Oggi ha 32 anni

Nick, senza braccia e gambe ma con il coraggio di essere felice

Nick, senza braccia e gambe ma con il coraggio di essere felice
15 Dicembre 2014 ore 12:00

Nick Vujicic è un australiano trentaduenne trapiantato a Los Angeles. È marito e padre e di mestiere fa il predicatore. Ma ciò che rende la sua storia degna di essere raccontata è proprio quello che, quando aveva otto anni, pensava sarebbe stato la causa di una vita triste e senza luce. A causa di una malattia congenita, infatti, Nick è nato senza braccia e senza gambe. Il neonato stava benissimo, gli organi funzionavano senza problema. Ma gli mancavano gli arti e la medicina non poteva farci niente. Appena ha cominciato a prendere coscienza della sua diversità, Nick ha dovuto fare i conti con la paura che la sua esistenza sarebbe stata segnata da limiti e impossibilità: non avrebbe potuto nuotare, giocare a calcio, non avrebbe potuto sposarsi, perché, racconta oggi, «come avrei potuto trovare una fidanzata, se non ero in grado di tenerla per mano?». Ha persino pensato di suicidarsi, ma il senso di responsabilità nei confronti dei genitori gli ha fatto cambiare idea. Non voleva addolorarli.

Nick ha capito che l’unico “rimedio” sarebbe stato vivere senza pensare a quello che non aveva e che, pur desiderandolo, non avrebbe potuto mai ottenere. Si è dato da fare, ha sviluppato una personalità forte e solare e ha imparato a giocare a calcio, a golf e anche a nuotare. Grazie all’appendice che lui chiama “la mia zampa di gallina”, una mano monca posta alla base del tronco, riesce a guidare da solo la sedia a rotelle e ad essere autonomo quasi in tutto. Anche la sua prospettiva sulla faccenda del matrimonio è cambiata. Non si disperava più al pensiero che non avrebbe potuto tenere per mano una ragazza, perché quello che sarebbe stato fondamentale era riuscire a tenerle il cuore – una cosa per cui le mani sono del tutto inutili, ovviamente. Ci ha creduto talmente tanto che c’è riuscito. Nel febbraio 2012, infatti, si è sposato con Kanae Miyahara e, un anno dopo, è diventato padre di un bambino, Kiyoshi.

 

8 foto Sfoglia la gallery

 

Nick ha scritto alcuni libri, di cui l’ultimo è Love without Limits (Amore senza limiti), dedicato alla moglie e al figlio. Ha tenuto duemila conferenze in 44 Paesi. Nei suoi discorsi incoraggia le persone a non avere paura della paura, a non perdere mai la speranza, perchè «è una bugia pensare che non si è abbastanza bravi. È una bugia pensare che non si vale niente. Tutti facciamo errori, ma nessuno è un errore. Ma dovete osare di sognare. Dovete osare di aver fede, credere nell’amore, nella verità, nei principi. Prendete un giorno alla volta, e non arrendetevi mai!». Ammette che «la sua vita non è stata facile. Ma ora è piena di gioia, di amici e persone che amo e che mi vogliono bene». E ha il coraggio di dichiarare che adora vivere la vita e che è una persona felice.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia