Politica
Botta e risposta

Caduta del Governo Draghi, Violi: «Noi presi a schiaffi. La Lega si assuma le sue responsabilità»

Dopo che il governatore Fontana ha puntato il dito contro pentastellati e Pd, la risposta del grillino bergamasco. Che aggiunge: «A questo punto, meglio si torni al voto»

Caduta del Governo Draghi, Violi: «Noi presi a schiaffi. La Lega si assuma le sue responsabilità»
Politica 21 Luglio 2022 ore 17:35

«Avevamo posto questioni economiche e sociali, ci è stato risposto con una richiesta di delega in bianco e schiaffi in faccia»: si è espresso così, nella giornata di oggi (giovedì 21 luglio), il coordinatore del Movimento 5 Stelle in Lombardia, il bergamasco Dario Violi, riguardo la caduta del governo Draghi.

«Arrivati a questo punto meglio siano i cittadini a esprimersi in merito ai programmi delle forze politiche - ha aggiunto Violi -. La nostra proposta è chiara. Siamo vicini alle famiglie, che soffrono gli effetti della crisi pandemica e del caro energia, ai lavoratori che chiedono la dignità di un salario equo e alle piccole medie imprese da cui passa la ripresa e la tenuta economica del Paese. Continueremo a batterci per una transazione ecologica ed energetica, attraverso la quale guidare l'Italia verso un futuro sostenibile».

La dichiarazione arriva dopo che il presidente regionale Attilio Fontana aveva accusato i grillini e i dem di aver causato la crisi. Secondo Fontana, che si è esposto durante una conferenza stampa a Palazzo Lombardia, la crisi sarebbe stata «determinata esclusivamente dai comportamenti del Pd, che ha cercato di destabilizzare presentando delle proposte di legge assolutamente divisive, e poi dai Cinque Stelle, che concretamente hanno tolto il loro sostegno al governo».

Accuse inequivocabili, a cui poi il governatore ha aggiunto: «Io credo che ormai non ci fossero più le condizioni per proseguire. Forza Italia e la Lega hanno cercato una soluzione per dare un’opportunità di continuare escludendo dal governo i Cinque Stelle, che erano quelli che avevano creato questa situazione, ma quest’opportunità non è stata colta».

Una versione non condivisa da Violi: «Tutto il Paese ha visto Lega e Forza Italia decidere di far cadere il governo - ha affermato -. Una scelta dettata esclusivamente da ragioni di opportunismo politico. Abbiano almeno la decenza di assumersene la responsabilità. Fontana e il centrodestra lombardo non fuggano come Salvini, che ieri in Senato non ha nemmeno avuto il coraggio di prendere la parola per la dichiarazione di voto».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter