Dal Giornale di Treviglio

Soccorso «a quattro zampe» Hacker è il migliore d’Italia

Soccorso «a quattro zampe» Hacker è il migliore d’Italia
02 Ottobre 2018 ore 10:00

Sono precisi, instancabili e ancora oggi, nonostante la tecnologia stia facendo passi da gigante, sono insostituibili. Sono i cani da soccorso quelli che, in caso di necessità, corrono in aiuto di persone disperse in superficie o sotto le macerie. La cronaca nazionale negli ultimi anni ci ha abituato, purtroppo, troppo spesso a sperimentare la loro importanza: l’ultima proprio ad agosto con il crollo del ponte Morandi a Genova.

4 foto Sfoglia la gallery

Tra loro, protagonisti ancora troppo sottovalutati, c’è anche Hacker, pastore belga malinoise di quattro anni che con il suo conduttore Andrea Galimberti, si è appena classificato 14esimo nel Campionato mondiale Iro (International rescue dog organization) dei cani da soccorso, che si è tenuto a Lubiana dal 18 al 23 settembre, e al primo posto tra gli italiani nella categoria rubble (macerie). Un risultato più che soddisfacente per Iron Haker The Alphaville Bohemia, nato in un allevamento in Repubblica Ceca e arrivato nella sua nuova casa di Caravaggio a un anno d’età. E’ con lui che il veterinario 42enne Andrea Galimberti, già volontario in altre associazioni di soccorso, cinofilo dal 2008 e oggi dipendente dall’associazione nazionale Polizia di Stato, si è avvicinato all’Iro e ha iniziato il suo percorso di addestramento.

Come si fa. «La strada è molto impegnativa – ha raccontato – S’inizia fin da cuccioli per insegnare loro due cose fondamentali: l’obbedienza e la ricerca. Il cane deve imparare a rispondere subito e correttamente al comando che gli viene dato e successivamente viene sviluppata la sua naturale propensione alla ricerca attraverso un olfatto che decine di volte superiore a quello umano». Un vero e proprio lavoro che prosegue per almeno tre anni prima di consentire a un cane di approdare su scenari di ricerca reali nazionali e internazionali. Ma l’allenamento e l’addestramento continuano quotidianamente. Un «lavoro» che non è da tutti e nel quale si distinguono razze come il pastore belga, i labrador, il pastore tedesco e il border collie. Gli stessi conduttori devono superare test impegnativi.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia