Persone
Usa le mappe di Google e i social network

L'uomo che scopre dal suo pc dove l'Isis registra i suoi video

L'uomo che scopre dal suo pc dove l'Isis registra i suoi video
Persone 15 Settembre 2014 ore 18:55

Volete scoprire dove è stato ucciso James Foley? Cercate su Google Earth. O almeno questo è quello che fa Eliot Higgins, blogger britannico diventato in pratica analista di difesa e terrorismo, dopo aver aperto un portale dedicato al conflitto siriano e aver stupito tutti con le sue geolocalizzazioni delle azioni dell’Isis, e non solo.

A leggere quanto scrive c’è da rimanere stupiti dell’elementarità degli strumenti usati per approfondire situazioni tanto intricate: Higgins non è mai stato in Siria, vive a Leicester (in Inghilterra, a 3mila chilometri di distanza dal Califfato) e non parla mezza parola di arabo. Ma quando l’Isis pubblica un video su YouTube lo passa in rassegna fotogramma per fotogramma in cerca di dettagli, strade o alberi che possano essere poi presi come riferimenti sulle mappe di Google, aggiungendo talvolta passaggi su Panoramio, sito che permette di postare immagini taggandone con precisione la provenienza geografica.

E così è nato Bellingcat, sito in crowdfunding ormai specializzato proprio in questo: dare un luogo e un’ora alle immagini di delitti e rapimenti che accadono in giro per il mondo, specie nei luoghi di guerra del Medio Oriente. Per Higgins è diventato un lavoro: ha lasciato la sua precedente occupazione e con gli aiuti raccolti in rete si è creato un piccolo stipendio, dando maggiore linfa al blog che aveva da anni, dove si firmava con lo pseudonimo di Brown Moses.

8 foto Sfoglia la gallery

Le sue sono autentiche inchieste giornalistiche, fatte però sempre col sedere appoggiato alla sedia e gli occhi rivolti allo schermo del suo pc. Quanto scritto sull’omicidio di James Foley lascia capire bene come il blogger si muove: Higgins sul suo sito analizza i fotogrammi del video della decapitazione e ne evidenzia le ombre. Da lì deduce che sarebbe stato girato in orario mattutino. Ma è ancora nulla: dietro alla piana di deserto s’intravede del verde, lo sviluppo di alcune strade principali e di certe dune spinge verso un punto preciso delle colline a sud di Raqqa. Su Bellingcat viene così ricostruito il “set” perfetto dell’esecuzione, con tanto di indicazioni su dove si trovavano i due terroristi, il giornalista americano e le due videocamere.

I dettagli cui Higgins si appiglia per ricostruire il tutto appaiono a volte impeccabili, a volte leggeri. Alla fine, però, l’inchiesta regge alla perfezione, risultando incredibilmente inconfutabile. Tanto che Bellingcat è diventato un autentico punto di riferimento per servizi d’intelligence e giornali. I successi del portale, ad esempio, sono stati la localizzazione esatta di un campo d’addestramento segreto dell’Isis a Mosul, lungo il fiume Tigri, e, ancor prima, l’accertamento dell’attacco con gas sarin da parte di Assad a Damasco, nell’agosto 2013.

Ma non solo Siria, una delle inchieste che più lasciano a bocca aperta è relativa al volo MH17 abbattuto a luglio in Ucraina. Higgins ha fatto un lavoro minuzioso di analisi delle foto di carriarmati in grado di trasportare postazioni per missili Buk, confrontando video e immagini apparsi su diverse testate. Risultato? Non solo è stato in grado di scoprire con buona probabilità che le unità che hanno abbattuto il volo malese erano sotto il controllo dei filo-russi, ma è anche riuscito a stabilire, sempre in via molto probabile, da quale brigata e da quale mezzo (persino la targa) sarebbe partito il missile. Il tutto sempre e soltanto usando internet, YouTube, Facebook, Twitter e Google Earth. Con un metodo che lui stesso sul suo sito spiega passo per passo, per rendere tutti coscienti delle enormi potenzialità inconsapevolmente nascoste dentro ad un’immagine.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter