Alle urne

Elezioni 2024 a Grassobbio, le ultime interviste a Manuel Bentoglio e Stefano Nozza

Il primo cittadino uscente dovrà vedersela con un rivale di soli 24 anni, molto motivato e desideroso di dare voce ai giovani del paese

Elezioni 2024 a Grassobbio, le ultime interviste a Manuel Bentoglio e Stefano Nozza
Pubblicato:

di Stefano Nava

A Grassobbio, il sindaco uscente Manuel Bentoglio si trova davanti un rivale giovane e agguerrito, ovvero Stefano Nozza. Sarà una sfida interessante.

Bentoglio: «Una piazza tutta nuova»

Manuel Bentoglio, 55 anni, sindaco uscente, è candidato con la lista civica “Andiamo Avanti Insieme”.

Perché i cittadini dovrebbero votare lei?

«Perché ho dimostrato di mantenere tutte le promesse fatte in campagna elettorale, nonostante le difficoltà del Covid. Se sarò rieletto, essendo una persona concreta, proseguirò il mio lavoro fin da subito, tenendo fede alle parole chiave del mio precedente mandato: trasparenza, ascolto e dialogo con i cittadini. Nella formazione della mia nuova squadra ho voluto dare importanza alle nuove generazioni, affinché portino linfa e idee, senza sottovalutare figure di comprovata esperienza». (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 13 giugno, o in edizione digitale QUI

Nozza: «Facciamo rinascere il centro»

Stefano Nozza, 24 anni, diplomato in Informatica ed economia aziendale, è il candidato sindaco per la lista “CambiAmo Insieme Grassobbio”.

Perché i cittadini dovrebbero votare lei?

«Perché abbiamo tra i candidati le professionalità per prendere in carico le necessità del paese: dall’edilizia al sociale, dalle associazioni alla cultura, dalla scuola al bilancio. Credo di avere la forza per fare sintesi di queste competenze e di avere l’energia per portare a termine gli impegni del nostro programma. Siamo alternativi all’attuale amministrazione, che ha speso tanti soldi per esternalizzazioni non necessarie, che ha dato in gestione a privati strutture che sono costate tantissimo, che aveva promesso di riqualificare il centro storico e vediamo in questi giorni lo stato in cui è via Roma». (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 13 giugno, o in edizione digitale QUI

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali