Dal Camino de la Muerte a...

Le strade più pericolose del mondo

Le strade più pericolose del mondo
Personaggi 19 Giugno 2015 ore 15:00

Ci sono alcuni luoghi sparsi nel mondo in cui, oltre alla premura canonica da avere al volante, va aggiunta una cura maniacale per il percorso, a volte veramente inquietante, oltre che temibile e pericolante. L’abilità del guidatore nel portare a termine questa sorta di tragitti ad ostacoli è proporzionata ad un panorama mozzafiato, tanto sorprendente quanto colmo di rischi.

 

1) El Camino de la Muerte, Bolivia

01

È la strada che collega la capitale dello stato boliviano La Paz con Coroico, ed è lunga 56 km. Le pendenze, la mancanza di segnaletica e di recinzioni, aggiunte ai burroni e alla nebbia che si può incontrare di notte, fanno del tragitto sudamericano la strada su cui si sono registrati più morti per miglio (nel 1983 perirono circa 100 persone in un unico incidente).

 

2) Passo dello Stelvio, Italia

02

Con gli oltre 2.500 metri di altitudine, è il valico automobilistico più alto d’Italia e il secondo più alto d’Europa. Voluto a inizio Ottocento da Francesco I d’Austria per collegare Milano con la Val Venosta, venne completato nel 1825. Conta 84 tornanti, suddivisi tra territorio lombardo e altoatesino, di cui 60 a gomito.

 

3) Tunnel di Guoliang, Cina

guoliang-tunnel-road

Venne inaugurato il 1 maggio 1977 con l’infelice soprannome de “la strada che non ammette errori”, in quanto molte persone erano morte durante la costruzione. Permette agli abitanti di Guoliang di collegarsi con il mondo esterno attraverso un passaggio nelle montagne lungo 1,2 km, largo 4 metri e alto 5.

 

4) La strada tra Nepal e Tibet

nepal_450_v0

È una strada totalmente disastrata e piena di pericoli, quella che collega la città nepalese di Kathmandu con il campo base posto ai piedi del monte Everest. Per potersi accordare sul passaggio, gli automobilisti devono entrare in contatto prima della partenza, in quanto la larghezza della strada non permette in nessun punto il transito di due mezzi contemporaneamente.

 

5) Strada delle 52 gallerie, Italia

52 gallerie-2

Mulattiera militare di oltre 6.5 km, è stata costruita durante la Prima Guerra Mondiale per raggiungere il monte Pasubio. Circa un terzo del percorso è articolato nelle 52 gallerie presenti, ed ha una pendenza media del 12 percento con un picchio massimo attorno al 22 percento.

 

6) La strada dei troll, Norvegia

troll strada

Ecco il tipico esempio di strada pericolosa immersa in una natura incantata. 106 km con una pendenza dell’9 percento, fatta di 11 curve a gomito. Costruita nel 1936, non ci possono transitare veicoli più grandi di 12 metri. Nei mesi invernali viene chiusa per le avverse condizioni atmosferiche del Paese scandinavo.

 

7) Russian Siberian Road, Russia

roadofbonessiberiarussiaoctober_06

Su questa strada, che collega Mosca a Yakutsk, le temperature invernali scendono fino a - 45°, ghiacciando completamente il tragitto. Considerando che l’inverno in queste zone dura quasi 10 mesi, le problematiche sono molte, dato che quando non è ghiacciata, forte è il rischio pantano.

 

8) Col de Turini, Francia

col-de-turini

È la strada che collega i comuni transalpini di Moulinet e La Bollène-Vésubie, vicino a Nizza, nel sud della Francia. La salita di circa 24 km è delimitata da muretti molto bassi ed arriva fino ad un massimo di 1.607 metri di altezza.

 

9) Taroko Gorge Road, Taiwan

guoliang-tunnel-road

Lungo tunnel scavato nella roccia che percorre per 19 km circa il Parco Nazionale del Taroko. Ogni anno su questo tragitto si corre una maratona lungo i meravigliosi luoghi taiwanesi. L’ente del turismo del posto ha insignito il Parco del titolo di luogo più bello del Taiwan. Le curve strette e il vento che soffia di continuo rendono però la strada pericolosa per i veicoli in transito.

 

10) Strada Patiopoulo-Perdikaki, Grecia

grecia

Ecco una pericolosa mulattiera sita nel cuore della regione Agrafa in Grecia, caratterizzata da ghiaia e costellata di buche. Il tragitto è trafficato da qualsiasi tipo di veicolo e da ogni tipo di animale presente nella zona. In più sono alquanto pericolosi gli strapiombi ai lati dell’area di passaggio.