Persone
La richiesta è di 8 milioni

Marcos Acuña dalla Patagonia L'argentino che piace alla Dea

Marcos Acuña dalla Patagonia L'argentino che piace alla Dea
Persone 30 Luglio 2016 ore 08:00

«No… Por favor, lo mejor jugador que tiene Racing», ovvero: "No… Per favore, non il miglior giocatore del Racing (de Avellaneda, ndr)". Così commentano i tifosi argentini un articolo del sito racing.com.ar in cui si parla di una possibile cessione all’Atalanta di Marcos Acuña. Il centrocampista argentino classe 1991, secondo voci provenienti dal Sudamerica (ringraziamo per la collaborazione in tal senso il giornalista Leandro Belli) e confermate in Italia, è finito nel mirino del club bergamasco. «È un grande giocatore - continua un altro tifoso -, lo ha detto anche Milito (quello del triplete con l’Inter, ndr)». Ma chi è questo 25enne sudamericano che la Dea starebbe sondando con molto interesse? Cerchiamo di scoprirlo.

 

marcos acuna 1

 

Chi è. Marcos Javier Acuña nasce il 28 ottobre 1991 in Argentina, a Zapala, città della Patagonia con poco più di 35mila abitanti. Fin da giovane si trasferisce in un barrio di Buenos Aires per giocare nel Ferro Carril Oeste. Qui rimane tre stagioni, in cui incamera 117 presenze e 5 gol. Poi, il 18 luglio 2014, passa al Racing de Avellaneda (storico club della provincia di Buenos Aires con in bacheca 17 campionati, 12 coppe nazionali e 7 titoli internazionali) per 450mila euro. Nelle ultime due stagioni, tra campionato e coppa, è sceso in campo in 71 partite, segnando 8 reti; di queste, 19 in Copa Libertadores (la Champions League sudamericana).

Viene categorizzato come un centrocampista esterno, ma sa adattarsi anche nel ruolo di terzino. Destra o sinistra per lui è indifferente e in più occasioni ha coperto entrambe le fasce, nonostante il suo piede prediletto sia il mancino. Talvolta ha anche giocato come centrale di centrocampo, sebbene non sia certo il suo ruolo. Insomma, Acuña rappresenta il profilo perfetto per il 3-4-3 di Gasperini. È veloce, sa difendere e possiede una discreta tecnica. Chi lo conosce lo descrive inoltre come un calciatore molto carismatico, un vero e proprio trascinatore, come dimostra l'amore nei suoi confronti da parte del pubblico del Racing.

 

 

Il mercato. Seguendo in un forum la discussione dei tifosi riguardo ad una sua possibile cessione, sembra di leggere quelli degli atalantini dopo le partenze di Bonaventura o de Roon: «Bisogna trattenere i giocatori, iniziamo a pensare da grande squadra». Ma c’è anche chi risponde che «un club come il Racing, se l’offerta è buona, non può rifiutare». La società lo aveva dichiarato incedibile all’inizio della sessione di calciomercato, ma sembra che con un’offerta da 8 milioni di euro il giocatore possa lasciare il club biancazzurro. Trattando, l’Atalanta potrebbe portarlo in Italia anche per qualcosa in meno, ma non molto. In Argentina sono certi del fatto i nerazzurri stia sondando il terreno e che siano pronti a presentare un'offerta. Conferme arrivano anche dall'Italia. Pare quindi certo che il club bergamasco farà almeno un tentativo per acquistare Acuña, giocatore che rispecchia alla perfezione il profilo ricercato da Gasperini per completare la sua rosa e confermato anche da Sartori e Percassi a più riprese.

marcos acuna 2
Foto 1 di 4
marcos acuna 4
Foto 2 di 4
marcos acuna 5
Foto 3 di 4
marcos acuna 6
Foto 4 di 4

Il rapporto con il Racing. L'Atalanta e il club argentino si conoscono molto bene e sono in buoni rapporti, viste anche le trattative instaurate negli anni scorsi, sebbene non siano mai andate a buon fine. L'anno scorso, ad esempio, al club nerazzurro piaceva il difensore Lollo per sostituire il partente Yohan Benalouane, mentre all’Avellaneda sarebbe piaciuto riportare in patria Maxi Moralez e, ancora prima, il Papu Gomez. Oggi sembra che proprio Maxi possa fare ritorno al Racing nei prossimi giorni, lui che all'Avellaneda ha mosso i suoi primi passi calcistici tra il 2003 e il 2009. Chissà che Acuña non possa essere il primo affare a concludersi positivamente tra i due club. La trattativa è ancora in corso e non c'è niente di certo. Il Racing ha fissato il prezzo (alto). Ora sta all'Atalanta fare il secondo passo. Se ci saranno margini di trattativa, è possibile che una delle ali richiesta da Gasperini per completare la rosa possa essere proprio Acuña.

 

Monachello atalanta-brusaporto amichevole (1)

 

Non solo Acuña. Oltre al giocatore argentino, però, ci sono molti profili che l'Atalanta sta tenendo monitorati. Nonostante le continue voci, non ci sono novità di nessun tipo per Sportiello (Sepe non interessa e da Napoli non c'è stata nessuna offerta) e il Papu Gomez, dichiarati incedibili e al momento sicuri del loro futuro a Bergamo. L'attaccante Pinilla, invece, è atteso oggi 29 luglio a Zingonia e nei prossimi giorni ci sarà un confronto con la società per capire il suo futuro. L'intenzione dei dirigenti orobici è quella di tenere il cileno in rosa come alternativa a Paloschi e soltanto se arrivasse la sua cessione l'Atalanta tornerebbe su Borriello. L'attaccante napoletano è molto ambito (Cagliari e Bologna sono interessati a lui), ma il fatto che non sia arrivata nessuna firma fa capire come il giocatore sia molto interessato a ciò che succede a Bergamo. Circa le ali, per Federico Ricci della Roma e Quaison del Palermo la situazione è ancora abbastanza bloccata, mentre il reparto d'attacco nerazzurro, nei prossimi giorni, dovrebbe perdere anche Monachello (Bari, Novara e Cesena su di lui). La probabile partenza del giovane centravanti siciliano renderà certa la permanenza a Bergamo dell'ariete Petagna, che la società vorrebbe far crescere in casa.

Seguici sui nostri canali