Amministrative

Elezioni 2024 a Levate, le ultime interviste ai candidati Agazzi, Colombo e Pinotti

L'attuale assessora alla Cultura se la vedrà con un ex collega e con l'esponente della lista civica "LevateSì"

Elezioni 2024 a Levate, le ultime interviste ai candidati Agazzi, Colombo e Pinotti
Pubblicato:

di Andrea Carullo

Sarà una gara a tre quella per il sindaco di Levate. In campo, due esponenti politici noti come Paola Agazzi e Giulio Colombo e la new entry Desdemona Pinotti, con una lista civica.

Agazzi: «Centro per gli anziani e una scuola "aperta"»

Paola Agazzi

Paola Agazzi, attuale assessora alla Cultura con delega alla Pubblica istruzione e candidata sindaco per la lista civica “Nuova proposta per Levate”, è una delle sorprese di queste elezioni per Levate. Suo è il compito di raccogliere il testimone del sindaco uscente, Maickol Duzioni, e di continuare lungo il percorso già fatto negli ultimi cinque anni.

Agazzi, perché dovrebbero votare lei e non gli altri?

«Credo che dovrebbero votare me e la mia squadra perché, in questi cinque anni di lavoro, abbiamo dimostrato di avere a cuore il paese di Levate. Con le nuove persone in lista siamo sicuri di portare nuovo entusiasmo e nuove idee per rendere ancora più bello e piacevole vivere nella nostra Levate, continuando sulla strada percorsa fino a ora, ma sempre con un occhio rivolto al futuro per migliorare e crescere ancora insieme come comunità e come paese». (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 13 giugno, o in edizione digitale QUI

Colombo: «Parliamo coi cittadini, fermiamo il cemento»

Giulio Colombo, presente da anni nella politica levatese, è il candidato sindaco della lista “Uniti per Levate”.

Colombo, perché dovrebbero votare lei e non gli altri?

«Perché sia nei cinque anni come minoranza consigliare sia nei cinque precedenti, nei quali ho ricoperto il ruolo di assessore alle Opere pubbliche, urbanistiche ed edilizia privata, ma soprattutto anche da privato cittadino ho dimostrato la disponibilità a voler avere un dialogo, a ragionare, a dare delle risposte e voler capire le necessità di questa comunità. Questa disponibilità da parte mia non è mai mancata, così come l’apertura nei confronti di tutti per affrontare le varie problematiche nel migliore dei modi. Credo che il metterci seduti a un tavolo a ragionare sia parte del mio carattere. Tornando alla domanda, quindi, dovrebbero votare me e il mio gruppo per la capacità di saper comunicare col cittadino in maniera diretta e privata, che accomuna me e la mia lista, e perché ci sentiamo pronti a questo impegno ognuno con le proprie competenze, i propri interessi e le proprie idee da mettere al servizio della comunità». (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 13 giugno, o in edizione digitale QUI

Pinotti: «Una residenza protetta e spazi d'aggregazione»

Desdemona Pinotti, titolare dell’azienda Dp Service, è la candidata sindaco per la lista civica “LevateSì”.

Pinotti, perché dovrebbero votare lei e non gli altri?

«Votare per noi significa scegliere un gruppo di persone levatesi, che conoscono e hanno a cuore il territorio e il paese in cui vivono, persone con forti competenze in diversi settori e impegnate nella società civile, pronte ad affrontare le sfide dell’amministrazione di un Comune. Siamo persone con esperienza amministrativa e professionale, pronti a trasformare in realtà ciò che per molti sembra solo un’utopia. Perché abbiamo programmi ambiziosi, ma realizzabili, che potrebbero davvero cambiare volto al nostro Comune e renderlo più efficiente, più attento ai cittadini, più vivibile e sicuro. Abbiamo l'entusiasmo che ci spinge ad affrontare le sfide e vedere le opportunità al di là dell’ostacolo». (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 13 giugno, o in edizione digitale QUI

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali