le caratteristiche tecniche dell’S5, è immediato notare come abbia nelle sue corde prestazioni migliori rispetto all’iPhone 5S, sotto parecchi punti di vista. È evidente come il marchio Apple sia ancora un grosso richiamo per gli acquirenti, ma nel momento in cui il divario qualitativo fra i due top smartphone dovesse risultare chiaro a tutti, la situazione potrebbe davvero rovesciarsi. Ottavo e decimo posto invece per il Galaxy S4 Mini e il Galaxy Grand II; per quest’ultimo in particolare sono previste importanti impennate, vista la sempre maggior richiesta di dispositivi cellulari dallo schermo di notevoli dimensioni.

4 foto Sfoglia la gallery

Xiaomi.

I restanti due posti, settimo e nono, vanno alla casa cinese, che ha fatto proprio del mercato nazionale il suo maggior bacino d’utenza. È un grande risultato per un gruppo esistente da soli quattro anni, che ha saputo offrire un prodotto di livello qualitativo interessante a prezzi decisamente contenuti. Ad esempio, uno degli ultimi terminali prodotti dalla Xiaomi, il Mi-Three settimo classificato, pur essendo dotato dello stesso processore e della stessa grafica montati su altri terminali di altri competitor, costa in media – sul mercato cinese – circa il 50% in meno.

2 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia