Menu
Cerca
operazione trasparenza

Dalla Regione dati sulle vaccinazioni vecchi di due settimane, la rabbia di Carretta

Per il consigliere regionale bergamasco di Azione le ipotesi sono due: «O non ci vogliono fare avere i dati aggiornati, oppure effettivamente non li hanno»

Dalla Regione dati sulle vaccinazioni vecchi di due settimane, la rabbia di Carretta
Politica 20 Aprile 2021 ore 17:09

Da tempo il consigliere regionale bergamasco di Azione, Niccolò Carretta, chiede al Pirellone dati aggiornati sull’andamento della campagna vaccinale, suddivisi per categoria di vaccinazione e su base comunale, raccolti provincia per provincia. L’ultima richiesta avanzata in nome della trasparenza porta la data del 15 aprile, giorno in cui Carretta aveva ricevuto dalla Commissione sanità una tabella fin troppo snella, neanche lontanamente paragonabile alla mole di dati richiesta.

Oggi, martedì 20 aprile, a distanza di cinque giorni, è arrivato il documento tanto atteso. Peccato però che i dati siano vecchi di oltre due settimane, rendendo infatti conto solo delle vaccinazioni settimanali eseguite in Lombardia dal 14 marzo al 4 aprile.

«Prendo atto, visto l’ennesimo file retrodatato e non aggiornato, dell’inefficienza della Regione – osserva con rammarico Niccolò Carretta – visto che il massimo della trasparenza che riescono ad offrire è una tabella aggiornata a due settimane fa. Le ipotesi sono due, o non ci vogliono far avere i dati aggiornati oppure effettivamente non li hanno, cosa che troverei gravissima perché non è ammissibile che la Lombardia non sappia quanti e quali siano i soggetti vaccinati questa settimana».

Secondo l’ultimo aggiornamento pubblicato sul sito dell’Aifa, in Lombardia sono state somministrate 2.452.186 dosi sulle 2.890.830 consegnate: ossia l’84,8% del totale dei vaccini che sono stati distribuiti. Guardando però alla lentezza con cui il Pirellone fornisce i dati, il consigliere regionale di Azione non può che porsi un interrogativo.

«A questo punto – aggiunge Carretta – mi chiedo quali siano i dati che vengono trasmessi al Governo e se siano qualitativamente e temporalmente validi. Ma soprattutto come fa l’assessore al Welfare Letizia Moratti a twittare numeri esatti come ha fatto il 10 aprile: “Anche ieri superate le 45mila vaccinazioni, con più di 30mila over 80, Regione Lombardia si appresta a completare questa fascia d’età. La mia intervista al TG5 dalla Fabbrica del Vapore di Milano”».

«Trovo questa modalità molto strana – conclude Niccolò Carretta -, poco trasparente e assai irrispettosa nei confronti di chi chiede legittimamente dati pubblici e aggiornati. Non parteciperò alla Commissione di domani se non arrivano in serata dati più precisi, puntuali e aggiornati».

Condividi