Nati nel 2014

Il rock ironico dei bergamaschi Serp Un po' Skiantos e un po' Elio

Il rock ironico dei bergamaschi Serp Un po' Skiantos e un po' Elio
Personaggi 23 Agosto 2017 ore 10:45

Nel firmamento della scena musicale è apparso un meteorite lanciato a tutta velocità verso i palcoscenici della bergamasca e non solo: sono i Sana E Robusta Prostituzione e, tranquilli, non vogliono distruggerci, ma farci scatenare al ritmo della loro musica. I S.E.R.P. sono cinque, tutti ragazzi tra i 22 e i 28 anni, provenienti da Bergamo e dintorni. Il loro nome svela fin dal principio una chiara dichiarazione d’intenti: offrire qualche ora di sano divertimento in cambio di un’equa retribuzione; anche se, a differenza del più antico mestiere del mondo, il genere di intrattenimento da loro offerto vuole essere esclusivamente di natura musicale.

 

 

Band giovane e dinamica, i S.E.R.P. hanno visto la luce nel 2014, «Tutto è nato per gioco - spiega il cantante della band Lu ca Parimb elli, ventiquattrenne di Treviolo, – . Abbiamo creato un gruppo su Whatsapp con alcuni amici e da lì è partito tutto». Ma col tempo i ragazzi hanno capito di saperci fare sul serio. Così, il gruppo virtuale si è trasformato in una band reale e, dopo un primo periodo in cui si sono esibiti suonando cover, i S.E.R.P. hanno trovato nell’estate del 2016 il momento perfetto in cui sbocciare, proponendo al pubblico i loro brani inediti. L’impatto è stato subito fortissimo: «Abbiamo partecipato a diversi contest, in uno di questi ci siamo esibiti al Viper (storico locale di Firenze, ndr), dove abbiamo vissuto un’emozione grandissima – spiega Mattia Boroni, tastierista e co-fondatore del gruppo, – quelle esibizioni sono state il nostro trampolino di lancio e la risposta del pubblico è stata molto positiva».

 

 

Le canzoni dei S.E.R.P. sono ironiche e divertenti (non a caso i loro punti di riferimento sono Elio e le Storie Tese e gli Skiantos), ma i loro brani raccontano qualcosa di più: «Vogliamo che contengano un messaggio – dice Luca (che è anche l’autore dei testi) – ad esempio nel nostro brano Ilona stalker è presente un tematica molto attuale, seppur trattata con grande leggerezza». I loro concerti sono un concentrato di divertimento e adrenalina e non perdono occasione di divertire il pubblico con le loro gag ironiche e dissacranti. I giovani bergamaschi, però, non perdono di vista l’importanza della musica e le infinite emozioni che è in grado di regalare: «Per me la musica è tutto – racconta il chitarrista Luca Lazzari – e quando mi esibisco mi piace farmi guidare dall’emozione per tirare fuori il mondo che ho dentro». «Per noi la musica rappresenta la quotidianità della vita» conferma Mattia, «È talmente vero che la nostra prima canzone Aloe l’ho scritta mentre ero in bagno in campeggio» scherza Luca.

Ma non fatevi ingannare dalla loro leggerezza, i S.E.R.P. credono fermamente nel loro progetto e sono determinati a raggiungere il successo. Dopo una prima fase dell’anno ricca di concerti in giro per l’Italia, i ragazzi si stanno godendo il meritato riposo, ma tante idee bollono in pentola per settembre, quando torneranno alla carica con nuovi pezzi e nuove date: «Perché noi siamo i S.E.R.P. e vogliamo regalarvi un sacco di emozioni».