Nuove leve

Elisa Redolfi e Giorgia Casali, le più giovani in corsa alle elezioni di Seriate

La prima, in lista con Fratelli d’Italia, compirà diciott’anni il 6 giugno. La seconda ha un anno in più, record provinciale per il Partito Democratico

Elisa Redolfi e Giorgia Casali, le più giovani in corsa alle elezioni di Seriate
Pubblicato:

di Marta Belotti

Se verrà eletta in Consiglio, o anche solo se la sua coalizione vincerà proclamando Gabriele Cortesi sindaco, per lei sarà festa doppia: di compleanno e per le amministrative. Elisa Redolfi, candidata nella lista di Fratelli d’Italia di Seriate, compirà infatti i suoi 18 anni il 6 giugno, a pochissimi giorni dalle elezioni amministrative per le quali si vota l’8 e il 9 con lo spoglio previsto nel pomeriggio del 10. Il regolamento impone infatti che i candidati abbiano compiuto la maggiore età il primo giorno in cui sono previste le votazioni.

Non stupisce quindi che sia lei la più giovane candidata della provincia, un record davvero difficile da battere. Già da qualche anno attiva nel movimento giovanile di Fratelli d’Italia, Redolfi spiega cosa spinga una ragazza a iniziare non solo a interessarsi, ma anche a impegnarsi attivamente nella politica: «Innanzitutto la voglia di fare del bene per il proprio Comune. Spesso dicono che la politica non appartiene ai ragazzi, invece secondo me è l’opposto. Siamo noi a dover avere le redini in mano: c’è bisogno giovani in tutti gli ambiti, per cambiare le cose».

Giorgia Casali, candidata nelle file del Partito Democratico
Giorgia Casali, candidata nelle file del Partito Democratico

Redolfi è al quarto anno dell’Istituto tecnico Lorenzo Lotto di Trescore, dove studia Relazioni internazionali per il marketing: «Ora mi divido tra studio ed elezioni. L’attività politica mi prende tempo ed energie, ma io sono felice di potermi spendere in questo modo».

Ha invece un anno in più Giorgia Casali, candidata nella lista del Partito Democratico (in sostegno ad Anna Piras) e la più giovane in provincia in lista con questo partito. Per lei entrare in corsa alle amministrative appena possibile «è stata una decisione naturale».

Spiega: «Mio padre è nel Partito Democratico di Seriate da che io ne abbia memoria. Mi ha dato l’esempio e (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 6 giugno, o in edizione digitale QUI

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali